Quando le sabbie cantano

Sapevate che le dune possono cantare? Il fenomeno in questione prende il nome di singing sands (letteralmente sabbie cantanti) e si tratta dell’emissione di un suono che arriva a sfiorare i 105 decibel per vari minuti e che è stato ascoltato in 35 deserti sparsi per il mondo [1].

cropped-tvyamnb-bivtnwcoxtkc5xgbugkimh_nj4ujhqkuorphrg2a89s0s89xwjpi_weny5jzqzx9gdupaa.jpg

Già Marco Polo nel tredicesimo secolo udì nel deserto di Lop (in Cina), quello che a suo dire sembrava il suono di una moltitudine di strumenti musicali, probabilmente suonati dagli spiriti [2].

Oggi sappiamo che spiriti non sono, ma fino a poco tempo fa ancora non esisteva una spiegazione dettagliata di questo fenomeno, nonostante non fossero mancati studi a riguardo

Il mistero sembra essere stato svelato da uno studio pubblicato il 27 Ottobre sulla rivista Physics of the Fluids da un gruppo di ricerca del California Institute of Technology [3].

I ricercatori hanno studiato i suoni provenienti dalle sabbie dei deserti Kelso ed Eureka Dunes, in California, usando dei geofoni, dei particolari microfoni immersi nel sottosuolo che sono in grado di rilevare le onde che vi si propagano. La struttura delle dune invece è stata studiata tramite l’utilizzo di radar.

In questo modo i ricercatori hanno scoperto che le dune che cantano sono strutturalmente diverse da quelle silenziose. Le prime infatti sono caratterizzate dal possedere uno strato uniforme di sabbia asciutta spesso circa 1,5 m che ricopre tutto lo strato umido sottostante e che assorbe ed amplifica alcune frequenze più di altre.

Quando le dune si muovono, emettono onde sonore a varie frequenze. Queste onde vengono intrappolate nello strato asciutto, rimbalzando ripetutamente tra lo strato umido e l’aria esterna fino a dissiparsi completamente. In alcuni casi però, quando la frequenza delle onde è compresa tra 70 e 105 Hz (con un picco a 80 Hz), queste invece di cancellarsi si amplificano, generando il suono caratteristico delle singing sands.

In particolare gli autori dell’articolo hanno rilevato la presenza di due tipi di onde che generano due suoni diversi: uno con frequenze piccate a 70 Hz che genera dei suoni brevi e poco intensi ed un altro a circa 85 Hz che genera invece suoni esplosivi. I due tipi di onde acustiche sono in realtà legate a fenomeni fisici differenti. Le prime viaggiano a circa 115 m/s e sono delle onde dette Rayleigh, ossia che viaggiano sulla superficie del corpo. Le seconde invece viaggiano a circa 250 m/s e sono onde di volume, ossia legate alla compressione e alla rarefazione.

Per potersi gustare appieno questi canti delle dune occorre quindi solo andare in un deserto [4] in una giornata particolarmente calda e secca armati di pazienza e di una buona sopportazione del caldo.

[1] Qui e qui degli esempi di questo suono.

[2] The Travels of Marco Polo, Volume 1, Clicca qui per il testo in questione

[3] N. M. Vriend, M. L. Hunt and R. W. Clayton, Linear and nonlinear wave propagation in booming sand dunes, http://scitation.aip.org/content/aip/journal/pof2/27/10/10.1063/1.4931971

[4] Oltre ai già citati Kelso Dunes e Eureka Dunes in California, si può assistere all’evento nel Warren Dunes nel Michigan, nella Sand Mountain in Nevada, nelle Booming Dunes nel deserto di Namib (Africa), Porth Oer nel Galles, nell’Indiana Dunes in Indiana, Barking Sands nelle Hawaii, Mingsha Shan in Cina, Kotogahama Beach in Giappone, Singing Beach in Massachusetts; vicino Mesaieed nel Qatar e in Gebel Naqous, vicino el-Tor, in Egtto.

Immagine in evidenza: Sahara (Mauritania), fotografia di George Steinmetz (nationalgeographic.com)

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'esperimento Proto-Sphera
Vi capita mai di pensare, quando guardate le stelle o mentre vi godete il calore del sole, che state ricevendo l'energia erogata da milioni di atomi che si sono fusi nel nucleo di una stella
Uno per 14 e 14 per uno: osservato il megamerging di 14 galassie
Usando il Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), un gruppo internazionale di astronomi è riuscito ad osservare l'incipit di un enorme scontro
L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
Meccanica Statistica questa sconosciuta
Oggi vi voglio parlare della Meccanica Statistica, ovvero della sorellina minore, non per importanza scientifica sia ben chiaro, della più nota triade composta da Meccanica Classica,
La prima immagine 3D di una nube molecolare
Utilizzando il Telescopio Spaziale Herschel dell'ESA, due ricercatori hanno osservato una nube molecolare situata a 570 anni luce di distanza dalla Terra nella costellazione
Speciale Halloween: i "mostri" dell'universo
Ebbene sì, i mostri non esistono solo nei film horror o nei nostri incubi. Anche l'Universo ospita qualche "mostruoso creatura" che ci fa tremare alla sola vista! Stiamo parlando

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Pan, il disco volante satellite di Saturno
Per la prima volta la sonda Cassini si è avvicinata abbastanza al piccolo satellite di Saturno Pan da permettere di osservarne dettagliatamente la superficie.

Che Pan avesse
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Medaglie Fields 2018, l'italiano Alessio Figalli tra i vincitori

La medaglia Fields, in onore del professor John Charles Fields, è un premio che viene assegnato ogni quattro anni in occasione del congresso internazionale
Backyard Worlds: Planet 9 - Tutti possiamo cercare il nono pianeta
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del
Cos'è l'equinozio d'Autunno
Oggi, 22 settembre 2017 alle 22:02, ricorre l’equinozio d'autunno. Ma perché esiste una data precisa che indica la variazione di stagione?
Non tutti sanno, forse, che l’inizio di una stagione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: