Tuoni e fulmini

Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l’origine ci permette di osservarli con una meraviglia ancora maggiore.

Il fulmine è un fenomeno di scarica di corrente tra regioni cariche elettricamente nelle nubi o tra nubi e suolo. Può avvenire quando una regione della nube si carica negativamente e le particelle cariche vengono attratte dalle particelle positive che si trovano a terra (fulmine nube-suolo), in un’altra regione della nube (fulmine intranube) o in un’altra nube (fulmine internube). Ciò genera un rapido passaggio di particelle cariche da una regione all’altra che si manifesta come un plasma [1] (la saetta), un bagliore diffuso ed il tuono. Quest’ultimo generalmente si ascolta in ritardo rispetto al momento in cui si osserva la luce in quanto la velocità del suono è circa 300.000 volte minore di quella della luce. Sulla Terra cadono circa 1.4 miliardi di fulmini all’anno con una durata media di 0.2 secondi, quanto un battito di ciglia!

Si osservano fulmini anche nelle eruzioni vulcaniche, nelle tempeste di sabbia, nei tornado, nelle bufere di neve e negli incendi boschivi.

Ma perché le nubi si caricano elettricamente? Quello che si osserva è un accumulo di cariche negative nella parte bassa della nube e di cariche positive nella parte alta. Esistono due teorie fondamentali che cercano di spiegare tale fenomeno: la teoria gravitazionale e la teoria convettiva.

Nella prima la causa dell’esistenza delle regioni cariche è la differenza di massa tra particelle cariche negativamente e positivamente. Le particelle più grandi e massicce, infatti, si strofinerebbero più facilmente tra di loro, caricandosi negativamente. Siccome le masse maggiori saranno maggiormente attratte verso il basso, si creeranno regioni cariche differentemente. La teoria gravitazionale è più accreditata, ma non spiega il fenomeno nelle situazioni in cui non vi siano particelle di ghiaccio.

La teoria convettiva invece spiega la carica come una cattura degli ioni che viaggiano nell’atmosfera da parte delle nubi. Queste cariche si possono formare a causa dell’attrito tra le particelle nei moti interni alle nubi temporalesche, per poi venire catturate dalle goccioline d’acqua  che costituiscono le nubi stesse, creando così delle regioni cariche.

[1] Il plasma è lo stato della materia simile ad un gas, ma costituito prevalentemente da particelle cariche, cosa che in genere richiede elevate temperature: ecco perché la maggior parte del plasma lo troviamo nelle stelle.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,
Alla ricerca di meteoriti – come trovarle e riconoscerle
Ospitiamo come ormai da consuetudine per l'Asteroid Day, un contributo di Nicola Mari, geologo planetario a Glasgow che si occupa anche di divulgazione scientifica.
Il paradosso di Achille e la tartaruga
Eccoci tornati con il nostro solito articolo sui paradossi. Stavolta prenderemo in considerazione un paradosso molto famoso e conosciuto da tutti, o quasi: il paradosso di Achille
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I
Onde Gravitazionali: la scoperta del secolo, dopo un secolo
Siamo nel 1916. Albert Einstein formula la sua teoria più rinomata: la Relatività Generale. Tra le altre cose, che hanno rivoluzionato la fisica e la nostra
Come funzionano i globi a levitazione magnetica
Vi è mai capitato di vedere uno di quei giochi costituiti da un globo, ad esempio terrestre, sospeso in aria all'interno di una struttura a semicerchio? Vi siete mai chiesti
Trump ci riporterà sulla Luna?
Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, l'11 dicembre ha firmato una direttiva che richiede alla NASA di tornare sulla Luna. L'ordinanza presidenziale è stata effettuata senza indicazioni

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'esperimento Proto-Sphera
Vi capita mai di pensare, quando guardate le stelle o mentre vi godete il calore del sole, che state ricevendo l'energia erogata da milioni di atomi che si sono fusi nel nucleo di una stella
Cos'è l'equinozio di Primavera
Oggi, 20 marzo 2018 alle 17:15, ricorre l'equinozio di Primavera. Ma perché esiste una data precisa che indica la variazione di stagione?
Non tutti sanno, forse, che l’inizio di una stagione
Video a confronto che mostrano il vuoto tra Saturno e gli Anelli
Di recente la sonda Cassini ha iniziato la fase della missione denominata come Grand Finale, 22 orbite strette attorno a Saturno che porteranno alla distruzione
SpaceUp: la Non-Conferenza sbarca a Pisa il 5 e 6 Maggio
La prima SpaceUp ha avuto luogo a San Diego nel 2010, in italia c'è stata un'edizione a Roma nel 2015 ed una a Milano nel 2016. Ma che cos'è SpaceUp, e che cos'è
Eclissi solare USA: cos'è e come vederla in streaming
Il 21 agosto 2017 gli Stati Uniti verranno attraversati da un’eclissi totale di Sole. Sarà uno dei fenomeni astronomici più seguiti di sempre. Vediamo un po’ di cosa
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: