Stelle di Wolf-Rayet: luminose ma invisibili

Le stelle variabili eruttive Wolf-Rayet (note semplicemente come stelle WR) sono stelle caratterizzate da una rapida espulsione della propria massa tramite venti solari veloci (fino a 2000 km/s). Hanno massa almeno 20 volte quella del nostro Sole e temperatura superficiale tra i 30.000 e 200.000 K (il Sole arriva a malapena a 6000 K!). La loro elevatissima temperatura fa sì che non siano quasi osservabili nella luce visibile, ma che emettano molto nei raggi ultravioletti e persino nei raggi X.
 
Le WR perdono in genere 1/100.000 di masse solari all’anno a causa dell’intensa attività solare a cui sono soggette. Non si conosce esattamente la causa di questa espulsione, ma l’ipotesi più accreditata è che si tratterebbe di supergiganti rosse con masse tra 20 e 45 masse del Sole che hanno espulso il guscio più esterno di idrogeno sotto forma di venti solari, lasciando scoperto il nucleo di elio. Queste espulsioni vanno poi a generare delle nebulose attorno alla stella, come nel caso della WR124 in foto che ha creato la nebulosa M1-67.
In alternativa queste supergiganti rosse sarebbero potute diventare supergiganti gialle per poi esplodere in supernovae. Si pensa in ogni caso che anche le WR finiscano la loro vita in maniera esplosiva, con supernovae o lampi gamma.
wr124_hubbleschmidt_960
La Wolf-Rayet WR124, a circa 130.000 anni luce da noi, nella costellazione della Freccia, foto di July Schmidt, NASA
Si tratta di stelle piuttosto rare, tanto che se ne conoscono solo circa 500, scoperte tutte dopo il 2000 tramite delle ricerche che miravano proprio a cercare questa tipologia di oggetti nel piano galattico.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA
Alla ricerca di meteoriti – come trovarle e riconoscerle
Ospitiamo come ormai da consuetudine per l'Asteroid Day, un contributo di Nicola Mari, geologo planetario a Glasgow che si occupa anche di divulgazione scientifica.
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International
Un nuovo ramo delle tauridi aumenta il pericolo di impatto sulla Terra
Lo sciame meteorico delle tauridi è generato dai residui della cometa 2P/Encke, che periodicamente lascia parte dei suoi materiali durante il passaggio
Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.
L'Angolo dei Paradossi: Il dilemma del coccodrillo

Un coccodrillo aveva afferrato un bambino che stava giocando sulle rive del Nilo. La madre implorò il coccodrillo di restituirglielo. "Certo" disse il coccodrillo.
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,

0 pensieri riguardo “Stelle di Wolf-Rayet: luminose ma invisibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: