Centinaia di galassie nascoste, proprio sotto il naso

Quante volte ci capita di non trovare qualcosa che poi scopriamo avere in tasca? Le polveri della nostra galassia ci avrebbero finora nascosto non una, ma centinaia di galassie vicine (a 250 milioni di anni luce) e ad oggi sconosciute. Un gruppo internazionale di ricerca ha messo le mani in tasca ed è riuscito a scoprirle, utilizzando il radiotelescopio australiano Parkes. 

Se vi è mai capitato di osservare un bel cielo di notte, avrete sicuramente notato quella scia luminosa di stelle che è la parte centrale della Via Lattea. La nostra posizione nella galassia è infatti piuttosto periferica, e la parte centrale della galassia ci nasconde una buona porzione di cielo, detta Zona d’ombra galattica, in corrispondenza di quella scia luminosa.

Per fortuna le onde radio riescono in buona parte ad oltrepassare questa Zona d’ombra, e su queste si è basato lo studio in questione, riuscendo a scovare centinaia di nuove galassie, finora sconosciute.

Hidden-galaxies-Animation-1-664x374
Le onde radio riescono ad attraversare la spessa coltre di stelle e polveri di cui è costituito il centro della nostra galassia, rivelandoci l’esistenza di numerose nuove galassie.

Il gruppo di ricerca ha mappato 883 galassie, un terzo delle quali non erano mai state osservate, e potrebbero spiegare il mistero del Grande Attrattore, una sorgente -finora- sconosciuta di gravità che attrae tutte le galassie del Superammasso Locale (un grande gruppo di galassie di cui fa parte anche la nostra). Calcolando che in media una galassia contiene 100 miliardi di stelle, si tratta di una grande porzione di massa che ci mancava nei calcoli.

Il lavoro che ha dovuto svolgere il team di ricerca è stato molto lungo e complesso, tanto che i dati a cui fa riferimento sono stati raccolti tra il 1997 ed il 2000 e pubblicati solo oggi!

Qui potete trovare l’articolo in questione

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La fine delle Opportunità
Era pensato per percorrere 1 km in 90 giorni marziani, ed invece è durato 45 km e 15 anni. Ma nonostante questo il mondo dell'astronautica è in lutto: Opportunity è definitivamente perduto.



La
A tutto plasma! - Parte I
Una delle ricerche più promettenti per lo sviluppo di nuovi sistemi di propulsione spaziale è quella riguardo i propulsori al plasma.
L'obiettivo dei propulsori al plasma è lo stesso dei propulsori
Kepler-1625b-I: la prima candidata Esoluna
La ricerca dei pianeti extrasolari è attualmente una delle maggiori sfide tecnologiche in campo astrofisico, in quanto richiedono enorme precisione della strumentazione e grande
Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante
Eclissi solare USA: cos'è e come vederla in streaming
Il 21 agosto 2017 gli Stati Uniti verranno attraversati da un’eclissi totale di Sole. Sarà uno dei fenomeni astronomici più seguiti di sempre. Vediamo un po’ di cosa
Ultima Thule, quando la prospettiva inganna
Pupazzo di neve o scamorza affumicata? Sembrerebbe nessuno dei due, infatti la forma di Ultima Thule è probabilmente diversa da quella che sembrava ad un primo sguardo.


Una
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: