Centinaia di galassie nascoste, proprio sotto il naso

Quante volte ci capita di non trovare qualcosa che poi scopriamo avere in tasca? Le polveri della nostra galassia ci avrebbero finora nascosto non una, ma centinaia di galassie vicine (a 250 milioni di anni luce) e ad oggi sconosciute. Un gruppo internazionale di ricerca ha messo le mani in tasca ed è riuscito a scoprirle, utilizzando il radiotelescopio australiano Parkes. 

Se vi è mai capitato di osservare un bel cielo di notte, avrete sicuramente notato quella scia luminosa di stelle che è la parte centrale della Via Lattea. La nostra posizione nella galassia è infatti piuttosto periferica, e la parte centrale della galassia ci nasconde una buona porzione di cielo, detta Zona d’ombra galattica, in corrispondenza di quella scia luminosa.

Per fortuna le onde radio riescono in buona parte ad oltrepassare questa Zona d’ombra, e su queste si è basato lo studio in questione, riuscendo a scovare centinaia di nuove galassie, finora sconosciute.

Hidden-galaxies-Animation-1-664x374
Le onde radio riescono ad attraversare la spessa coltre di stelle e polveri di cui è costituito il centro della nostra galassia, rivelandoci l’esistenza di numerose nuove galassie.

Il gruppo di ricerca ha mappato 883 galassie, un terzo delle quali non erano mai state osservate, e potrebbero spiegare il mistero del Grande Attrattore, una sorgente -finora- sconosciuta di gravità che attrae tutte le galassie del Superammasso Locale (un grande gruppo di galassie di cui fa parte anche la nostra). Calcolando che in media una galassia contiene 100 miliardi di stelle, si tratta di una grande porzione di massa che ci mancava nei calcoli.

Il lavoro che ha dovuto svolgere il team di ricerca è stato molto lungo e complesso, tanto che i dati a cui fa riferimento sono stati raccolti tra il 1997 ed il 2000 e pubblicati solo oggi!

Qui potete trovare l’articolo in questione

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Raggi Cosmici, Fulmini e Datazioni al Carbonio
Un nuovo studio dell'Università di Kyoto ha scoperto che le tempeste possono produrre gli stessi isotopi del carbonio che vengono prodotti dai raggi cosmici ed usati per
Hawaii: esploso il vulcano Kilauea
Le prime ore della mattina di oggi sono state piuttosto turbolente per i cittadini hawaiiani, che seppur evacuati per tempo, hanno visto esplodere il Kilauea, uno dei più noti vulcani
La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione
Le più belle foto del mese - Dicembre 2016
Sono qui raccolte le più belle immagini di dicembre pubblicate quotidianamente sulla pagina facebook di questo blog. Cliccate sulle immagini per vederne la descrizione e mettete
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.

Hall Effect Thrusters (HET)



Gli HET, o Propulsori
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Il premio Abel 2018: Robert Langlands
Il premio Abel viene assegnato annualmente dal Regno di Norvegia ad uno o più matematici che si sono distinti in maniera considerevole nel loro campo.
È stato istituito nel bicentenario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: