Nuovi indizi per Planet 9

Uno studio fornisce nuovi indizi che avvalorano l’ipotesi dell’esistenza di un nono pianeta nel sistema solare e dà indicazioni sul luogo in cui cercarlo, basandosi sulle perturbazioni ai segnali radio inviati dalla sonda Cassini.

Ricordate il famoso Planet 9 che ha fatto tanto scalpore nell’ultimo mese? Per chi non lo ricordasse, si tratta di un possibile nono pianeta nel sistema solare che finora sarebbe sfuggito alle nostre osservazioni. Il 20 gennaio è uscito uno studio a prima firma Batygin e Brown (del Caltech), che tramite simulazioni numeriche ha ipotizzato l’esistenza di un nuovo pianeta per spiegare le anomalie delle orbite di alcuni oggetti nella fascia di Kuiper. Planet 9, così è stato almeno provvisoriamente chiamato, avrebbe una massa pari a 10 volte quella della Terra ed orbiterebbe ad una distanza massima di 700 unità astronomiche dal Sole (dove 1 UA è la distanza media Terra-Sole).

Un nuovo studio, pubblicato su Astronomy & Astrophysics da Fienga et Al., fornisce nuovi importanti indizi a riguardo [1]. Lo studio analizza le perturbazioni che l’esistenza di questo pianeta dovrebbe indurre sulle trasmissioni radio della sonda Cassini, che dal 2004 orbita attorno a Saturno, basandosi sull’orbita prevista dallo studio di Batygin e Brown.
Le trasmissioni radio di Cassini ci sono utili per calcolare con estrema precisione la distanza di Saturno dalla Terra; i ricercatori hanno cercato quale dovesse essere la posizione di Planet 9 lungo la sua orbita per far rientrare i valori noti della distanza di Saturno in quelli calcolati dopo aver introdotto queste perturbazioni. Quello che hanno ottenuto è che Planet 9 si deve trovare nell’arco compreso tra i 104° e i 134° della sua orbita, nella zona segnata in verde nella seguente figura. Le zone rosse indicate come C14 sono invece senz’altro da escludere. Quindi, se esiste, Planet 9 si deve trovare nella zona verde, ora non resta che trovarlo!Senzanome

[1] Qui l’articolo in questione
[2] Media INAF, Che fine ha fatto Planet 9?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

OSIRIS-REx e Bennu: si comincia



Il 17 agosto la sonda della NASA OSIRIS-REx ha ottenuto le sue primissime immagini dell'obiettivo della missione: l'asteroide Bennu. Da una distanza di 2.2 milioni di chilometri,
Nikola Tesla: 161 anni dalla nascita

Oggi nel lontano 1856 nasceva Nikola Tesla nella cittadina serba di Smiljan, ricordato come l'inventore del ventesimo secolo.
Eclettico, Tesla ha vissuto una vita travagliata, ricordiamo
Che cos'è l'effetto Yarkovsky, il rinculo termico degli asteroidi

L'effetto Yarkovsky è la forza netta agente su un oggetto rotante nello spazio dovuta all'emissione anistropa di fotoni termici.
Che significa? Significa
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine
Acqua liquida sotto la superficie di Marte

Lo strumento MARSIS a bordo della missione Mars Express dell'ESA ha rilevato la presenza di una riserva di acqua liquida al di sotto della regione polare sud di Marte. La scoperta

0 pensieri riguardo “Nuovi indizi per Planet 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: