Nuovi indizi per Planet 9

Uno studio fornisce nuovi indizi che avvalorano l’ipotesi dell’esistenza di un nono pianeta nel sistema solare e dà indicazioni sul luogo in cui cercarlo, basandosi sulle perturbazioni ai segnali radio inviati dalla sonda Cassini.

Ricordate il famoso Planet 9 che ha fatto tanto scalpore nell’ultimo mese? Per chi non lo ricordasse, si tratta di un possibile nono pianeta nel sistema solare che finora sarebbe sfuggito alle nostre osservazioni. Il 20 gennaio è uscito uno studio a prima firma Batygin e Brown (del Caltech), che tramite simulazioni numeriche ha ipotizzato l’esistenza di un nuovo pianeta per spiegare le anomalie delle orbite di alcuni oggetti nella fascia di Kuiper. Planet 9, così è stato almeno provvisoriamente chiamato, avrebbe una massa pari a 10 volte quella della Terra ed orbiterebbe ad una distanza massima di 700 unità astronomiche dal Sole (dove 1 UA è la distanza media Terra-Sole).

Un nuovo studio, pubblicato su Astronomy & Astrophysics da Fienga et Al., fornisce nuovi importanti indizi a riguardo [1]. Lo studio analizza le perturbazioni che l’esistenza di questo pianeta dovrebbe indurre sulle trasmissioni radio della sonda Cassini, che dal 2004 orbita attorno a Saturno, basandosi sull’orbita prevista dallo studio di Batygin e Brown.
Le trasmissioni radio di Cassini ci sono utili per calcolare con estrema precisione la distanza di Saturno dalla Terra; i ricercatori hanno cercato quale dovesse essere la posizione di Planet 9 lungo la sua orbita per far rientrare i valori noti della distanza di Saturno in quelli calcolati dopo aver introdotto queste perturbazioni. Quello che hanno ottenuto è che Planet 9 si deve trovare nell’arco compreso tra i 104° e i 134° della sua orbita, nella zona segnata in verde nella seguente figura. Le zone rosse indicate come C14 sono invece senz’altro da escludere. Quindi, se esiste, Planet 9 si deve trovare nella zona verde, ora non resta che trovarlo!Senzanome

[1] Qui l’articolo in questione
[2] Media INAF, Che fine ha fatto Planet 9?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Antimateria: dal laboratorio col furgone
E' risaputo che l'antimateria è difficile da gestire, appena entra in contatto con la materia innesca la reazione nucleare più efficiente di tutte trasformando se stessa e la materia
DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Backyard Worlds: Planet 9 - Tutti possiamo cercare il nono pianeta
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del

0 pensieri riguardo “Nuovi indizi per Planet 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: