Nuovi indizi per Planet 9

Uno studio fornisce nuovi indizi che avvalorano l’ipotesi dell’esistenza di un nono pianeta nel sistema solare e dà indicazioni sul luogo in cui cercarlo, basandosi sulle perturbazioni ai segnali radio inviati dalla sonda Cassini.

Ricordate il famoso Planet 9 che ha fatto tanto scalpore nell’ultimo mese? Per chi non lo ricordasse, si tratta di un possibile nono pianeta nel sistema solare che finora sarebbe sfuggito alle nostre osservazioni. Il 20 gennaio è uscito uno studio a prima firma Batygin e Brown (del Caltech), che tramite simulazioni numeriche ha ipotizzato l’esistenza di un nuovo pianeta per spiegare le anomalie delle orbite di alcuni oggetti nella fascia di Kuiper. Planet 9, così è stato almeno provvisoriamente chiamato, avrebbe una massa pari a 10 volte quella della Terra ed orbiterebbe ad una distanza massima di 700 unità astronomiche dal Sole (dove 1 UA è la distanza media Terra-Sole).

Un nuovo studio, pubblicato su Astronomy & Astrophysics da Fienga et Al., fornisce nuovi importanti indizi a riguardo [1]. Lo studio analizza le perturbazioni che l’esistenza di questo pianeta dovrebbe indurre sulle trasmissioni radio della sonda Cassini, che dal 2004 orbita attorno a Saturno, basandosi sull’orbita prevista dallo studio di Batygin e Brown.
Le trasmissioni radio di Cassini ci sono utili per calcolare con estrema precisione la distanza di Saturno dalla Terra; i ricercatori hanno cercato quale dovesse essere la posizione di Planet 9 lungo la sua orbita per far rientrare i valori noti della distanza di Saturno in quelli calcolati dopo aver introdotto queste perturbazioni. Quello che hanno ottenuto è che Planet 9 si deve trovare nell’arco compreso tra i 104° e i 134° della sua orbita, nella zona segnata in verde nella seguente figura. Le zone rosse indicate come C14 sono invece senz’altro da escludere. Quindi, se esiste, Planet 9 si deve trovare nella zona verde, ora non resta che trovarlo!Senzanome

[1] Qui l’articolo in questione
[2] Media INAF, Che fine ha fatto Planet 9?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
Antimateria: dal laboratorio col furgone
E' risaputo che l'antimateria è difficile da gestire, appena entra in contatto con la materia innesca la reazione nucleare più efficiente di tutte trasformando se stessa e la materia
NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,
Due giganti gassosi in formazione per ALMA
Due pianeti gioviani in formazione attorno a HD 169142, a 470 anni luce da noi, sono stati osservati da un team di ricerca guidato da Davide Fedele, dell'INAF di Firenze.

Il
La fisica dell'E-ink, l'inchiostro degli ebook reader
L'idea è nata negli anni '70, ma il suo brevetto ed il suo utilizzo commerciale inizia nel 1996. L'inchiostro elettronico, o e-ink è attualmente il metodo più diffuso

0 pensieri riguardo “Nuovi indizi per Planet 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: