Aurore in Gran Bretagna

Nella giornata di Domenica 6 Marzo i cieli della Scozia e del Nord dell’Inghilterra si sono colorati di verde e rosso a causa di un intenso fenomeno aurorale. Si tratta di un fenomeno piuttosto insolito, in quanto l’aurora boreale in genere non è visibile sotto i 60° di latitudine. Si consideri che il Regno Unito è interamente compreso tra i 50° e i 60° di latitudine. Non di rado capita che il fenomeno sia visibile all’estremo Nord della Scozia, ma in questo caso invece è stato visibile fino al Nord dell’Inghilterra, anche a meno di 55° dall’equatore.

Ma cosa sono queste aurore?

Di quando in quando il sole espelle dalla sua superficie parte del plasma di cui è costituito, lanciandolo sotto forma di velocissimi venti solari: particelle cariche che viaggiano a migliaia di kilometri al secondo seguendo una traiettoria spiraleggiante nello spazio interplanetario.
Può accadere che viaggiando, queste particelle si scontrino con la cosidetta fascia di Van Hallen, una regione del campo magnetico terrestre in cui le particelle restano intrappolate tramite il fenomeno della cosiddetta bottiglia magnetica. Qui il vento solare intrappolato ionizza le particelle dell’alta atmosfera terrestre dando luogo al fenomeno dell’aurora boreale.

Qui di seguito una serie di fotografie rimbalzate sui social durante l’evento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

[1] The Press and Journal, An unbelievable display of the Northern Lights last night

[2] Aurora Watch UK

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Non c'è 9 senza 10: il Sistema Solare oltre Planet 9
Nuovi indizi lasciano intuire la presenza di un nuovo pianeta roccioso, delle dimensioni di Marte, nella fascia di Kuiper. Lo studio è stato effettuato da Kat Volk
Tesla ed i numeri 3,6,9 - La chiave dell'energia libera?
Prima di cominciare è d'obbligo una breve introduzione, anche per inquadrare un po' Tesla e la situazione dell'epoca.
Nikola Tesla viene ricordato come lo scienziato
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,
Come nascono e si sviluppano i lampi gamma
In uno studio pubblicato su Nature per la prima volta una dettagliata descrizione dell'origine di questo fenomeno cosmico, affascinante quanto complesso.

I raggi gamma sono

0 pensieri riguardo “Aurore in Gran Bretagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: