Rosetta chiude il dibattito sul ghiaccio delle comete

Da decenni si perpetuava il dibattito sulla struttura del ghiaccio che compone il nucleo delle comete: ora l’analisi dei dati provenienti dalla sonda Rosetta ha risolto l’enigma, portando a nuove prospettive per i modelli di formazione del Sistema Solare.

Comet_on_14_July_2015_NavCam_node_full_image_2
La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

La sonda rosetta, lanciata nel 2004, ci invia regolarmente dati sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Questa volta i dati sono stati determinanti nel chiudere un dibattito che andava avanti da decenni: il ghiaccio che compone i nuclei delle comete ha una struttura regolare (cristallina) o disordinata (amorfa)?
La risposta corretta sembra sia la prima: la cometa 67P ha un nucleo cristallino

La sonda ha infatti raccolto dati sulle abbondanze degli elementi che compongono il ghiaccio di cui è costituito il nucelo della cometa ed ha rilevato che concordano con quelli previsti dai modelli di ghiaccio cristallino costituito da sostanze dette idrati gassosi.

Può apparentemente sembrare una notizia di scarsa importanza, ma ci fornisce molte informazioni sull’origine delle comete nel Sistema Solare. Gli idrati gassosi si sono formati durante il raffreddamento della nube protosolare e da ciò segue che le comete non possono essersi formate prima del Sistema Solare. Inoltre le abbondanze osservate per gli elementi che compongono il nucleo danno anche informazioni sulle temperature in cui la cometa si deve essere formata: tra -228° C e -223° C.

Infine, la presenza di questi idrati gassosi durante la formazione del Sistema Solare, può portare ad interessanti risvolti anche per quanto riguarda la formazione dei pianeti, ed in particolare dei giganti gassosi, che costituiscono gran parte della massa del nostro sistema planetario.

[1] Media INAF, Cristalli di ghiaccio per la cometa 67P

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
Un nuovo TNO ci dà nuovi indizi su Planet 9
Un team internazionale di astronomi ha rivelato la presenza di un nuovo oggetto trans-nettuniano la cui strana orbita potrebbe essere un'ulteriore evidenza della presenza di
L'Angolo dei Paradossi: Il dilemma del coccodrillo

Un coccodrillo aveva afferrato un bambino che stava giocando sulle rive del Nilo. La madre implorò il coccodrillo di restituirglielo. "Certo" disse il coccodrillo.
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre
In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Polaris Flare non è veramente un "flare", ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell'Orsa Minore, nella

0 pensieri riguardo “Rosetta chiude il dibattito sul ghiaccio delle comete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: