Rosetta chiude il dibattito sul ghiaccio delle comete

Da decenni si perpetuava il dibattito sulla struttura del ghiaccio che compone il nucleo delle comete: ora l’analisi dei dati provenienti dalla sonda Rosetta ha risolto l’enigma, portando a nuove prospettive per i modelli di formazione del Sistema Solare.

Comet_on_14_July_2015_NavCam_node_full_image_2
La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

La sonda rosetta, lanciata nel 2004, ci invia regolarmente dati sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Questa volta i dati sono stati determinanti nel chiudere un dibattito che andava avanti da decenni: il ghiaccio che compone i nuclei delle comete ha una struttura regolare (cristallina) o disordinata (amorfa)?
La risposta corretta sembra sia la prima: la cometa 67P ha un nucleo cristallino

La sonda ha infatti raccolto dati sulle abbondanze degli elementi che compongono il ghiaccio di cui è costituito il nucelo della cometa ed ha rilevato che concordano con quelli previsti dai modelli di ghiaccio cristallino costituito da sostanze dette idrati gassosi.

Può apparentemente sembrare una notizia di scarsa importanza, ma ci fornisce molte informazioni sull’origine delle comete nel Sistema Solare. Gli idrati gassosi si sono formati durante il raffreddamento della nube protosolare e da ciò segue che le comete non possono essersi formate prima del Sistema Solare. Inoltre le abbondanze osservate per gli elementi che compongono il nucleo danno anche informazioni sulle temperature in cui la cometa si deve essere formata: tra -228° C e -223° C.

Infine, la presenza di questi idrati gassosi durante la formazione del Sistema Solare, può portare ad interessanti risvolti anche per quanto riguarda la formazione dei pianeti, ed in particolare dei giganti gassosi, che costituiscono gran parte della massa del nostro sistema planetario.

[1] Media INAF, Cristalli di ghiaccio per la cometa 67P

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Tesla ed i numeri 3,6,9 - La chiave dell'energia libera?
Prima di cominciare è d'obbligo una breve introduzione, anche per inquadrare un po' Tesla e la situazione dell'epoca.
Nikola Tesla viene ricordato come lo scienziato
La fisica dell'E-ink, l'inchiostro degli ebook reader
L'idea è nata negli anni '70, ma il suo brevetto ed il suo utilizzo commerciale inizia nel 1996. L'inchiostro elettronico, o e-ink è attualmente il metodo più diffuso
Buchi Neri: le basi per capire questi straordinari mostri cosmici.
Tutti abbiamo sentito parlare più o meno approfonditamente di Buchi Neri, ma cosa sono realmente? Perché sono così interessanti e spaventosi allo stesso
Hayabusa2: approfondimento sulla missione della JAXA
Hayabusa2 è l'erede della misione Hayabusa (dal giapponese, falco pellegrino). Hayabusa nel 2005 ha visitato l'asteroide (25143) Itokawa, osservandolo per circa 2 mesi
NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
Come nascono e si sviluppano i lampi gamma
In uno studio pubblicato su Nature per la prima volta una dettagliata descrizione dell'origine di questo fenomeno cosmico, affascinante quanto complesso.

I raggi gamma sono
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che

0 pensieri riguardo “Rosetta chiude il dibattito sul ghiaccio delle comete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: