ExoMars, pronto a decollare

Lunedì 14 marzo verrà avviata la prima parte della missione ExoMars, con cui l’Agenzia Spaziale Europea affronterà lo studio dell’ambiente del Pianeta Rosso in cerca di tracce biologiche.

ExoMars_combi_350La missione è costituita da una sonda che resterà in orbita per studiare l’atmosfera marziana, e dal modulo Schiaparelli, tutto italiano, che invece atterrerà sul suolo del pianeta. Quest’ultimo, in particolare, è importante soprattutto in vista della seconda parte della missione, che prevede il lancio di un rover nel 2018. Schiaparelli serve infatti come prova generale per i sistemi di atterraggio che saranno utilizzati sul rover e che devono essere completamente automatizzati a causa della distanza che ci separa dal Pianeta Rosso e che impedisce il collegamento diretto dei segnali*. Ad ogni modo la strumentazione a bordo di Schiaparelli sonderà il territorio circostante il punto di atterraggio fino all’esaurimento dell’energia del modulo, che non è dotato di pannelli solari.

122729447-794c12b5-8fa2-4ceb-b5c6-ab5669ac86a1
La manovra di atterraggio del modulo Schiaparelli

La sonda orbitante dovrà studiare a fondo la composizione chimica dell’atmosfera marziana, in cerca soprattutto di tracce biologiche presenti o passate che possano aver generato i gas tipici dei processi biologici, quali ad esempio il metano.

Il lancio avverrà alle 10:31 di Lunedì 14 marzo a Baikonur, in Kazakhstan, per mezzo di un vettore Proton, contributo dell’agenzia spaziale russa. Sul sito dell’ESA è possibile assistere alla diretta streaming del lancio.

*Marte si trova a circa 9 minuti luce dalla Terra, il che vuol dire che un segnale inviato alla o dalla sonda impiegherebbe circa 9 minuti a raggiungere l’obiettivo, rendendo di fatto impossibile la manovra manuale dell’atterraggio, che dovrebbe durare circa 6 minuti.

[1] ESA, Exomars Overview
[2] LeScienze, Al via Exomars, La nuova missione europea verso Marte

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra
KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L'evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla
Emissioni inquinanti e mezzi di trasporto moderni: Quo Vadis?

I mezzi di trasporto su strada sono responsabili per le emissioni di sostanze dannose per l'uomo e per l'ambiente e nonostante il progresso tecnologico i
Un nuovo ramo delle tauridi aumenta il pericolo di impatto sulla Terra
Lo sciame meteorico delle tauridi è generato dai residui della cometa 2P/Encke, che periodicamente lascia parte dei suoi materiali durante il passaggio
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Frascati ospiterà il Divertor Tokamak Test facility
Quasi ad un anno dalla consegna del primo dei diciotto magneti toroidali superconduttori per ITER (di cui avevamo parlato qui), arriva la notizia della scelta da parte
La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione
Cos'è il Solstizio d'Estate
Il 21 giugno 2018, alle 12:07, ricorre il solstizio d'Estate. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione calda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione

0 pensieri riguardo “ExoMars, pronto a decollare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: