Mare Caloris ed il vulcanismo di Mercurio

Nonostante possa sembrare una fotografia del suolo lunare questa immagine rappresenta la superficie di Mercurio, il più piccolo pianeta roccioso del nostro Sistema Solare. Tra i numerosi crateri visibili, uno in particolare ha attirato l’attenzione degli studiosi.

mercury_apod
La superficie di Mercurio ripresa dalla sonda Mariner 10, NASA

La superficie del pianeta è completamente crivellata di crateri da impatto meteorico (magnificamente conservati grazie alla mancanza di atmosfera) impostati su dure rocce laviche; sembra che il pianeta infatti abbia affrontato due tipi di vulcanismo durante il suo sviluppo: un primo vulcanismo effusivo, caratterizzato da colate laviche ora difficilmente distinguibili, ed un secondo – e non troppo antico- vulcanismo esplosivo con annessi depositi piroclastici.

weird terrain
Mare Caloris, visibile sulla sinistra, è il più grande cratere da impatto su Mercurio

Tra i numerosi crateri spicca il maggiore del pianeta, denominato Mare Caloris. Questo è stato generato da un impatto di tale violenza da far risentire i propri effetti su scala planetaria! L’impatto, oltre a lasciare una visibile cicatrice costituita dai bordi del cratere alti oltre 2 km, ha innescato una serie di eruzioni effusive molto produttive. Impressionante è poi la morfologia della corrugata zona che si trova agli antipodi del cratere: secondo il professor Peter Schultz della Brown University le onde d’urto generate a seguito del grande impatto hanno viaggiato attorno al pianeta e, una volta giunte nel punto di convergenza nella sopracitata zona antipodale, avrebbero provocato una serie di fratturazioni e sollevamenti relativi dei blocchi di roccia fino a formare questa “weird terrain”.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Raggi Cosmici, Fulmini e Datazioni al Carbonio
Un nuovo studio dell'Università di Kyoto ha scoperto che le tempeste possono produrre gli stessi isotopi del carbonio che vengono prodotti dai raggi cosmici ed usati per
Bolide avvistato in Nord Italia il 30 maggio: Prime immagini e spiegazione
Il 30 maggio 2017, attorno alle 23:10, moltissime persone in un'area compresa approssimativamente tra Firenze e Milano hanno potuto ammirare uno
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




L'arrivo dell'inverno nel pianeta del Trono di Spade
"L'inverno sta arrivando" è una delle frasi più ripetute nella serie televisiva della HBO. L'ultima estate è durata 9 anni, ed i personaggi della serie temono un inverno
Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
Eureka! Quando l'ipotesi diventa teoria
Vi sarete accorti che molto spesso i termini "teoria" e "ipotesi" vengono spesso fraintesi dai "non addetti ai lavori". Vi è ormai una confusione di massa su questi due termini,
SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: