Mare Caloris ed il vulcanismo di Mercurio

Nonostante possa sembrare una fotografia del suolo lunare questa immagine rappresenta la superficie di Mercurio, il più piccolo pianeta roccioso del nostro Sistema Solare. Tra i numerosi crateri visibili, uno in particolare ha attirato l’attenzione degli studiosi.

mercury_apod
La superficie di Mercurio ripresa dalla sonda Mariner 10, NASA

La superficie del pianeta è completamente crivellata di crateri da impatto meteorico (magnificamente conservati grazie alla mancanza di atmosfera) impostati su dure rocce laviche; sembra che il pianeta infatti abbia affrontato due tipi di vulcanismo durante il suo sviluppo: un primo vulcanismo effusivo, caratterizzato da colate laviche ora difficilmente distinguibili, ed un secondo – e non troppo antico- vulcanismo esplosivo con annessi depositi piroclastici.

weird terrain
Mare Caloris, visibile sulla sinistra, è il più grande cratere da impatto su Mercurio

Tra i numerosi crateri spicca il maggiore del pianeta, denominato Mare Caloris. Questo è stato generato da un impatto di tale violenza da far risentire i propri effetti su scala planetaria! L’impatto, oltre a lasciare una visibile cicatrice costituita dai bordi del cratere alti oltre 2 km, ha innescato una serie di eruzioni effusive molto produttive. Impressionante è poi la morfologia della corrugata zona che si trova agli antipodi del cratere: secondo il professor Peter Schultz della Brown University le onde d’urto generate a seguito del grande impatto hanno viaggiato attorno al pianeta e, una volta giunte nel punto di convergenza nella sopracitata zona antipodale, avrebbero provocato una serie di fratturazioni e sollevamenti relativi dei blocchi di roccia fino a formare questa “weird terrain”.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Nikola Tesla: 161 anni dalla nascita

Oggi nel lontano 1856 nasceva Nikola Tesla nella cittadina serba di Smiljan, ricordato come l'inventore del ventesimo secolo.
Eclettico, Tesla ha vissuto una vita travagliata, ricordiamo
20 Luglio 1969: 48 anni dal primo allunaggio


Il 20 Luglio 1969, alle ore 21:19 italiane, il modulo lunare "Eagle" toccava la superficie lunare.
Poche ore più tardi, l'astronauta Neil Armstrong, comandante della missione,
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




Scoperto il segreto del Blob Lyman-Alfa
Un team dell'ESO ha scoperto la vera natura dei Blob Lyman-Alfa grazie all'ausilio dei telescopi ALMA e VLT.
I blob Lyman-Alfa, per gli amici LAB, sono nubi di idrogeno di incredibili
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante
Onde Gravitazionali: la scoperta del secolo, dopo un secolo
Siamo nel 1916. Albert Einstein formula la sua teoria più rinomata: la Relatività Generale. Tra le altre cose, che hanno rivoluzionato la fisica e la nostra
Un campo magnetico artificiale per far tornare l'acqua su Marte
Attualmente, l'atmosfera marziana è piuttosto sottile: poco densa e poco ricca di ossigeno, oltre ad essere continuamente bombardata da raggi cosmici e venti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: