Plutone sotto i riflettori – Parte I: l’atmosfera

A luglio 2015 la sonda New Horizons è giunta vicino al pianeta nano più famoso del Sistema Solare. Dopo mesi di analisi dei dati ottenuti, il team di ricerca della New Horizons ha deciso di pubblicare i risultati di queste analisi in una serie di articoli su Science.

nh-apluto-wide-9-17-15-final_0

Cominciamo dall’atmosfera.

Che Plutone avesse un’atmosfera complessa è cosa nota da decenni, ma oltre a ciò finora si sapeva ben poco della sua struttura ed evoluzione.  Grazie ai dati raccolti dalla sonda New Horizons, il team guidato da G. Randall Gladstone ha potuto analizzare a fondo questa atmosfera, determinandone struttura, composizione chimica e velocità di fuga delle sostanze chimiche.

Utilizzando lo strumento REX (Radio Experiment) della sonda, con il quale è stato possibile produrre i profili pressione-temperatura dell’atmosfera, si è determinato che i venti orizzontali debbano essere deboli e che la dinamica atmosferica debba essere guidata dai processi di sublimazione dei ghiacci superficiali, soprattutto nei livelli più bassi dell’atmosfera. Ciò significa che il passaggio di questi ghiaccio dallo stato solido allo stato gassoso genera dei venti verticali nell’atmosfera che sono più intensi dei venti orizzontali.

Lo spettrografo ultravioletto Alice a bordo della New Horizons è stato fondamentale nello studio della composizione chimica dell’atmosfera, mostrando che questa è costituita soprattutto da metano e azoto e rivelando la presenza di prodotti fotochimici, cioè generati dall’interazione della radiazione solare con la materia, come acetilene ed etilene. L’opacità dell’azoto ad elevate altitudini è più bassa di quanto ci si aspettava, consistentemente con basse temperature negli strati più alti dell’atmosfera. Temperature così basse hanno costituito un’inaspettata sopresa per gli scienziati in quanto richiedono la presenza di un agente raffreddante, per ora ignoto. L’identità di questo agente costituisce a questo punto il principale mistero nell’analisi della dinamica atmosferica plutoniana; si sospetta che si possa trattare dell’HCN (acido cianidrico), ma è ancora presto per dirlo.

compchimica
Grafico della composizione chimica dell’atmosfera di Plutone. In verde vediamo l’andamento della densità dell’azoto in funzione dell’altitudine, in rosso quella del metano, in viola ed in blu l’acetilene e l’etilene, rispettivamente.

 

Ad elevate altitudini è evidente la presenza di uno strato di foschia costituito da una serie di livelli sottili disposti uno sopra l’altro. Questo strato ha un colore bluastro, consistentemente con una composizione chimica di toline, sostanze che si formano in seguito all’irraggiamento di sostanze organiche semplici come etano e metano.

F1.large
Sono stati trovati almeno 20 strati di foschia negli alti livelli dell’atmosfera, che talvolta hanno uno spessore variabile a causa della conformazione superficiale. Ad esempio si può osservare lo strato indicato dalle frecce bianche, che è molto più basso sulla destra rispetto all’altitudine a cui si trova sulla sinistra.

Le osservazioni di New Horizons hanno rivoluzionato la nostra comprensione dell’atmosfera di Plutone“, conclude Gladstone, “regalandoci molte sorprese, tra cui soprattutto il mistero della temperatura più bassa del previsto negli strati atmosferici più alti. Questa temperatura porta ad avere tassi di fuga dei volatili più bassi del previsto e ciò ha importanti implicazioni nello studio dell’evoluzione atmosferica di Plutone“.

[1] G.R. Gladstone et al., The Atmosphere of Pluto as Observed by New Horizons, Science Magazine

 

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Roma Tre punta gli Occhi su Giove
Venerdí 8 giugno 2018 dalle 19:00 a mezzanotte presso il Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi Roma Tre si terrà Occhi su Giove, un evento dedicato al gigante
Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
Tutti i premi Nobel 2016
Dal 3 al 10 ottobre 2016 sono stati annunciati i vincitori dei premi Nobel di quest'anno. Di seguito tutto quello che c'è da sapere a riguardo.
Alfred Nobel (l'invetore della dinamite), istituì
Al via la nuova stagione di Superquark
Da mercoledì 4 luglio 2018 in prima serata su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 
Un po’ tutti gli italiani
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: ecco tutti gli eventi
Associazioni di astrofili, università, o iniziative di privati cittadini: l'eclissi di Luna di venerdì attira l'attenzione di tutti. La notte del 27 non sarà solo
Hayabusa2: approfondimento sulla missione della JAXA
Hayabusa2 è l'erede della misione Hayabusa (dal giapponese, falco pellegrino). Hayabusa nel 2005 ha visitato l'asteroide (25143) Itokawa, osservandolo per circa 2 mesi

0 pensieri riguardo “Plutone sotto i riflettori – Parte I: l’atmosfera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: