Plutone sotto i riflettori – Parte IV: i venti solari

A luglio 2015 la sonda New Horizons è giunta vicino al pianeta nano più famoso del Sistema Solare. Dopo mesi di analisi dei dati ottenuti, il team di ricerca della New Horizons ha deciso di pubblicare i risultati di queste analisi in una serie di articoli su Science.

Oggi parliamo delle interazioni di Plutone con il suo ambiente esterno, concentrandoci sugli effetti che i venti solari hanno sul pianeta nano. 

F1.large
Una rappresentazione dell’interazione del vento solare con Plutone

L’intensità delle interazioni dipende dalla velocità con cui le particelle atmosferiche fuggono dagli strati esterni dell’atmosfera. Nel caso di un flusso intenso di queste particelle si genera un’interazione simile a quella delle comete, in cui la regione di interazione è molto più grande dell’oggetto; nel caso di flusso debole si ha un’interazione di tipo marziano, in cui la regione interessata è di dimensione simile a quella del pianeta. In altre parole, se molte particelle fuggono dall’atmosfera il vento solare interagisce con esse in misura considerevole anche lontano dal pianeta, altrimenti l’interazione si ha quasi solo nell’intorno di esso.

Prima del passaggio ravvicinato della sonda New Horizons, la fuga atmosferica era stimata tra 1025 e 1028 molecole al secondo. Si riteneva che questi valori, ad una distanza dal Sole pari a quella di Plutone, avrebbero dovuto generare una regione di interazione che si estende da 7 a 1000 raggi di Plutone e quindi generare un’interazione di tipo cometa.

Lo strumento SWAP (Solar Wind Around Pluto) a bordo della New Horizons ha rilevato che l’intensità del vento solare vicino a Plutone sono circa costanti e più forti del previsto. La presenza delle particelle dovrebbe essere osservabile tramite un rallentamento dei venti solari. Fino ad una distanza pari a 20 raggi di Plutone questo rallentamento non si è osservato, mentre è pari al 20% a circa 6 raggi di distanza. Questo è un valore piuttosto piccolo, che riporta quindi ad una interazione di tipo Marte, ed è consistente con un valore di fuga delle particelle di circa 6 x 1025 molecole di metano al secondo. Dietro Plutone, la perturbazione al vento solare si può rilevare fino ad una distanza pari a ben 400 raggi di Plutone.

[1] F. Bagenal et al., Pluto’s interaction with its space environment: solar winds, energetic particles and dust, Science Magazine

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Giove, il gigante: introduzione
Il prossimo 4 luglio la sonda JUNO arriverà in orbita attorno a Giove. Durante l'attesa di questo avvenimento verranno pubblicati su questo blog una serie di approfondimenti riguardo il
Emissioni inquinanti e mezzi di trasporto moderni: Quo Vadis?

I mezzi di trasporto su strada sono responsabili per le emissioni di sostanze dannose per l'uomo e per l'ambiente e nonostante il progresso tecnologico i
Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico
Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l'esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini
Breve storia del telescopio spaziale Hubble
È il 24 Aprile del 1990, tira un'aria fredda nel complesso di lancio 39, presso il John F. Kennedy Space Center. Le persone sono in visibilio e c'è una tale confusione in giro
La fisica dell'E-ink, l'inchiostro degli ebook reader
L'idea è nata negli anni '70, ma il suo brevetto ed il suo utilizzo commerciale inizia nel 1996. L'inchiostro elettronico, o e-ink è attualmente il metodo più diffuso
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi

0 pensieri riguardo “Plutone sotto i riflettori – Parte IV: i venti solari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: