Prima osservazione della compagna di una supernova

Un gruppo internazionale di ricercatori guidato da G.H.Marion potrebbe aver osservato per la prima volta le emissioni della compagna di una supernova di tipo Ia.

SN2012cg-664x461
La supernova SN 2012cg

Si chiama SN 2012cg ed è una supernova che si trova molto distante da noi, a circa 50 milioni di anni luce nella costellazione della Vergine.
Le supernovae sono delle esplosioni molto violente ed intense che caratterizzano la fase finale della vita di alcune tipologie di stelle. Nel caso delle supernovae di tipo Ia, questa esplosione avviene nel momento in cui una nana bianca (una stella molto densa e compatta), riceve massa da una stella vicina: nel momento in cui la massa supera il cosiddetto limite di Chandrasekar (pari a 1.4 masse solari) la stella collassa e si ha l’esplosione della supernova.

Finora non era mai stata osservata la compagna della nana bianca, ma il 17 Maggio 2012 è stata scoperta SN 2012cg. Questa è stata osservata dagli astronomi per alcune settimane, ed è risultato un eccesso di emissione nella banda del blu che si ritiene possa essere dovuto alla stella compagna.  L’osservazione risulta infatti in accordo con quanto previsto nel caso in cui la massa della stella compagna sia maggiore di 6 masse solari.

La tempistica dell’osservazione è stata l’elemento chiave di questa probabile scoperta, in quanto il telescopio Katzman Automatic Imaging Telescope è stato puntato verso l’oggetto il giorno dopo l’esplosione, permettendo quindi di osservare l’evoluzione della supernova nelle sue prime fasi.

Non si è ancora certi che quella osservata sia effettivamente la compagna, in quanto l’eccesso di radiazione nel blu potrebbe essere spiegato anche in altri modi.

[1] Media INAF, La supernova e la sua (forse) compagna
[2] G.H. Marion et al, SN 2012cg: evidence for interaction between a normal type Ia supernova and a non-degenerate binary companion, arXiv.org

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
Analisi dei dati topologica: un ponte tra la geometria e l'analisi dei dati
Oggi parliamo di un nuovo approccio geometrico all'analisi dei dati: l'analisi dei dati topologica.

L'intuizione al centro dell'analisi dei
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Muore Alan Bean, il 4° uomo sulla Luna
26 maggio 2018,  Houston: all'età di 86 anni muore Alan Bean, il quarto astronauta ad aver camminato sulla Luna.
Bean ha viaggiato due volte nello spazio per un totale di 69 giorni.
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: