Prima osservazione della compagna di una supernova

Un gruppo internazionale di ricercatori guidato da G.H.Marion potrebbe aver osservato per la prima volta le emissioni della compagna di una supernova di tipo Ia.

SN2012cg-664x461
La supernova SN 2012cg

Si chiama SN 2012cg ed è una supernova che si trova molto distante da noi, a circa 50 milioni di anni luce nella costellazione della Vergine.
Le supernovae sono delle esplosioni molto violente ed intense che caratterizzano la fase finale della vita di alcune tipologie di stelle. Nel caso delle supernovae di tipo Ia, questa esplosione avviene nel momento in cui una nana bianca (una stella molto densa e compatta), riceve massa da una stella vicina: nel momento in cui la massa supera il cosiddetto limite di Chandrasekar (pari a 1.4 masse solari) la stella collassa e si ha l’esplosione della supernova.

Finora non era mai stata osservata la compagna della nana bianca, ma il 17 Maggio 2012 è stata scoperta SN 2012cg. Questa è stata osservata dagli astronomi per alcune settimane, ed è risultato un eccesso di emissione nella banda del blu che si ritiene possa essere dovuto alla stella compagna.  L’osservazione risulta infatti in accordo con quanto previsto nel caso in cui la massa della stella compagna sia maggiore di 6 masse solari.

La tempistica dell’osservazione è stata l’elemento chiave di questa probabile scoperta, in quanto il telescopio Katzman Automatic Imaging Telescope è stato puntato verso l’oggetto il giorno dopo l’esplosione, permettendo quindi di osservare l’evoluzione della supernova nelle sue prime fasi.

Non si è ancora certi che quella osservata sia effettivamente la compagna, in quanto l’eccesso di radiazione nel blu potrebbe essere spiegato anche in altri modi.

[1] Media INAF, La supernova e la sua (forse) compagna
[2] G.H. Marion et al, SN 2012cg: evidence for interaction between a normal type Ia supernova and a non-degenerate binary companion, arXiv.org

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il volo del pipistrello, ovvero come funziona un sonar
L'ecolocalizzazione, o biosonar, è un metodo sviluppato da alcuni animali notturni, come pipistrelli e alcuni uccelli, per orientarsi nell'oscurità notturna. L'assenza
2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra
KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L'evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla
Acqua liquida sotto la superficie di Marte

Lo strumento MARSIS a bordo della missione Mars Express dell'ESA ha rilevato la presenza di una riserva di acqua liquida al di sotto della regione polare sud di Marte. La scoperta
Motori come computer. Perché usare un gran numero di motori
Prima che il Falcon Heavy facesse il suo debutto nessun razzo con un così gran numero di motori è mai riuscito ad arrivare in orbita. Si può pensare che i vettori
Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
Cos'è l'equinozio d'Autunno
Oggi, 23 settembre 2017 alle 03:54, ricorre l’equinozio d'autunno. Ma perché esiste una data precisa che indica la variazione di stagione?
Non tutti sanno, forse, che l’inizio di una stagione
Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: