BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca

Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare la ricerca scientifica.

grid

BOINC è un software, nato nel 2002 che in sostanza sfrutta la CPU e la GPU del proprio computer, quando non utilizzate altrimenti, per fare calcoli scientifici.
Il procedimento è molto semplice: si scarica il software qui, si sceglie un progetto e si lascia fare il proprio computer. Esistono versioni per Windows, Linux, OS X e anche per Android.

I progetti sono perlopiù nonprofit e si basano in parte o completamente su questi contributi di calcolo volontario. Riguardano i campi scientifici più disparati: dalla medicina alle onde gravitazionali: per sapere quali progetti esistono è sufficiente collegarsi al sito di BOINC Italia e cercare nella sezione “progetti”, ben suddivisi nelle varie discipline scientifiche.
Non siete ancora convinti e volete capire come funziona di preciso?

Si riporta di seguito la chiara e lineare spiegazione data sul sito di BOINC Italia:

Quello che accade quando BOINC gira sul tuo PC è presto detto:
  1. Il tuo PC contatta il server del progetto e riceve le istruzioni su cosa elaborare. Queste istruzioni dipendono dalle caratteristiche hardware e software del tuo PC (ad esempio la quantità di RAM, il tipo di CPU, il tuo sistema operativo, ecc).
  2. Il tuo PC scarica dal server le applicazioni e i dati da cui partire (Task o WU, unità di lavoro). Se il progetto rilascia aggiornamenti delle applicazioni queste vengono automaticamente scaricate anche sul tuo PC.
  3. Il tuo PC elabora le WU scaricate (stato “IN ESECUZIONE”) e quando ha terminato produce dei file di output (status “UPLOADING IN CORSO”).
  4. I file di output vengono immediatamente inviati al server del progetto (al termine la WU assume lo stato “PRONTO DA RIPORTARE”).
  5. Più tardi, anche ore dopo, il tuo PC contatta nuovamente il server del progetto e segnala le WU completate ed ottiene nuove WU (l’unità elaborata scompare dalla lista del BOINC manager).
Il ciclo si ripete all’infinito senza che tu debba intervenire.

Come ringraziamento per il tuo aiuto il progetto ti assegna dei crediti. Come funziona il sistema dei crediti?

  1. Il tuo PC elabora una WU, ne riporta i risultati al server del progetto e richiede un certo numero di crediti, spesso in base al tempo che ci ha messo a terminarla ed alla potenza del PC (claimed credit).
  2. Un altro PC di un altro utente elabora la tua stessa WU e anch’esso la riporta e chiede dei crediti, quasi mai uguali ai tuoi (difficilmente 2 PC sono uguali in tutto e per tutto). Questo può avvenire anche diversi giorni dopo il tuo report oppure sei tu ad arrivare per secondo!
  3. Il server del progetto confronta i risultati: se coincidono allora sono ritenuti validi e sia a te che all’altro utente vengono assegnati gli stessi crediti, spesso pari al valore minimo tra i due richiesti (granted credit). Se i due risultati non coincidono la WU viene inviata ad un terzo PC per ottenere un terzo risultato da confrontare per vedere quale dei due è quello corretto.

Che aspettate a prendere parte alla vostra ricerca preferita?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
La fisica della buona pizza
La cucina è un vero e proprio laboratorio di fisica da cui si può imparare molto delle leggi che la regolano. Ma è anche vero il contrario, ossia che i principi della fisica possono essere
Cassini invia nuove incredibili foto degli anelli di Saturno
Le ultimissime fotografie pubblicate dal team della missione Cassini della NASA mostrano gli anelli di Saturno ad un livello di dettaglio mai visto prima.





SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Quelle molecole organiche su Cerere
Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di
Crani delle balene come antenne
Della comunicazione delle balene sappiamo molto, ma ancora esistono molti misteri. In particolare a lungo è rimasta l’incognita del loro sistema uditivo: come fanno a sentire? Una nuova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: