BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca

Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare la ricerca scientifica.

grid

BOINC è un software, nato nel 2002 che in sostanza sfrutta la CPU e la GPU del proprio computer, quando non utilizzate altrimenti, per fare calcoli scientifici.
Il procedimento è molto semplice: si scarica il software qui, si sceglie un progetto e si lascia fare il proprio computer. Esistono versioni per Windows, Linux, OS X e anche per Android.

I progetti sono perlopiù nonprofit e si basano in parte o completamente su questi contributi di calcolo volontario. Riguardano i campi scientifici più disparati: dalla medicina alle onde gravitazionali: per sapere quali progetti esistono è sufficiente collegarsi al sito di BOINC Italia e cercare nella sezione “progetti”, ben suddivisi nelle varie discipline scientifiche.
Non siete ancora convinti e volete capire come funziona di preciso?

Si riporta di seguito la chiara e lineare spiegazione data sul sito di BOINC Italia:

Quello che accade quando BOINC gira sul tuo PC è presto detto:
  1. Il tuo PC contatta il server del progetto e riceve le istruzioni su cosa elaborare. Queste istruzioni dipendono dalle caratteristiche hardware e software del tuo PC (ad esempio la quantità di RAM, il tipo di CPU, il tuo sistema operativo, ecc).
  2. Il tuo PC scarica dal server le applicazioni e i dati da cui partire (Task o WU, unità di lavoro). Se il progetto rilascia aggiornamenti delle applicazioni queste vengono automaticamente scaricate anche sul tuo PC.
  3. Il tuo PC elabora le WU scaricate (stato “IN ESECUZIONE”) e quando ha terminato produce dei file di output (status “UPLOADING IN CORSO”).
  4. I file di output vengono immediatamente inviati al server del progetto (al termine la WU assume lo stato “PRONTO DA RIPORTARE”).
  5. Più tardi, anche ore dopo, il tuo PC contatta nuovamente il server del progetto e segnala le WU completate ed ottiene nuove WU (l’unità elaborata scompare dalla lista del BOINC manager).
Il ciclo si ripete all’infinito senza che tu debba intervenire.

Come ringraziamento per il tuo aiuto il progetto ti assegna dei crediti. Come funziona il sistema dei crediti?

  1. Il tuo PC elabora una WU, ne riporta i risultati al server del progetto e richiede un certo numero di crediti, spesso in base al tempo che ci ha messo a terminarla ed alla potenza del PC (claimed credit).
  2. Un altro PC di un altro utente elabora la tua stessa WU e anch’esso la riporta e chiede dei crediti, quasi mai uguali ai tuoi (difficilmente 2 PC sono uguali in tutto e per tutto). Questo può avvenire anche diversi giorni dopo il tuo report oppure sei tu ad arrivare per secondo!
  3. Il server del progetto confronta i risultati: se coincidono allora sono ritenuti validi e sia a te che all’altro utente vengono assegnati gli stessi crediti, spesso pari al valore minimo tra i due richiesti (granted credit). Se i due risultati non coincidono la WU viene inviata ad un terzo PC per ottenere un terzo risultato da confrontare per vedere quale dei due è quello corretto.

Che aspettate a prendere parte alla vostra ricerca preferita?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Tuoni e fulmini
Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l'origine ci permette di
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Due galassie interagenti per Hubble


Alcune galassie sono più difficili da classificare rispetto ad altre. Qui, la fotocamera del telescopio spaziale Hubble WFC3 ha scattatato un'incredibile fotografia di due galassie
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
La prima immagine 3D di una nube molecolare
Utilizzando il Telescopio Spaziale Herschel dell'ESA, due ricercatori hanno osservato una nube molecolare situata a 570 anni luce di distanza dalla Terra nella costellazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: