Se il vicino è un enorme buco nero

Un team internazionale di astrofisici ha rilevato la presenza di un buco nero supermassiccio posto in una galassia relativamente vicina alla nostra.

Cutout_HST_7886_22_NIC_NIC2_total_sci_NGC_1600
NGC 1600 fotografata da Hubble Space Telescope

Il buco nero presentato da J. Thomas et al. sulla rivista Nature si trova a 200 milioni di anni luce da noi (in NGC 1600, nell’Eridano) ed ha una massa pari a circa 17 miliardi di masse solari.
Forse non si tratta di un valore da record, perché questo potrebbe essere detenuto da un buco nero in NGC 4889, nell’ammasso della Chioma, che con grande incertezza si stima avere una massa compresa tra 3 e 21 masse solari; oltre alla precisione nella misura della sua massa, compresa tra 15.5 e 18.5 miliardi di masse solari, la particolarità di questo buco nero sta nel fatto che è stato trovato una galassia a bassa densità di stelle. Finora, infatti, buchi neri così massicci erano stati trovati soprattutto in galassie molto grandi e dense. Ciò suggerisce che potrebbero essere oggetti molto più comuni di quanto crediamo.

Si ritiene che in realtà potrebbe trattarsi non di un singolo buco nero, ma di una coppia di buchi neri che orbitano in un sistema binario. E’ un fenomeno non troppo fuori dal comune, simile a quello che ha portato al primo rilevamento di un’onda gravitazionale.

Si tratta del primo risultato del progetto MASSIVE, un progetto di osservazione iniziato nel 2014 che ha lo scopo di analizzare e studiare 100 galassie vicine.

[1] J. Thomas et al,  A 17-billion-solar-mass black hole in a group galaxy with a diffuse coreNature
[2] Media INAF, C’è un buco nero di grossa taglia vicino a noi

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Un telescopio fatto in casa
Ospitiamo il contributo di Dante Bissiri, utente della nostra community, che ci racconta la sua esperienza nella costruzione di un telescopio fatto in casa.
Era il 1978 quando decisi di costruire
Cassini invia nuove incredibili foto degli anelli di Saturno
Le ultimissime fotografie pubblicate dal team della missione Cassini della NASA mostrano gli anelli di Saturno ad un livello di dettaglio mai visto prima.





Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli
Storia universale della natura e teoria del cielo
Immanuel Kant aveva ventisette anni  quando lesse una recensione del libro "An original Theory of the universe" dell'inglese Richard Wright. Era il 1751 e il giovane Kant,
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Un guscio di plasma per i rientri atmosferici
Viaggiare nello spazio non è così semplice come si è portati a pensare. La fantascienza ci offre spesso degli scenari molto idilliaci, in cui viaggiare da un pianeta all'altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: