Scoperta galassia nana attorno alla Via Lattea

La famiglia della Via Lattea si allarga: arriva dal Regno Unito l’annuncio della scoperta di una galassia nana che orbita attorno alla nostra nella costellazione del Cratere.

lmc_fairbairn1024x0_q100_watermark
La Grande Nube di Magellano, è la più grande galassia satellite della Via Lattea, nonché una delle più vicine

Tolte la Grande e la Piccola Nube di Magellano, note fin dall’antichità, negli ultimi decenni sono state localizzate circa una trentina di galassie nane orbitanti attorno alla Via Lattea. L’ultimo annuncio arriva dall’Institute of Astronomy di Cambridge, da una pubblicazione a prima firma G. Torrealba.
La galassia, trovata nella costellazione del Cratere, è stata denominata Crater 2 ed identificata tramite analisi delle immagini del progetto VST ATLAS.
Il raggio di questa galassia è di circa 1100 parsec (quello della Via Lattea è di circa 33.000), e ciò le vale il titolo di quarta galassia satellite più grande ad orbitare attorno alla Via Lattea, dopo le due Nubi di Magellano e la Galassia Nana Ellittica del Sagittario.
La magnitudine assoluta* di questa galassia è di circca -8, il che la rende una delle galassie nane meno luminose.

Crater 2 si trova a 120.000 parsec da noi, apparentemente allineata con le galassie nane Leo IV, Leo V e Leo II, in un modo tale che il gruppo di astronomi ritiene non possa essere casuale, ma che dipenda da un processo evolutivo comune.

*La magnitudine assoluta è la magnitudine che un oggetto avrebbe se fosse posto ad una distanza di 10 parsec da noi, in contrapposizione alla magnitudine apparente, che è quella che possiamo osservare da Terra.

[1] Qui l’articolo originale

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il Sole è nato in un sistema binario? Forse sì
Un nuovo studio, pubblicato da Steven Stahler e Sarah Sadavoy dell'università di Berkeley e di Harvard, sembra indicare che tutte le stelle, e quindi anche il nostro Sole,
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Dagli USA un filtro inverso per particelle
In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale
SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space
SpaceX: CRS-10
Domani potrete seguire la diretta del lancio del Falcon9 della SpaceX.
Per la compagnia sarà il primo lancio dalla storica piattaforma LC-39A del Kennedy Space Center in Florida, la stessa che fece da
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: