L’arrivo dell’inverno nel pianeta del Trono di Spade

“L’inverno sta arrivando” è una delle frasi più ripetute nella serie televisiva della HBO. L’ultima estate è durata 9 anni, ed i personaggi della serie temono un inverno intenso ed ugualmente lungo, senza tuttavia poter supporre nulla sulla sua effettiva durata. Ma in che modo possiamo pensare ad un pianeta con cicli stagionali così lunghi e variabili?

Trattandosi di una storia fantasy non bisogna andare troppo per il sottile con le ragioni scientifiche dietro i fatti narrati, però è interessante compiere l’esperimento mentale di immaginare un pianeta in cui il ciclo stagionale sia così tanto variabile.

Innanzitutto: perché esistono le stagioni? 
Il moto di un pianeta è principalmente l’unione dei due moti di rotazione e rivoluzione. Se il primo determina la durata del giorno, il secondo è responsabile della durata delle stagioni. Ma l’elemento chiave è l’inclinazione dell’asse di rotazione del pianeta rispetto alla perpendicolare al suo piano orbitale.  Nella seguente figura, riferita alla Terra, si può capire bene il perché: a causa dell’inclinazione assiale, in ogni momento dell’anno c’è un emisfero che riceve i raggi solari in maniera più diretta ed uno meno. Ad esempio durante la nostra estate l’emisfero boreale (Nord, il nostro), sarà più inclinato verso il Sole, ricevendono i raggi quasi perpendicolarmente, mentre questi raggiungeranno l’emisfero australe con un angolo maggiore.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/25/Four_season_italian_infotext.svg/510px-Four_season_italian_infotext.svg.png

Se l’asse di rotazione ha un’inclinazione fissa, le stagioni si ripeteranno uguali ogni anno. Se non c’è inclinazione, e l’asse è verticale, non si avrà un ciclo stagionale; maggiore è l’inclinazione, maggiore sarà la differenza tra i due emisferi durante una stagione.

L’unico modo per far sì che le stagioni abbiano durata variabile, quindi, è che vari l’inclinazione dell’asse nel corso del tempo, e questo deve essere il caso del mondo del Trono di Spade.
Quali esempi abbiamo nel Sistema Solare?

Risultati immagini per urano voyager 2
Urano, fotografato dalla sonda Voyager 2

L’anno su Urano dura 84 anni, ed il suo asse di rotazione ha una caratteristica particolare rispetto agli altri pianeti del Sistema Solare: ha un’inclinazione di circa 97°, ossia è quasi parallelo al suo piano orbitale. In questa situazione ognuno dei due poli punterà verso il Sole per metà del periodo di rivoluzione, e le stagioni dureranno circa 21 anni ciascuna. In questa situazione sia in estate che in inverno uno solo dei due emisferi sarà illuminato dal Sole. Ma anche in questo caso le stagioni restano facilmente prevedibili, anche se estramemente lunghe.

Marte può essere un esempio più calzante.

L’asse di rotazione marziano varia infatti nel tempo.
Attualmente l’inclinazione di Marte è molto simile a quella della Terra (circa 25°), ma tramite simulazioni del Sistema Solare è stato ricavato che può subire variazioni che lo portano ad avere delle inclinazioni comprese tra 10° e 45°.
Quando l’inclinazione è di 45° i cappucci polari di ghiaccio, la cui estensione varia a causa dell’esposizione dei poli alla radiazione solare, possono diventare enormi, come si vede in questa illustrazione. Ma anche qui la variazione non è proprio uguale a quella del romanzo di Martin, perché avviene su scale millenarie, e non dell’ordine di qualche anno o decennio.

Risultati immagini per mars maximum inclination

In che modo si potrebbe ottenere allora questa variazione dell’inclinazione assiale su brevi scale temporali? Una possibilità potrebbe essere quella di un sistema planetario in cui i vari elementi sono fortemente interagenti tra di loro, costringendo in qualche configurazione l’asse a cambiare inclinazione in maniera variabile e rapida.

Probabilmente -e giustamente- nella finzione narrativa queste ipotesi non vengono prese in considerazione, ma la prossima volta che sentirete i sopravvissuti della famiglia Stark dire “l’inverno sta arrivando” potrete sogghignare pensando alla difficoltà di realizzazione di questo modello planetario.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Un nuovo ramo delle tauridi aumenta il pericolo di impatto sulla Terra
Lo sciame meteorico delle tauridi è generato dai residui della cometa 2P/Encke, che periodicamente lascia parte dei suoi materiali durante il passaggio
Emissioni inquinanti e mezzi di trasporto moderni: Quo Vadis?

I mezzi di trasporto su strada sono responsabili per le emissioni di sostanze dannose per l'uomo e per l'ambiente e nonostante il progresso tecnologico i
Che cosa sono e da dove vengono le comete?
Le comete sono degli oggetti con una lunga tradizione di osservazioni, che spesso si mescola alla storia, alla mitologia ed ai racconti popolari, a causa del loro aspetto spettacolare
Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole

Seguite Cronache dal Silenzio su facebook e su twitter.

[1] Space.com, Seasons on Game Of Thrones Planet: How they Work

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.

Hall Effect Thrusters (HET)



Gli HET, o Propulsori
SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,
Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche
Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: