Sono le spade laser davvero laser?

Se pensiamo alla leggendaria saga di fantascienza di Star Wars la prima cosa che ci viene in mente sono sicuramente i cavalieri Jedi, con le loro spade laser. Vediamo come e se sarebbe realizzabile un’arma simile.

Partiamo da cosa è un laser. Un laser è uno strumento in grado di emettere luce coerente (o anche il nome dato alla luce coerente stessa). Per luce coerente si intende un’onda elettromagnetica che in tutti i punti mantiene un’ampiezza e una variazione temporale ben definita; al contrario una luce totalmente incoerente presenta variazioni casuali di queste due grandezze.

Ci sono alcune questioni problematiche rispetto alla tecnologia che permetterebbe l’esistenza di un’arma di questo tipo:

  • L’assenza di una superficie riflettente al termine del raggio laser: non c’è ragione per cui altrimenti un raggio laser si dovrebbe fermare di colpo invece che proseguire indisturbato, allontanandosi dalla sorgente, e quindi la spada laser fatta davvero di laser non avrebbe una lunghezza definita.
  • Le spade laser necessiterebbero di una grande quantità di energia per poter tagliare materiali solidi. Sorge allora il problema di compattare la sorgente di tale energia in uno strumento così piccolo.
  • I laser sarebbero silenziosi e non farebbero rumore nel momento in cui si scontrano. E ovviamente neanche si scontrerebbero veramente, ma passerebbero l’uno attraverso l’altro.

Appare chiaro che una spada laser non potrebbe essere fatta davvero di laser. Di cosa potrebbe essere fatta allora?

L’energia si potrebbe avere se la spada fosse fatta di plasma, uno stato della materia costituito da gas di particelle cariche elettricamente (ad esempio getti di plasma vengono utilizzati per tagliare materiali molto resistenti, come l’acciaio). Un gas di particelle cariche potrebbe anche avere la forma desiderata se si riuscisse ad utilizzare un campo magnetico adeguato. Tuttavia resterebbe il problema delle collisioni, che non potrebbero avvenire nel modo in cui avvengono nel film. Altra questione problematica continuerebbe ad essere l’energia richiesta da un tale strumento: si calcolano circa 14 megawatt di energia per tagliare una lastra di metallo, una quantità di energia che può alimentare migliaia di appartamenti contemporaneamente.

Insomma, se un giorno vorremo tagliare una lastra di metallo con una spada dobbiamo ancora farne di progressi tecnologici. Per ora gli aspiranti Jedi resteranno delusi!

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

[1] Don Lincoln, Is a Real Lightsaber Possible? Science Offers New Hope, Scientific American
[2] Simone Valesini, La Scienza della Spada Laser, Wired
[3] Physics and Star Wars, Wikipedia

 

Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Pan, il disco volante satellite di Saturno
Per la prima volta la sonda Cassini si è avvicinata abbastanza al piccolo satellite di Saturno Pan da permettere di osservarne dettagliatamente la superficie.

Che Pan avesse
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Il polo sud di Giove durante il flyby del 2 febbraio


Grandi cicloni ruotano attorno al polo sud di Giove, di quando in quando interrotti da ovali bianchi, in questa foto scattata dalla JunoCam a bordo della sonda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: