#IspiratiDagliAstri: Gustav Holst – Suite dei Pianeti

Con questo articolo si inaugura la rubrica #IspiratiDagliAstri: ogni venerdì verrà pubblicata sul blog una musica, rigorosamente a tematica astronomica. Dalla musica classica allo space rock, dalle colonne sonore di film di fantascienza all’ambient, verranno condivise musiche di vario genere ispirate all’universo ed al mondo dell’astronomia.

Non si ricerca qui la giustificazione scientifica ma si vuole solo passare del tempo piacevole ascoltando la musica ed immedesimandosi nella mente dell’artista che l’ha voluta creare. Per far ciò, è consigliabile fermarsi un momento, correndo con la mente un po’ meno di quanto imponga la frenesia dei social network, ed ascoltare veramente la musica proposta, immedesimandosi nell’atmosfera che essa genera.

Gustav Holst (1874-1934) è stato un compositore inglese. La suite I Pianeti è senz’altro l’opera più nota dell’autore, ispirata perlopiù a tematiche astrologiche e teosofiche. Non si tratta certo di un’opera di rigore scientifico, ma legata perlopiù a ciò che l’idea di un pianeta trasmetteva ad Holst. Plutone non era noto a suo tempo e la Terra non è stata contata, quindi i brani dell’opera sono 7.
Molti autori di colonne sonore cinematografiche sono stati influenzati più o meno esplicitamente dai pianeti di Holst. John Williams, ad esempio, ne citò alcuni temi nella colonna sonora di Star Wars.

Siccome Plutone non era ancora stato scoperto ai tempi di Holst, non figura tra i pianeti a cui è dedicata la sinfonia (anche se come sappiamo adesso, è giusto così): nel 2000 il compositore scozzese Colin Matthews ha allora composto il suo Plutone – il Rinnovatore che completa l’opera (o meglio, l’avrebbe completata se Plutone fosse stato un pianeta).

Buon ascolto!

0:00 Marte, il portatore di guerra
7:27 Venere. il portatore di pace
14:52 Mercurio, il messaggero alato
18:39 Giove, il portatore di gioia
26:11 Saturno, il portatore di vecchiaia
35:26 Urano, il mago
41:12 Nettuno, il mistico

Se avete suggerimenti da proporre, inviateli a cronachedalsilenzio@gmail.com, oppure scriveteli tra i commenti.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra
KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L'evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
Energia Oscura e Stringhe

Di recente un articolo (che invito a leggere) ha destato l'attenzione delle comunità scientifica ed è stato scritto un post semi-divulgativo al riguardo. Proviamo a capire insieme di cosa si
Dai dati alla musica: vento solare e stelle di neutroni
Quante volte vi è capitato di incappare in video come "i suoni dei pianeti", o "il suono degli anelli di Saturno"? Dei suoni intriganti, affascinanti e misteriosi.
Il cratere dell'eclissi
Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell'ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l'eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
A tutto plasma! - parte III
Nella prima parte abbiamo analizzato le cause del moto e di conseguenza i principi fisici dietro al funzionamento di qualsiasi propulsore (III principio della dinamica, conservazione della

3 pensieri riguardo “#IspiratiDagliAstri: Gustav Holst – Suite dei Pianeti

  • Maggio 13, 2016 in 11:54 am
    Permalink

    Colin Matthews ha anche scritto un pezzo aggiuntivo (Plutone, che non era ancora stato scoperto quando Holst scrisse la suite) – ma poi l’Unione Astronomica Internazionale gli ha fatto lo sgambetto declassando il povero Plutone a pianeta nano… XD

    A casa ho un’incisione in cui è presente anche il pezzo di Matthews: ci stava pure bene…

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: