Spot the Station: il widget della NASA per trovare l’ISS

La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo, tipicamente all’alba o al tramonto, non si può fare a meno di notarla, essendo il secondo oggetto più brillante dopo la Luna.

La NASA ha allora messo a disposizione un semplice ed intuitivo widget per i possessori di siti e blog che vogliono inserire la possibilità di controllare quando avverrà il prossimo passaggio dell’ISS nel cielo soprastante la propria città.

Questa settimana La Stazione Spaziale Internazionale ha raggiunto la sua orbita n° 100.000 da quando il suo primo componente, il modulo cargo Zarya, è stato lanciato il 20 novembre 1998.

La traiettoria dell’orbita dell’ISS passa sopra le teste del 90% della popolazione mondiale, che la potrà vedere nel momento definito da questo widget solo se si trova al di sopra di ostacoli come edifici o alberi che ne potrebbero occultare la vista.

Il widget è disponibile in due versioni che differiscono solo esteticamente, ma forniscono le stesse informazioni: data e orario del prossimo passaggio, durata, altezza massima e la direzione in cui guardare per vederla apparire e scomparire. Cliccando su “More Sightings” si possono inoltre vedere quali saranno i passaggi successivi al prossimo.

Su questo sito è possibile trovare i link al codice da incorporare sul proprio sito.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

A tutto plasma! - Respirando l'alta atmosfera
Il 5 Marzo è stato acceso per la prima volta un propulsore elettrico air breathing, cioè un propulsore elettrico in cui entra una miscela di gas attraverso una presa d'aria
Viaggio nella costellazione di Orione
Alle nostre latitutidini, la costellazione di Orione è una delle più evidenti nei cieli invernali, e nasconde alcune delle più grandi meraviglie facilmente accessibili che il cielo
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma
Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante
NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
Dagli USA un filtro inverso per particelle
In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale
Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: