Quel pugnale venuto dal cielo

Il pugnale del più rinomato faraone egizio è stato costruito utilizzando del ferro di origine meteoritica. Lo studio pubblicato su Meteoritics & Planetary Science porta un importante contributo italiano.

Tutankhamon
La maschera funeraria di Tutankhamon, esposta al museo del Cairo, è costituita principalmente da oro massiccio, lapislazzuli e paste vitree.

maps12664-fig-0002

Le meteoriti cadono con continuità su tutta la Terra. Sulla maggior parte della superficie risulta però difficile distinguerli dalle altre rocce terrestri, anche a causa dei processi di alterazione che subiscono: ciò non è vero in luoghi come l’Antartide o i deserti, in cui perciò assistiamo ad una maggiore quantità di rocce extra-terrestri rinvenute.

Non fa eccezione ovviamente il deserto egiziano, dove i fabbri che crearono il pugnale di Tutankhamon avrebbero prelevato una meteorite per utilizzarne il ferro nella fabricazione del pugnale del faraone (in foto a destra).
Così è risultato dallo studio svolto da un gruppo di ricerca internazionale in cui è stato determinante il contributo italiano, tramite i politecnici di Milano e Torino, università di Pisa e CNR, che hanno affiancato il museo del Cairo, l’università di Fayoum e la società XGlab.

Tutankhamon visse nell’età del bronzo, in cui l’utilizzo di ferro nella fabbricazione di utensili era molto raro. L’apparizione sporadica di questo metallo nei manufatti ha favorito l’ipotesi che si trattasse di ferro di origine meteoritica. Si è dibattuto a lungo – fin dalla scoperta del sarcofago di Tutankhamon nel 1925 – e si sono svolte varie analisi sul pugnale in questione, giungendo sempre a risultati controversi.

La composizione del pugnale, misurata tramite la tecnica della spettrometria a raggi X, è risultata essere di ferro arricchito con 10.8 % (in massa) di nichel e 0.58 % di cobalto e questa composizione conferma con forza l’ipotesi dell’origine meteoritica del pugnale, in quanto si tratta proprio delle percentuali tipiche degli elementi nelle meteoriti ferrose.

[1] D. Comelli et al, The Meteoritic origin of Tutankhamun’s iron dagger blade, Meteoritics & Planetary Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche
Backyard Worlds: Planet 9 - Tutti possiamo cercare il nono pianeta
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del
Breve storia del telescopio spaziale Hubble
È il 24 Aprile del 1990, tira un'aria fredda nel complesso di lancio 39, presso il John F. Kennedy Space Center. Le persone sono in visibilio e c'è una tale confusione in giro
La fine delle Opportunità
Era pensato per percorrere 1 km in 90 giorni marziani, ed invece è durato 45 km e 15 anni. Ma nonostante questo il mondo dell'astronautica è in lutto: Opportunity è definitivamente perduto.



La
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
219 nuovi esopianeti per Kepler, e siamo a 4034
La missione Kepler e poi la K2 della NASA hanno l'obiettivo di andare a caccia di pianeti extrasolari. La NASA ha fatto il punto della situazione annunciando la scoperta
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: