Quel pugnale venuto dal cielo

Il pugnale del più rinomato faraone egizio è stato costruito utilizzando del ferro di origine meteoritica. Lo studio pubblicato su Meteoritics & Planetary Science porta un importante contributo italiano.

Tutankhamon
La maschera funeraria di Tutankhamon, esposta al museo del Cairo, è costituita principalmente da oro massiccio, lapislazzuli e paste vitree.

maps12664-fig-0002

Le meteoriti cadono con continuità su tutta la Terra. Sulla maggior parte della superficie risulta però difficile distinguerli dalle altre rocce terrestri, anche a causa dei processi di alterazione che subiscono: ciò non è vero in luoghi come l’Antartide o i deserti, in cui perciò assistiamo ad una maggiore quantità di rocce extra-terrestri rinvenute.

Non fa eccezione ovviamente il deserto egiziano, dove i fabbri che crearono il pugnale di Tutankhamon avrebbero prelevato una meteorite per utilizzarne il ferro nella fabricazione del pugnale del faraone (in foto a destra).
Così è risultato dallo studio svolto da un gruppo di ricerca internazionale in cui è stato determinante il contributo italiano, tramite i politecnici di Milano e Torino, università di Pisa e CNR, che hanno affiancato il museo del Cairo, l’università di Fayoum e la società XGlab.

Tutankhamon visse nell’età del bronzo, in cui l’utilizzo di ferro nella fabbricazione di utensili era molto raro. L’apparizione sporadica di questo metallo nei manufatti ha favorito l’ipotesi che si trattasse di ferro di origine meteoritica. Si è dibattuto a lungo – fin dalla scoperta del sarcofago di Tutankhamon nel 1925 – e si sono svolte varie analisi sul pugnale in questione, giungendo sempre a risultati controversi.

La composizione del pugnale, misurata tramite la tecnica della spettrometria a raggi X, è risultata essere di ferro arricchito con 10.8 % (in massa) di nichel e 0.58 % di cobalto e questa composizione conferma con forza l’ipotesi dell’origine meteoritica del pugnale, in quanto si tratta proprio delle percentuali tipiche degli elementi nelle meteoriti ferrose.

[1] D. Comelli et al, The Meteoritic origin of Tutankhamun’s iron dagger blade, Meteoritics & Planetary Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
Crani delle balene come antenne
Della comunicazione delle balene sappiamo molto, ma ancora esistono molti misteri. In particolare a lungo è rimasta l’incognita del loro sistema uditivo: come fanno a sentire? Una nuova
Materia Oscura: la velocità delle galassie può farne a meno
I ricercatori della Case Western Reserve University dell'Ohio hanno trovato una nuova relazione che spiega l'accelerazione delle stelle nelle galassie a spirale
10 falsi miti sull'allunaggio
Fin dagli anni '70, le tesi sul complotto dell'allunaggio hanno sempre perseguitato questo evento storico. In questo articolo cerchiamo di fare un po' di debunking sui 10 principali miti
Meccanica Statistica questa sconosciuta
Oggi vi voglio parlare della Meccanica Statistica, ovvero della sorellina minore, non per importanza scientifica sia ben chiaro, della più nota triade composta da Meccanica Classica,
Tuoni e fulmini
Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l'origine ci permette di
Bolide avvistato in Nord Italia il 30 maggio: Prime immagini e spiegazione
Il 30 maggio 2017, attorno alle 23:10, moltissime persone in un'area compresa approssimativamente tra Firenze e Milano hanno potuto ammirare uno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: