Quel pugnale venuto dal cielo

Il pugnale del più rinomato faraone egizio è stato costruito utilizzando del ferro di origine meteoritica. Lo studio pubblicato su Meteoritics & Planetary Science porta un importante contributo italiano.

Tutankhamon
La maschera funeraria di Tutankhamon, esposta al museo del Cairo, è costituita principalmente da oro massiccio, lapislazzuli e paste vitree.

maps12664-fig-0002

Le meteoriti cadono con continuità su tutta la Terra. Sulla maggior parte della superficie risulta però difficile distinguerli dalle altre rocce terrestri, anche a causa dei processi di alterazione che subiscono: ciò non è vero in luoghi come l’Antartide o i deserti, in cui perciò assistiamo ad una maggiore quantità di rocce extra-terrestri rinvenute.

Non fa eccezione ovviamente il deserto egiziano, dove i fabbri che crearono il pugnale di Tutankhamon avrebbero prelevato una meteorite per utilizzarne il ferro nella fabricazione del pugnale del faraone (in foto a destra).
Così è risultato dallo studio svolto da un gruppo di ricerca internazionale in cui è stato determinante il contributo italiano, tramite i politecnici di Milano e Torino, università di Pisa e CNR, che hanno affiancato il museo del Cairo, l’università di Fayoum e la società XGlab.

Tutankhamon visse nell’età del bronzo, in cui l’utilizzo di ferro nella fabbricazione di utensili era molto raro. L’apparizione sporadica di questo metallo nei manufatti ha favorito l’ipotesi che si trattasse di ferro di origine meteoritica. Si è dibattuto a lungo – fin dalla scoperta del sarcofago di Tutankhamon nel 1925 – e si sono svolte varie analisi sul pugnale in questione, giungendo sempre a risultati controversi.

La composizione del pugnale, misurata tramite la tecnica della spettrometria a raggi X, è risultata essere di ferro arricchito con 10.8 % (in massa) di nichel e 0.58 % di cobalto e questa composizione conferma con forza l’ipotesi dell’origine meteoritica del pugnale, in quanto si tratta proprio delle percentuali tipiche degli elementi nelle meteoriti ferrose.

[1] D. Comelli et al, The Meteoritic origin of Tutankhamun’s iron dagger blade, Meteoritics & Planetary Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

I ghiacciai pedemontani dell'isola di Ellesmere

L'immagine, ottenuta tramite il satellite Terra della NASA il 26 luglio 2009, ritrae il ghiacciaio di Turnabout, situato nell'isola canadese di Ellesmere. Si tratta di
Medaglie Fields 2018, l'italiano Alessio Figalli tra i vincitori

La medaglia Fields, in onore del professor John Charles Fields, è un premio che viene assegnato ogni quattro anni in occasione del congresso internazionale
Vita su Marte? No, non lo sappiamo ancora
Su Marte, la vita, c'è o c'è stata in passato? La verità è che nonostante tutto, continuiamo a non saperlo. La NASA ieri ha annunciato la scoperta di antichi depositi organici
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
Tutti i premi Nobel 2016
Dal 3 al 10 ottobre 2016 sono stati annunciati i vincitori dei premi Nobel di quest'anno. Di seguito tutto quello che c'è da sapere a riguardo.
Alfred Nobel (l'invetore della dinamite), istituì
Eclissi solare USA: cos'è e come vederla in streaming
Il 21 agosto 2017 gli Stati Uniti verranno attraversati da un’eclissi totale di Sole. Sarà uno dei fenomeni astronomici più seguiti di sempre. Vediamo un po’ di cosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: