Quel pugnale venuto dal cielo

Il pugnale del più rinomato faraone egizio è stato costruito utilizzando del ferro di origine meteoritica. Lo studio pubblicato su Meteoritics & Planetary Science porta un importante contributo italiano.

Tutankhamon
La maschera funeraria di Tutankhamon, esposta al museo del Cairo, è costituita principalmente da oro massiccio, lapislazzuli e paste vitree.

maps12664-fig-0002

Le meteoriti cadono con continuità su tutta la Terra. Sulla maggior parte della superficie risulta però difficile distinguerli dalle altre rocce terrestri, anche a causa dei processi di alterazione che subiscono: ciò non è vero in luoghi come l’Antartide o i deserti, in cui perciò assistiamo ad una maggiore quantità di rocce extra-terrestri rinvenute.

Non fa eccezione ovviamente il deserto egiziano, dove i fabbri che crearono il pugnale di Tutankhamon avrebbero prelevato una meteorite per utilizzarne il ferro nella fabricazione del pugnale del faraone (in foto a destra).
Così è risultato dallo studio svolto da un gruppo di ricerca internazionale in cui è stato determinante il contributo italiano, tramite i politecnici di Milano e Torino, università di Pisa e CNR, che hanno affiancato il museo del Cairo, l’università di Fayoum e la società XGlab.

Tutankhamon visse nell’età del bronzo, in cui l’utilizzo di ferro nella fabbricazione di utensili era molto raro. L’apparizione sporadica di questo metallo nei manufatti ha favorito l’ipotesi che si trattasse di ferro di origine meteoritica. Si è dibattuto a lungo – fin dalla scoperta del sarcofago di Tutankhamon nel 1925 – e si sono svolte varie analisi sul pugnale in questione, giungendo sempre a risultati controversi.

La composizione del pugnale, misurata tramite la tecnica della spettrometria a raggi X, è risultata essere di ferro arricchito con 10.8 % (in massa) di nichel e 0.58 % di cobalto e questa composizione conferma con forza l’ipotesi dell’origine meteoritica del pugnale, in quanto si tratta proprio delle percentuali tipiche degli elementi nelle meteoriti ferrose.

[1] D. Comelli et al, The Meteoritic origin of Tutankhamun’s iron dagger blade, Meteoritics & Planetary Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Surge glaciali: le inondazioni dei giganti di ghiaccio
Migliaia di ghiacciai si trovano nei pressi di insediamenti umani, e negli ultimi decenni, dozzine di ondate (surge glaciali) hanno provocato morti e feriti. Una
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
L'ABC della Relatività Generale: le basi, i buchi neri, le onde gravitazionali
La Relatività Generale, una delle opere d'arte della scienza del XX secolo, nonché una delle teorie più temute da chi non la conosce: è davvero
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole
La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,
Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,
Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: