Rift Valley, ovvero: come si formano gli oceani?

Chi non ha mai sentito parlare della bellissima Rift Valley africana? Una vallata ampia e lunghissima che si estende per centinaia di chilometri quadrati nell’Africa Orientale. Oltre ad essere uno spettacolo incredibile è anche particolarmente interessante dal punto di vista geologico: vediamo perché.

scarpata rift valley golja (etiopia)
Valle del Golja, Etiopia

La Rift Valley africana è un esempio attuale dello sviluppo di un oceano, o meglio ne costituisce una delle fasi. Un oceano infatti si genera a partire da una zona detta di spreading (apertura, espansione) coincidente con una regione in cui vi sono serie di fratture lineari dalle quali fuoriesce materiale fuso: questa fuoriuscita è accompagnata dall’allontanamento dei due margini generati dalle fratture stesse. L’apertura o espansione di un oceano può verificarsi su terreni continentali, generando delle spettacolari morfologie come quelle della valle etiope del Golja (vedi foto), caratterizzata da alte e ripide scarpate di origine tettonica che delimitano una zona centrale pianeggiante e depressa rispetto alle regioni circostanti.

Un aspetto molto intrigante del rifting (ovvero il processo di separazione e rottura di porzioni della crosta terrestre) è l’intensa attività vulcanica ad esso collegata: non è raro trovare vulcani attivi alle pendici delle scarpate ed è anzi molto frequente trovarne in sequenza, in un fenomeno definito vulcanismo lineare: una serie di vulcani attivi lungo quella che in vista aerea è effettivamente una linea. Come mai si sviluppano in questo modo?

eruzione lineare tra erta ale e Hayli gubbi
Esempio di vulcani in sequenza lineare in un fenomeno di rifting

Il fenomeno del rifting comincia con la distensione della crosta ad opera di movimenti tettonici che agiscono servendosi di linee di frattura (faglie) lungo le quali i blocchi di roccia che esse stesse separano possono muoversi e formare le scarpate. In seguito accade qualcosa di molto interessante: poiché una volta che la crosta si è assottigliata il mantello sottostante si trova in una condizione di decompressione, le rocce che lo costituiscono iniziano a fondere formando dei magmi. Per via della differenza di densità tra le rocce molto dense del mantello ed il meno denso materiale fuso, quest’ultimo tende a risalire (come farebbe dell’olio sul quale viene versata dell’acqua) sfruttando però le linee di discontinuità generate dalle faglie. Essendo queste tendenzialmente rettilinee i vulcani che vi si formeranno seguiranno il suo andamento, ponendosi in sequenza.

*Quest’articolo è contributo di S. D’Annibale, studentessa di Geologia a La Sapienza

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
OSIRIS-REx e Bennu: si comincia



Il 17 agosto la sonda della NASA OSIRIS-REx ha ottenuto le sue primissime immagini dell'obiettivo della missione: l'asteroide Bennu. Da una distanza di 2.2 milioni di chilometri,
Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza
Cos'è l'equinozio di Primavera
Oggi, 20 marzo 2018 alle 17:15, ricorre l'equinozio di Primavera. Ma perché esiste una data precisa che indica la variazione di stagione?
Non tutti sanno, forse, che l’inizio di una stagione
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
219 nuovi esopianeti per Kepler, e siamo a 4034
La missione Kepler e poi la K2 della NASA hanno l'obiettivo di andare a caccia di pianeti extrasolari. La NASA ha fatto il punto della situazione annunciando la scoperta
La Morte di Cassini
Ci siamo quasi, si avvicina uno dei momenti più tristi del 2017. La sonda Cassini ci ha regalato tantissime fotografie e dati su Saturno, ma ormai è arrivato il momento di mandarla in pensione e perciò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: