Nominati i nuovi 4 elementi della tavola periodica

La IUPAC (International Union of Pure and Applied Chemistry) ha dato un nome ai 4 nuovi elementi della tavola periodica scoperti alla fine dell’anno passato.

image_3545e-Periodic-Table

  • Nihonium (Nihonio) e simbolo Nh, per l’elemento con numero atomico 113;
  • Moscovium (Moscovio) e simbolo Mc, per l’elemento con numero atomico 115;
  • Tennessine (Tennessinio) e simbolo Ts, per il 117;
  • Oganesson (Oganessio) e simbolo Og, per il 118.

Questi i nomi scelti dalla Divisione della Chimica Inorganica della IUPAC che ora dovranno superare una serie di passaggi prima dell’accettazione formale da parte del Consiglio della IUPAC.

Le linee guida per la nomenclatura sono che gli elementi possono prendere il nome concetti o personaggi mitologici, oggetti astronomici, minerali, luoghi geografici, una proprietà dell’elemento o uno scienziato. Gli elementi nei primi 15 gruppi devono terminare in -ium, quelli del gruppo 17 in -ine e quelli del gruppo 18 in -on. Inoltre i nomi in inglese devono essere facilmente traducibili nelle lingue più diffuse.

L’elemento con numero atomico 113, scoperto al centro RIKEN Nishina in Giappone ha proposto il nihonio che deriva da Nihon che in giapponese significa quello che noi tradurremmo come “Paese del Sol Levante”, ossia il Giappone stesso. Si tratta del primo elemento scoperto in Asia.

Anche il moscovio ed il tennessinio prendono i nomi dai luoghi in cui sono stati scoperti. Il moscovio (da Mosca) è stato infatti scoperto dal Joint Institute for Nuclear Research, in Russia ed il tennessinio nell’Oak Ridge National Laboratory, in Tennessee, USA.

L’elemento 118 è stato nominato in seguito al professor Yuri Oganessian per il suo contributo alla ricerca.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dodekatheon: ecco la copertina in esclusiva del 4° capitolo dell'Onniologo
Come annunciato da qualche settimana sulla nostra pagina Facebook, Cronache dal Silenzio è stato scelto per ospitare il Cover Reveal del quarto
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma
Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.
Acqua liquida sotto la superficie di Marte

Lo strumento MARSIS a bordo della missione Mars Express dell'ESA ha rilevato la presenza di una riserva di acqua liquida al di sotto della regione polare sud di Marte. La scoperta
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: