Perché l’astrologia ha fatto il suo tempo: 6 motivi per buttare gli oroscopi

Tutti le principali civiltà hanno sviluppato la loro tradizione astrologica, spesso come una delle più importanti discipline scientifiche. Negli ultimi secoli tuttavia l’astrologia è retrocessa al livello di pseudoscienza nel momento in cui le conoscenze scientifiche ed astronomiche hanno permesso di soppiantarne le previsioni e scardinarne le fondamenta.

astrologyspace

Tuttavia ancora permangono molte credenze popolari a riguardo, soprattutto per quanto riguarda l’oroscopo, ossia la presunta capacità dell’astrologo di prevedere i comportamenti ed il destino umano sulla base dei moti degli astri: ognuno di noi sa (o crede di sapere, ma lo vedremo tra poco), qual è il proprio segno zodiacale. I più informati conoscono anche ascendenti, le personalità o i rapporti che dovrebbero intercorrere tra i nati sotto uno stesso segno.

Vediamo alcune questioni che ci permettono oggi di poter guardare queste credenze solo come un fenomeno folkloristico, anche affascinante ed interessante, ma nulla di più.

1. Le costellazioni sono comode per orientarsi nel cielo, ma non hanno significato fisico

Per poter indicare una posizione nel cielo è comodo identificare una regione della volta celeste con un nome. Un po’ per questo, un po’ per il piacere che da sempre l’uomo ricava nel costruire storie e vagare con la fantasia, sono nate le costellazioni: un insieme di stelle apparentemente vicine vengono identificate con un personaggio mitologico, un oggetto o un animale. Ma si tratta di un legame apparente, legato alla prospettiva con cui noi vediamo le stelle dalla nostra posizione. Non c’è, in genere, nessun legame fisico tra le stelle che compongono le costellazioni, spesso ad enormi distanze l’una dall’altra.

2. Chi è del segno dell’Ofiuco?

Le costellazioni zodiacali sono quelle che si trovano lungo l’eclittica, il piano su cui orbita la Terra e su cui perciò si muove apparentemente il Sole nella volta celeste. Il segno zodiacale di appartenenza dipende dalla posizione del Sole lungo la fascia zodiacale: se ad esempio si nasce mentre il Sole si trova nella costellazione dell’Ariete, il proprio segno sarà Ariete. Ma i segni zodiacali sono 12 e coprono tutto l’anno, e le costellazioni zodiacali 13. Chi di voi è del segno dell’Ofiuco? Nessuno, eppure qualcuno è sicuramente nato mentre il Sole si trovava nell’Ofiuco: questo non invalida tutti i segni zodiacali?

3. Il moto di precessione farebbe cambiare i segni di anno in anno

Oltre a rotazione e rivoluzione, la Terra compie anche un moto di precessione: in 25.000 anni circa l’asse terrestre compie una rotazione, descrivendo un doppio cono, come una trottola poco prima di fermarsi.

Immagine90p0ty5tr888

Questo moto è impercettibile sulla scala di pochi anni, ma è ben osservabile e misurabile nei secoli che ci separano dal momento in cui l’astrologia è sorta. Non ci credete? Fate un semplice esperimento: prendete un planetario come Stellarium e impostate la vostra data di nascita. Il Sole si trova nella costellazione corrispondente al vostro segno zodiacale?

4. Le previsioni sono casuali e generiche

Provate a farvi fare l’oroscopo su questo sito. Probabilmente avrete risposto “molto bene” alla domanda che vi viene posta. Serve veramente altro?
Le frasi che si trovano sugli oroscopi (che sono in genere tutti diversi l’uno dall’altro… Strano, se sono gli astri a parlare!) sono in genere molto generiche, adattabili e si prestano a differenti chiavi di lettura, tanto che chiunque ci creda possa leggerle e trovarsi d’accordo su di sé e sugli altri di cui si leggono le previsioni.

5. Gli astrologi non indovinano

Il CICAP, il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, fondato nel 1989 da Piero Angela, svolge alla fine di ogni anno il minuzioso lavoro di andare a verificare se effettivamente le previsioni degli astrologi per l’anno si sono verificate. Ecco la risposta: sono casuali anche queste (qui le previsioni del 2015).

6. La gravità, questa sconosciuta

La forza di gravita generata da un corpo è data dalla nota relazione di Newton, per cui l’attrazione gravitazionale dipende dall’inverso del quadrato della distanza. Prendiamo la stella a noi più vicina, Alpha Centauri ed applichiamo la legge di gravitazione universale:

forza_gravitazione_universale1

Alpha Centauri si trova a circa 4 anni luce di distanza da noi, ossia in metri circa 3,6 seguito da 16 zeri, e quindi la forza gravitazionale sarà proporzionale ad un numero che si trova a 32 zeri dopo la virgola. G si trova a 11 zeri dopo la virgola, la massa di alpha centauri sarà circa 1 seguito da 30 zeri in kg. Il corpo umano sarà sui 70 kg. Mettiamo insieme questi risultati: avremo un numero che si trova a circa 12 zeri dopo la virgola. 0,000000000001. Davvero possiamo ritenere che una forza così piccola possa avere una qualche influenza sulla nostra vita di tutti i giorni, quando le forze in atto in ogni nostra azione sono in genere enormemente più intense? Se prendiamo stelle più lontane (tutte le altre, escluso il Sole), il numero diventa enormemente più piccolo. Quale influenza dovrebbero allora avere su di noi i moti apparenti delle stelle?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
ExoMars, l'Europa arriva su Marte
Il Trace Gas Orbiter ed il modulo Schiaparelli il 19 ottobre giungeranno sul Pianeta Rosso.
Le due sonde erano decollate insieme il 14 marzo scorso per la prima parte della missione
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
Breve storia del telescopio spaziale Hubble
È il 24 Aprile del 1990, tira un'aria fredda nel complesso di lancio 39, presso il John F. Kennedy Space Center. Le persone sono in visibilio e c'è una tale confusione in giro
Ascensore spaziale: dalla fantascienza dell'Onniologo ad una possibilità reale
Uno dei maggiori problemi dell'esplorazione spaziale è che occorre utilizzare una grande massa (il carburante) che si perde poco dopo il lancio.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Tutti i premi Nobel 2016
Dal 3 al 10 ottobre 2016 sono stati annunciati i vincitori dei premi Nobel di quest'anno. Di seguito tutto quello che c'è da sapere a riguardo.
Alfred Nobel (l'invetore della dinamite), istituì
Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
Scoperta una nuova luna nella fascia di Kuiper
2007OR10 è il nome del terzo pianeta nano in ordine grandezza nella regione transnettuniana, la regione in cui gli oggetti orbitano almeno in parte al di fuori dell'orbita
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
Il complottismo deve essere tollerato?
È da tempo ormai che lo spirito di George Orwell imperversa fra la popolazione instillando dubbi e paranoie sulla popolazione. Stiamo vivendo in un'epoca dove la scienza ufficiale
Crani delle balene come antenne
Della comunicazione delle balene sappiamo molto, ma ancora esistono molti misteri. In particolare a lungo è rimasta l’incognita del loro sistema uditivo: come fanno a sentire? Una nuova
Dagli USA un filtro inverso per particelle
In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: