Cosa significa il #Brexit per i programmi spaziali

Ormai è noto che il 23 giugno 2016 i cittadini del Regno Unito hanno votato per il leave, l’uscita dall’Unione Europea. A cosa può portare questo risultato, se verrà messo in atto, nell’ambito delle politiche spaziali inglesi ed europee?

brexit-the-uk-games-industry-how-leaving-the-eu-could-negatively-effect-one-of-the-wo-1033206

C’è da dire innanzitutto che l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) non è un’istituzione dell’Unione Europea e vede la partecipazione di stati, come la Svizzera o la Norvegia, che non fanno parte dell’UE, e la collaborazione di agenzie spaziali, come quella canadese, che non si trovano neanche in Europa. Perciò, l’uscita del Regno Unito dall’UE non significherebbe un’uscita dall’ESA.

Nonostante ciò, alcuni programmi spaziali europei, come Galileo o Copernicus, sono progetti esplicitamente dell’Unione Europea. Questi vedono perciò la partecipazione del Regno Unito come membro dell’Unione, e potrebbero perciò subire conseguenze anche gravi nel caso si realizzi il risultato del referendum.

Oltre a ciò, le cose si complicherebbero senz’altro per i lavoratori inglesi nell’ESA, che si troverebbero ad essere extracomunitari a tutti gli effetti, e perderebbero perciò i privilegi e le facilitazioni previste per i cittadini dell’UE.

Le trattative che necessariamente si svolgeranno nel momento in cui il Regno Unito comunicherà ufficialmente la sua decisione all’Unione Europea, sperabilmente porteranno a buoni accordi tra le due parti che potranno evitare problemi ai programmi di ricerca.

Per approfondire:

[1] AstronautiNews: Brexit e le sue conseguenze sullo spazio europeo

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Le onde gravitazionali di LIGO mettono alla prova la Relatività Generale
Le onde gravitazionali sono l'ennesima conferma della teoria della Relatività Generale di Einstein, eppure potrebbero nascondere anche un aspetto
AlphaZero: la nuova IA che apprende da sé stessa

Le intelligenze artificiali possono battere i giocatori umani in giochi sempre più complessi, come gli scacchi, il Go e lo shogi. Un gruppo di ricerca di Google DeepMind
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
Il Primo Uomo: il film che racconta l'allunaggio
Dopo il successo di La La Land, vincitore di sei premi Oscar, il regista Damien Chazelle e il protagonista Ryan Gosling tornano a lavorare insieme nel film Il Primo Uomo
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
Meccanica Statistica questa sconosciuta
Oggi vi voglio parlare della Meccanica Statistica, ovvero della sorellina minore, non per importanza scientifica sia ben chiaro, della più nota triade composta da Meccanica Classica,
2061: Il Ritorno della Cometa - Recensione del Libro
Un nonno racconta al nipotino una storia. È la sua storia e quella dell'Italia e del mondo, così come l'ha vissuta e come la ricorda. È il passaggio di testimone tra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: