Ventuno anni e non sentirli: si apre la nuova stagione di Superquark

Da mercoledì 13 luglio 2016 alle ore 21.20 su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 

1467635588362superquark_studio.jpg

Un po’ tutti gli italiani appassionati di scienza devono qualcosa della loro passione a Piero Angela ed al suo SuperQuark. Nonostante sia giunto alla sua ventunesima edizione e i canali della televisione siano aumentati a dismisura, SuperQuark resta senz’altro la trasmissione scientifica più amata dal pubblico italiano nonché la più curata dal punto di vista scientifico e dell’intrattenimento.

Quest’anno SuperQuark ci farà compagnia per 8 settimane, a partire da mercoledì 13 luglio e sarà trasmesso anche in HD.

Le otto puntate saranno aperte come sempre da un documentario naturalistico prodotto dalla BBC: “La Caccia” esplora il mondo della predazione, un atto che in natura è decisivo per la lotta tra la vita e la morte delle specie animali.

Come si legge sul sito della trasmisssione “questa serie osserva da vicino le sorprendenti tecniche dei predatori e delle prede, esaminando le sfide che gli animali devono affrontare e le tattiche da impiegare.   Le strategie di predatori e prede sono influenzate dal luogo in cui vivono, quindi ciascun episodio si concentra su un habitat specifico: savana, giungla o oceano. In modo audace e in stile cinematografico, questa serie segue alcuni dei più determinati, specializzati e scaltri predatori esistenti in natura, e le loro prede altrettanto astute e sfuggenti.

Nella prima puntata il demografo Antonio Golini ci spiegherà come la demografia possa prevedere i cambianti della società, e Gianluca Ferrari racconterà come l’Italia guidi una forza internazionale per proteggere il patrimonio artistico nelle zone a rischio.

Alberto Angela ci accompagnerà nella Basilica di San Clemente e di Castel Sant’Angelo, due grandi ricchezze del patrimonio storico ed artistico di Roma.

Materiali intelligenti come la spugna cuore, le ricerche sui nati digitali e tanto altro saranno presentate dagli inviati di SuperQuark negli Stati Uniti. Si parlerà di vaccini, di sistema linfatico del cervello, di energia solare, di sale, di nuove tecnologie per il learning machine e molto altro.

Non mancheranno anche le rubriche:

  • Sessualità con Emmanuele Jannini;
  • Tecnologia con Roberto Cingolani;
  • Scienza in cucina con Elisabetta Bernardi;
  • Dietro le quinte della storia con Alessandro Brabero;
  • Polvere di Stelle con Giovanni Bignami;
  • Esperimenti in studio con Paco Lanciano

Insomma, come sempre ci sarà moltissimo da imparare e nulla da potersi perdere: da mercoledì tutti incollati alla televisione!

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.

Hall Effect Thrusters (HET)



Gli HET, o Propulsori
A tutto plasma! - Parte I
Una delle ricerche più promettenti per lo sviluppo di nuovi sistemi di propulsione spaziale è quella riguardo i propulsori al plasma.
L'obiettivo dei propulsori al plasma è lo stesso dei propulsori
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
Gli ultimi scatti di Rosetta
Alle 12.40 del 30 settembre 2016 la sonda Rosetta ha compiuto la sua ultima manovra atterrando sulla cometa 67/p Churyumov Gerasimenko, attorno alla quale orbitava da due anni.
Qui potete
Eclissi parziale di Luna - 7 Agosto 2017


 

Oggi potremmo osservare qui in Italia una eclissi di luna parziale.
L'eclissi totale di luna ha evento quando la Terra si interpone fra la Luna ed il Sole, formando
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: