Dragonfly 44: una galassia di materia oscura

Utilizzando i telescopi delle Hawaii, un team di studiosi ha rilevato la presenza di una galassia composta quasi interamente di materia oscura e che per questo emette solo una debolissima luce.

dragonfly-44-00b2587bb18b8bdd15e7d7e3310b8c596.jpg

Lo studio, pubblicato su Apj letters da un team internazionale di studiosi, parla chiaro: la galassia Dragonfly 44, nella Chioma, emette una luce troppo debole per essere composta di sola materia barionica (ossia in grado di emettere luce). Perché una galassia resti unita ed il suo materiale non si disperda, infatti, è necessario che essa possieda una quantità minima di materia. In alternativa, il campo gravitazionale interno al sistema galattico sarebbe troppo debole e le stelle verrebbero facilmente catturate da galassie vicine, portando alla disgregazione della galassia.

Le stelle orbitano attorno al centro galattico ad una velocità proporzionale alla quantità di materia contenuta all’interno della loro orbita. In una galassia così debole come Dragonfly 44 le stelle più esterne dovrebbero perciò essere molto lente, e invece risultano molto più veloci del previsto. La stima degli astronomi è sbalorditiva: il 99,99% della massa di Dragonfly 44 sarebbe costituita infatti da materia oscura.

Lo studio di oggetti come questo può essere fondamentale per comprendere la risposta alla domanda che da anni attanaglia i cosmologi: che cos’è la materia oscura?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza
Cassini invia nuove incredibili foto degli anelli di Saturno
Le ultimissime fotografie pubblicate dal team della missione Cassini della NASA mostrano gli anelli di Saturno ad un livello di dettaglio mai visto prima.





ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più
Clinton vs Trump: i programmi spaziali
L'elezione del nuovo presidente statunitense è ormai estremamente vicina. Quali potrebbero essere le conseguenze di queste elezioni sui programmi spaziali della NASA e delle agenzie
Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato

Un pensiero riguardo “Dragonfly 44: una galassia di materia oscura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: