Dragonfly 44: una galassia di materia oscura

Utilizzando i telescopi delle Hawaii, un team di studiosi ha rilevato la presenza di una galassia composta quasi interamente di materia oscura e che per questo emette solo una debolissima luce.

dragonfly-44-00b2587bb18b8bdd15e7d7e3310b8c596.jpg

Lo studio, pubblicato su Apj letters da un team internazionale di studiosi, parla chiaro: la galassia Dragonfly 44, nella Chioma, emette una luce troppo debole per essere composta di sola materia barionica (ossia in grado di emettere luce). Perché una galassia resti unita ed il suo materiale non si disperda, infatti, è necessario che essa possieda una quantità minima di materia. In alternativa, il campo gravitazionale interno al sistema galattico sarebbe troppo debole e le stelle verrebbero facilmente catturate da galassie vicine, portando alla disgregazione della galassia.

Le stelle orbitano attorno al centro galattico ad una velocità proporzionale alla quantità di materia contenuta all’interno della loro orbita. In una galassia così debole come Dragonfly 44 le stelle più esterne dovrebbero perciò essere molto lente, e invece risultano molto più veloci del previsto. La stima degli astronomi è sbalorditiva: il 99,99% della massa di Dragonfly 44 sarebbe costituita infatti da materia oscura.

Lo studio di oggetti come questo può essere fondamentale per comprendere la risposta alla domanda che da anni attanaglia i cosmologi: che cos’è la materia oscura?

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Frascati ospiterà il Divertor Tokamak Test facility
Quasi ad un anno dalla consegna del primo dei diciotto magneti toroidali superconduttori per ITER (di cui avevamo parlato qui), arriva la notizia della scelta da parte
Terremoti e trivelle: che legame c'è?
Tra le varie discussioni che accendono i social ce n'è una che va molto di moda in periodi in cui si verificano episodi sismici: la relazione causale tra questi episodi e la presenza
Dalla Meccanica Classica alla Teoria Quantistica dei Campi, passando per la Meccanica Quantistica
FISICA CLASSICA
La nascita della Meccanica Classica si può far risalire al 1687 con la pubblicazione dell’opera “Philosophiae
Due galassie interagenti per Hubble


Alcune galassie sono più difficili da classificare rispetto ad altre. Qui, la fotocamera del telescopio spaziale Hubble WFC3 ha scattatato un'incredibile fotografia di due galassie
Il premio Nobel per la Fisica 2016
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. La commissione di Stoccolma ha infatti scelto come

Un pensiero riguardo “Dragonfly 44: una galassia di materia oscura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: