Arrivano i primi dati dalla sonda Juno

Sono finalmente arrivate e sono spettacolari: ecco le prime immagini e i primi dati dalla sonda della NASA Juno, da poco arrivata in orbita attorno a Giove.

pia21030_main_2_north_polar_full-disk_a
La prima foto della JunoCam eseguita durante il sorvolo della sonda Juno del 27 agosto 2016

Il 27 agosto Juno ha eseguito con successo il primo dei 36 sorvoli programmati per la sua missione ed è arrivata a soli 4200 km dalla superficie nuvolosa di Giove (livello in cui la pressione 1 bar). Il transito è durato 6 ore e la sonda ha potuto raccogliere 6 megabyte di dati; il download ha richiesto 1 giorno e mezzo (da rendere fiero chi ricorda le connessioni a 56kb).

Scott Bolton, astronomo del team di Juno al Southwest Research Institute di San Antonio, commenta così l’evento: “è il primo sguardo al polo Nord di Giove e già ci appare come qualcosa di completamente diverso da ciò che abbiamo visto o immaginato in precedenza: è più blu del resto del pianeta e ci sono tantissime tempeste; non c’è segno delle bande o delle zone che siamo soliti osservare su Giove. Vediamo segni di ombre delle nubi, e ciò indica che probabilmente queste nubi si trovano ad un’altitudine maggiore degli altri dettagli.”

Ma il risultato più emozionante è qualcosa che la JunoCam non ha potuto vedere: il Jovian Infrared Auroral Mapper (JIRAM), fornito tra l’altro dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) ha acquisito foto all’infrarosso dei poli di Giove. Si tratta delle prime foto all’infrarosso dei poli del pianeta, mai fotografati in precedenza a queste lunghezze d’onda.

pia21033_jiram_aurora_d
L’aurora al polo Sud di Giove, fotografata all’infrarosso dallo strumento JIRAM a bordo della sonda Juno

Queste foto ci hanno permesso infatti di osservare intensi fenomeni aurorali sul polo Sud del pianeta, e di osservarne la struttura in alta definizione.

Un altro strumento è il Radio/Plasma Wave Experiment (Waves) che ha registrato le emissioni radio provenienti dal pianeta, già note ma mai analizzate a distanza così ridotta.

Siamo solo all’inizio ma già questi primissimi dati sono molto confortanti rispetto al proseguimento della missione ed ai risultati a cui ci potrà portare.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il complottismo deve essere tollerato?
È da tempo ormai che lo spirito di George Orwell imperversa fra la popolazione instillando dubbi e paranoie sulla popolazione. Stiamo vivendo in un'epoca dove la scienza ufficiale
Roma Tre punta gli Occhi su Giove
Venerdí 8 giugno 2018 dalle 19:00 a mezzanotte presso il Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi Roma Tre si terrà Occhi su Giove, un evento dedicato al gigante
Quelle molecole organiche su Cerere
Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: gallery fotografica
In questa galleria riportiamo tutte le foto pubblicate dagli utenti nella nostra Community su Facebook. Se non siete iscritti potete farlo qui.

Buona visione!

(Nella
Curiosity ha campionato una duna lineare marziana
Tra febbraio ed aprile, il rover della NASA Curiosity è stato impegnato nell'esaminare quattro siti nei pressi di una duna lineare nella regione di Bagnold Dunes da confrontare
Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre
In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: