New Frontiers: dopo New Horizons e Juno parte OSIRIS-REx

Tutto pronto per il lancio della missione OSIRIS-REx, terza parte della missione NASA New Frontiers, dedita all’esplorazione del Sistema Solare. OSIRIS-REx raggiungerà l’asteroide Bennu e poi tornerà sulla Terra, portando con sé dei campioni di roccia che ci permetteranno di scoprire qualcosa sull’origine del Sistema Solare e, forse, della vita.

800px-osiris-rex
Rappresentazione artistica della sonda OSIRIS-REx

Se non ci saranno contrattempi, la missione partirà alle ore 1:05 (ora italiana) della notte tra l’8 e il 9 settembre e sarà in diretta streaming sul sito della NASA.

Dopo una prima orbita, la sonda sfrutterà il fenomeno di fionda gravitazionale tornando vicino alla Terra un anno dopo il lancio, a settembre 2017, dopodiché raggiungerà l’asteroide Bennu a fine 2018.

Nei primi 20 giorni la sonda mapperà l’80% della superficie dell’asteroide, da una distanza di 5 km. Durante questa fase verranno scelti i 12 luoghi più adatti per prelevare campioni, che diventeranno 4 dopo un’ulteriore analisi ad 1 km di distanza. In queste fasi la sonda si terrà in equilibrio posizionandosi in maniera tale che la forza gravitazionale dell’asteroide sia controbilanciata dalla pressione di radiazione (la forza causata dallo scontro dei fotoni su una superficie) proveniente dal Sole. Dopo aver continuato la mappatura dell’asteroide ed averne caratterizzato gli aspetti fondamentali, verrà scelto il sito definitivo per il prelievo di campioni, che avverrà attorno a luglio 2020. Si tratta comunque di una data assolutamente indicativa, dato che dipenderà da molti fattori, problemi e decisioni che verranno affrontati dal team della NASA mano mano che la missione proseguirà.

Il prelievo vero e proprio avverrà con un braccio robotico che potrà raccogliere fino a 2 kg di materiale e riportarlo sulla Terra dove verrà accuratamente analizzato.

Gli obiettivi della missione sono i seguenti:

  • Analizzare un campione della superficie di Bennu
  • Mappare l’asteroide
  • Documentare il sito di campionamento
  • Misurare la deviazione orbitale causata da forze non gravitazionali (effetto Yarkovsky)
  • Comparare l’osservazione dell’asteroide con gli studi compiuti da Terra

    nasa_1999_rq36
    L’asteroide 101955 Bennu in un’immagine radar

101955 Bennu è un asteroide carbonaceo di grande dimensione appartenente alla categoria nota come NEA (Near Earth Asteroids, asteroidi vicini alla Terra), gli asteroidi la cui orbita interseca quella terrestre. In particolare Bennu si avvicina alla Terra ogni 6 anni, ha un diametro di circa 500 metri e ruota su se stesso in 4 ore e 20 minuti, con una durata dell’orbita di 1,2 anni. Si tratta di un asteroide primitivo, e pertanto non particolarmente modificato dal passare del tempo. Ci aspettiamo pertanto di ricavarne informazioni riguardo il Sistema Solare primordiale e, forse, riguardo l’origine degli ingredienti che hanno favorito l’insorgere della vita sul nostro pianeta.

Per approfondire:
Approfondimento su Polluce Notizie
Il sito della missione

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione
Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
Cambiamento climatico ed attività solare: ci sono legami?
Si tratta di un tema caldo, che scalda gli animi perché spesso intrecciato con la politica, e che scalda anche l'atmosfera del pianeta su cui abitiamo. Spesso
KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato
KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore
SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2018, alle 22:22, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma

Un pensiero riguardo “New Frontiers: dopo New Horizons e Juno parte OSIRIS-REx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: