Scoperto il segreto del Blob Lyman-Alfa

Un team dell’ESO ha scoperto la vera natura dei Blob Lyman-Alfa grazie all’ausilio dei telescopi ALMA e VLT.

I blob Lyman-Alfa, per gli amici LAB, sono nubi di idrogeno di incredibili dimensioni rilevate a grandi distanze dalla Via Lattea. Di questi oggetti abbiamo sempre saputo molto poco, oltre al fatto che si tratti di alcuni degli oggetti individuali più estesi dell’universo e che emettono incredibilmente alla frequenza che viene chiamata, non a caso, Lyman-Alfa e che indica una precisa transizione elettronica degli atomi di Idrogeno.

SSA22-Lyman-alpha blob 1 è uno dei più grandi blob che conosciamo; scoperto nel 2000, si trova ad 11,5 miliardi di anni luce da noi. Molti dei migliori telescopi al mondo si sono mobilitati per mappare le sorgenti di questo LAB: VLT (Very Large Telescope), ALMA (Atacama Large Millimeter/Submillimeter Array), l’Osservatorio Keck delle Hawaii, il Telescopio Spaziale Hubble.

Ma cosa genera tutta questa radiazione allora? Due grandi galassie interessate da un intenso processo di formazione stellare, al centro di una nube di idrogeno, contornate da molte galassie più piccole. Queste galassie più piccole probabilmente forniscono a quelle più grandi il materiale per la continua formazione stellare, la quale porta radiazione ultravioletta in grado di produrre le linee Lyman-Alfa nell’Idrogeno circostante.

L’interesse per questi oggetti, oltre che nella loro rarità, sta nel fatto che si tratta probabilmente della fase embrionale delle galassie più grandi che possiamo osservare ed il loro studio ci permette di comprendere qualcosa in più sulla loro formazione.

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Una nuova particella per il CERN di Ginevra
Di oggi la notizia della conferma sperimentale di una nuova particella fondamentale che compone le particelle e da tempo veniva cercata dagli studiosi del campo. Si chiama Ξcc++,
Come scegliere il primo Telescopio - guida completa

Vorrei iniziare ad osservare il cielo, quale telescopio mi conviene acquistare?

È una domanda che ci viene posta di continuo e con questo articolo vorremmo provare
Cos'è l'equinozio di Primavera
Oggi, 20 marzo 2018 alle 17:15, ricorre l'equinozio di Primavera. Ma perché esiste una data precisa che indica la variazione di stagione?
Non tutti sanno, forse, che l’inizio di una stagione
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma
NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
Clinton vs Trump: i programmi spaziali
L'elezione del nuovo presidente statunitense è ormai estremamente vicina. Quali potrebbero essere le conseguenze di queste elezioni sui programmi spaziali della NASA e delle agenzie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: