Premio Nobel per la chimica 2016

Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e Bernard L. Feringa hanno ricevuto il premio nobel per la chimica per le loro ricerche sulle nanomacchine. Si tratta di macchine a scala microscopica che, permettono pertanto di lavorare su oggetti microscopici, con interessantissimi risvolti in ambito medico e biologico. 

Le nanomacchine hanno una storia lunga che inizia con Feynman con la sua idea di costruire macchine sempre più piccole in serie fino ad arrivare a scale microscopiche. Il processo con cui Sauvage è incappato quasi per caso, occupandosi di fotochimica, è meno meccanico e più chimico: le macchine vengono costruite attraverso processi chimici che mirano a legare le molecole in catene controllabili e plasmabili. 

I tre si sono allora messi a lavoro ed hanno affinato la tecnica, arrivando a costruire dei veri e propri motori molecolari e dispositivi in grado di svolgere numerosi lavori disparati. 

A cosa ci porteranno queste tecnologie lo potrà dire solo il tempo.

Qui un interessante libro sulla storia dei premi Nobel.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: ecco tutti gli eventi
Associazioni di astrofili, università, o iniziative di privati cittadini: l'eclissi di Luna di venerdì attira l'attenzione di tutti. La notte del 27 non sarà solo
LED come lucciole? I LEC
Realizzati dai ricercatori delle Università svedesi di Umeå e Linköping coordinati da Ludvig Edman, i LEC sono un dispositivo a stato solido in grado di emettere luce.
LEC è l'acronimo di "Light-emitting
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Esplosioni: Deflagrazione o Detonazione?




In natura le esplosioni sono dei fenomeni assai comuni! Un accumulo di energia chimica, nucleare o semplicemente di pressione può dare origine ad un'esplosione come avviene
SpaceUp 2018: resoconto della non-conferenza pisana
Lo SpaceUp di quest'anno si è tenuto a Pisa. Sulle rive dell'Arno 2 giorni di conferenza, anzi di non-conferenza, sull'esplorazione spaziale e l'astronautica. Qui il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: