Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione

Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande al mondo e permetterà di ricavare moltissime informazioni dall’universo.

FAST, noto anche come Tianyan, “occhio del cielo”, è stato progettato per circa venti anni e costruito in soli cinque anni. L’enorme specchio è costituito da 4450 sezioni di alluminio, per un totale di 785.000 metri quadrati. Il diametro supera di 200 metri quello di Arecibo (300 metri), e FAST è inoltre decisamente più sensibile e potente, rendendolo lo strumento attualmente più desiderabile al mondo per un radioastronomo.

Tuttavia strumenti così grandi hanno anche un altro rovescio della medaglia: il FAST, come Arecibo, non sono liberamente orientabili e possono puntare solo ad una porzione ben precisa di cielo. Ciò fa sì che sia necessaria una collaborazione tra radiotelescopi per poter coprire tutto il cielo e generare quelle che vengono chiamate tra gli astronomi survey, ossia la rassegna e mappatura di una determinata classe di oggetti nel cielo: in tal senso svolgerà sicuramente un ruolo determinante anche il nostro Sardinia Radio Telescope.

Per tre anni il radiotelescopio sarà dedicato a misure di calibrazione, dopodiché diventerà una struttura di accesso internazionale.

La Cina in questi anni si sta affermando sempre più come una potenza anche scientifica, basti pensare al programma Tiangong che mira alla costruzione di una Stazione Spaziale Cinese o alla lunga serie di satelliti dediti all’osservazione metereologica e solare.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Curiosity ha campionato una duna lineare marziana
Tra febbraio ed aprile, il rover della NASA Curiosity è stato impegnato nell'esaminare quattro siti nei pressi di una duna lineare nella regione di Bagnold Dunes da confrontare
C'è vita là fuori? Le basi dell'Astrobiologia
La ricerca della vita al di fuori della Terra continua ad essere uno dei temi più ricorrenti nella ricerca scientifica in ambito spaziale, in particolare nell'esplorazione
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
Tuoni e fulmini
Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l'origine ci permette di
Il cratere dell'eclissi
Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell'ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l'eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo
SpaceUp 2018: resoconto della non-conferenza pisana
Lo SpaceUp di quest'anno si è tenuto a Pisa. Sulle rive dell'Arno 2 giorni di conferenza, anzi di non-conferenza, sull'esplorazione spaziale e l'astronautica. Qui il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: