Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione

Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande al mondo e permetterà di ricavare moltissime informazioni dall’universo.

FAST, noto anche come Tianyan, “occhio del cielo”, è stato progettato per circa venti anni e costruito in soli cinque anni. L’enorme specchio è costituito da 4450 sezioni di alluminio, per un totale di 785.000 metri quadrati. Il diametro supera di 200 metri quello di Arecibo (300 metri), e FAST è inoltre decisamente più sensibile e potente, rendendolo lo strumento attualmente più desiderabile al mondo per un radioastronomo.

Tuttavia strumenti così grandi hanno anche un altro rovescio della medaglia: il FAST, come Arecibo, non sono liberamente orientabili e possono puntare solo ad una porzione ben precisa di cielo. Ciò fa sì che sia necessaria una collaborazione tra radiotelescopi per poter coprire tutto il cielo e generare quelle che vengono chiamate tra gli astronomi survey, ossia la rassegna e mappatura di una determinata classe di oggetti nel cielo: in tal senso svolgerà sicuramente un ruolo determinante anche il nostro Sardinia Radio Telescope.

Per tre anni il radiotelescopio sarà dedicato a misure di calibrazione, dopodiché diventerà una struttura di accesso internazionale.

La Cina in questi anni si sta affermando sempre più come una potenza anche scientifica, basti pensare al programma Tiangong che mira alla costruzione di una Stazione Spaziale Cinese o alla lunga serie di satelliti dediti all’osservazione metereologica e solare.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più
Cambiamento climatico ed attività solare: ci sono legami?
Si tratta di un tema caldo, che scalda gli animi perché spesso intrecciato con la politica, e che scalda anche l'atmosfera del pianeta su cui abitiamo. Spesso
Scoperto il segreto del Blob Lyman-Alfa
Un team dell'ESO ha scoperto la vera natura dei Blob Lyman-Alfa grazie all'ausilio dei telescopi ALMA e VLT.
I blob Lyman-Alfa, per gli amici LAB, sono nubi di idrogeno di incredibili
Surriscaldamento Globale: ad un passo dalla catastrofe?
Dopo che ieri l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha pubblicato un nuovo report sulla situazione attuale del pianeta, il tema è tornato prepotentemente
L'ombra nei crateri di Cerere


Ecco come l'illuminazione dell'emisfero nord di Cerere varia con la variazione dell'inclinazione dell'asse di rotazione, rispettivamente 2°, 12° e 20° nei tre fotogrammi della GIF, dove
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: