Una nuova foto del lander Schiaparelli

Il Mars Reconnaissance Orbiter ha scattato una nuova foto del sito di atterraggio del lander di ExoMars Schiaparelli. L’oggetto era già stato identificato tramite una fotografia a più bassa risoluzione, ma adesso si potrà avere qualche informazione in più per comprendere cosa sia successo il 19 ottobre scorso.

Nella fotografia si possono trovare le varie parti della sonda: la macchia scura al centro è il corpo principale del lander, in alto a destra lo scudo termico anteriore utilizzato per proteggersi nelle prime fasi di discesa in atmosfera ed in basso il paracadute e lo scudo termico posteriore, elementi chiave nel rallentamento durante il volo. La parte centrale mostra una netta somiglianza con un cratere da impatto, ed in effetti si tratta proprio di un fenomeno di questo tipo, poiché il lander si è schiantato al suolo ad elevata velocità a causa di un malfunzionamento dei retropropulsori.

Sulla sinistra la macchia scura è identificabile come un frammento di Schiaparelli, mentre la strana curva a nord-est del cratere non trova ancora spiegazione, in quanto presenta una forma inaspettata.

pia21131_hires

Consigli di lettura:

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

20 Luglio 1969: 48 anni dal primo allunaggio


Il 20 Luglio 1969, alle ore 21:19 italiane, il modulo lunare "Eagle" toccava la superficie lunare.
Poche ore più tardi, l'astronauta Neil Armstrong, comandante della missione,
Come funziona l'anestesia?


Oggi tutti sappiamo che per subire un’operazione è necessario sottoporsi ad un trattamento anestesiologico onde evitare dolori eccessivi.

Ma come funziona esattamente? Per spiegare questo
Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
6 GIF che parlano della meteorologia di Marte


Le immagini di Marte spesso ci danno l'impressione che Marte sia un pianeta morto e statico, caratterizzato solamente da qualche sporadica tempesta di sabbia. In realtà
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
Perla di Giove immortalata durante il flyby

Questa foto è stata scattata dalla JunoCam l'11 dicembre 2016, alle 9:27 PST. In quel giorno la sonda della NASA Juno stava effettuando il suo terzo sorvolo (flyby) dell'atmosfera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: