Una nuova foto del lander Schiaparelli

Il Mars Reconnaissance Orbiter ha scattato una nuova foto del sito di atterraggio del lander di ExoMars Schiaparelli. L’oggetto era già stato identificato tramite una fotografia a più bassa risoluzione, ma adesso si potrà avere qualche informazione in più per comprendere cosa sia successo il 19 ottobre scorso.

Nella fotografia si possono trovare le varie parti della sonda: la macchia scura al centro è il corpo principale del lander, in alto a destra lo scudo termico anteriore utilizzato per proteggersi nelle prime fasi di discesa in atmosfera ed in basso il paracadute e lo scudo termico posteriore, elementi chiave nel rallentamento durante il volo. La parte centrale mostra una netta somiglianza con un cratere da impatto, ed in effetti si tratta proprio di un fenomeno di questo tipo, poiché il lander si è schiantato al suolo ad elevata velocità a causa di un malfunzionamento dei retropropulsori.

Sulla sinistra la macchia scura è identificabile come un frammento di Schiaparelli, mentre la strana curva a nord-est del cratere non trova ancora spiegazione, in quanto presenta una forma inaspettata.

pia21131_hires

Consigli di lettura:

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
Dalla Meccanica Classica alla Teoria Quantistica dei Campi, passando per la Meccanica Quantistica
FISICA CLASSICA
La nascita della Meccanica Classica si può far risalire al 1687 con la pubblicazione dell’opera “Philosophiae
ExoMars, l'Europa arriva su Marte
Il Trace Gas Orbiter ed il modulo Schiaparelli il 19 ottobre giungeranno sul Pianeta Rosso.
Le due sonde erano decollate insieme il 14 marzo scorso per la prima parte della missione
NGC 6231, un ammasso di neonate nello Scorpione
NGC 6231, situato a circa 5200 anni luce dalla Terra, è un soggetto incredibilmente interessante per lo studio degli ammassi stellari. Si trova infatti alla fine della fase
Nubi di metano su Titano


Durante il flyby del 7 maggio 2017, la sonda Cassini ha osservato queste chiare nubi di metano su Titano, luna di Saturno. Le macchie scure sono invece mari e laghi di idrocarburi presenti
Frascati ospiterà il Divertor Tokamak Test facility
Quasi ad un anno dalla consegna del primo dei diciotto magneti toroidali superconduttori per ITER (di cui avevamo parlato qui), arriva la notizia della scelta da parte
Surriscaldamento Globale: ad un passo dalla catastrofe?
Dopo che ieri l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha pubblicato un nuovo report sulla situazione attuale del pianeta, il tema è tornato prepotentemente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: