Scoperta ASASSN-15lh, la supernova più luminosa di sempre

Un team internazionale di astrofisici ha scoperto la supernova più luminosa che sia mai stata osservata nella storia dell’umanità. Si chiama ASASSN-15lh ed è stata presentata in uno studio su Science.

La galassia ospite dell'esplosione: prima e dopo. Credits: The Dark Energy Survey, G. Masi and the ASAS-SN team
La galassia ospite dell’esplosione: prima e dopo. Credits: The Dark Energy Survey, G. Masi and the ASAS-SN team

Di supernovae ne abbiamo viste molte, ma mai così luminose: è sufficiente dare un’occhiata alla differenza di luminosità della galassia ospite prima e dopo l’esplosione (vedi foto) per capire quanto possa essere stato drammaticamente intenso questo fenomeno.

ASASSN-15lh, questo il nome della Supernova in questione, si trova a circa 3.8 miliardi di anni luce di distanza nella galassia dal nome poco amichevole di APMUKS(BJ) B215839.70-615403.9, situata nella costellazione australe dell’Indiano. Essa è stata scoperta il 14 giugno scorso dall’osservatorio cileno Cerro Tololo. Durante l’esplosione la supernova ha raggiunto le 570 miliardi di luminosità solari, un valore mai osservato per oggetti di questo tipo e che lascia intendere si tratti di un caso veramente estremo, probabilmente appartenente ad una nuova categoria di oggetti.

Nel team internazionale guidato da S. Dong dell’Università di Pechino, spicca anche il nome di Gianluca Masi, astronomo e divulgatore italiano leader del noto Virtual Telescope Project.

In che modo si può generare un’esplosione di tale entità? Non lo si sa ancora, ma di certo non tramite i meccanismi classici per l’esplosione di supernovae, poiché nessuno di essi è compatibile con i valori osservati. Si tratta probabilmente di una nuova classe di fenomeni, legati forse ai Nuclei Galattici Attivi (AGN).

Ulteriori informazioni potrebbero venire dal Telescopio Spaziale Hubble, dal quale il team di astronomi è riuscito ad ottenere la possibilità di puntare l’oggetto per studiarne il post-esplosione.

Approfondimenti:
Virtual Telescope Project, Scoperta ASASSN-15lh: la supernova più luminosa della storia dell’umanità

S. Dong et al., ASASSN-15lh a highly super-luminous supernova, Science

Consigli di lettura:

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Nikola Tesla: 161 anni dalla nascita

Oggi nel lontano 1856 nasceva Nikola Tesla nella cittadina serba di Smiljan, ricordato come l'inventore del ventesimo secolo.
Eclettico, Tesla ha vissuto una vita travagliata, ricordiamo
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
Due galassie interagenti per Hubble


Alcune galassie sono più difficili da classificare rispetto ad altre. Qui, la fotocamera del telescopio spaziale Hubble WFC3 ha scattatato un'incredibile fotografia di due galassie
Nubi di metano su Titano


Durante il flyby del 7 maggio 2017, la sonda Cassini ha osservato queste chiare nubi di metano su Titano, luna di Saturno. Le macchie scure sono invece mari e laghi di idrocarburi presenti
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in

2 pensieri riguardo “Scoperta ASASSN-15lh, la supernova più luminosa di sempre

  • Novembre 1, 2016 in 12:28 pm
    Permalink

    570 luminosità solari? Durante l’esplosione? Altro che 570..

    Risposta
    • Novembre 1, 2016 in 2:19 pm
      Permalink

      Grazie per l’appunto, per errore non avevo scritto il “miliardi”, era 570 miliardi di L solari 🙂

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: