ExoMars, si entra nel vivo: la prima orbita scientifica del TGO

Ad un mese dall’arrivo su Marte e dopo aver assistito impotente allo schianto di suo fratello Schiaparelli, il Trace Gas Orbiter è pronto ad iniziare la sua attività scientifica.

trace_gas_orbiter_at_mars_node_full_image_2
Una rappresentazione del TGO in volo sul Pianeta Rosso. Credits: ESA

Il Trace Gas Orbiter, per gli amici TGO, è frutto della collaborazione ESA-Roscosmos ed è arrivato su Marte appena un mese fa, il 19 ottobre. L’orbita iniziale era molto eccentrica, spaziando da 230 a 310 km di altitudine in circa 4,2 giorni.

Il satellite sarà completamente attivo dal punto di vista scientifico a marzo 2018, quando si sarà disposto su un’orbita quasi circolare a 400 km di altitudine: si tratta di un’operazione lenta in quanto l’orbita viene modificata gradualmente con la tecnica dell’aerobraking, ossia sfruttando il poco attrito viscoso esercitato dalla debole atmosfera marziana sul TGO.

Ma nel corso della prossima settimana si potrà avere un assaggio dell’attività scientifica del TGO in quanto inizieranno le operazioni di calibrazione degli strumenti.

trace_gas_orbiter_instruments_node_full_image_2
Gli strumenti a bordo del TGO. Credits: ESA
Ma di quali strumenti stiamo parlando?
1) Il rivelatore di neutroni (FREND): misura il flusso di neutroni uscenti dalla superficie marziana a causa dell’impatto di raggi cosmici. Dai parametri di questo flusso sarà possibile determinare la composizione degli strati superficiali: l’interesse fondamentale di questo sensore è quello di evidenziare l’eventuale presenza di acqua o ghiaccio d’acqua entro i primi due metri di profondità;
2) NOMAD (Nadir and Occultation for MArs Discovery): si tratta di tre spettrometri (due per l’infrarosso ed uno per l’ultravioletto) in grado di analizzare i componenti atmosferici con elevata precisione. NOMAD userà le tecniche dell’occultazione solare e della luce riflessa al Nadir che consistono nel ricavare la composizione osservando rispettivamente il Sole attraverso l’atmosfera o la luce riflessa del Sole sulla superficie;
3) ACS (Atmospheric Chemistry Suite): tre strumenti per l’infrarosso per studiare la struttura e la chimica dell’atmosfera marziana. In effetti si tratta di un complemento di NOMAD necessario per estendere la sensibilità del TGO nella banda infrarossa;
4) CaSSIS (Colour and Stereo Surface Imaging System): una fotocamera ad alta risoluzione (5 metri per pixel) e a colori necessaria per analizzare il contesto geologico e dinamico per gli strati atmosferici analizzati dagli altri strumenti.

Si tratta quindi di una serie di strumenti dedicati allo studio dell’atmosfera marziana. Di particolare interesse è il metano, che sulla Terra è prodotto tramite processi biologici o geologici (ad esempio nelle reazioni idrotermali).

Nelle due orbite programmate per la calibrazione di questi strumenti gli scienziati hanno pianificato anche l’osservazione di Phobos, la più grande delle due lune marziane.

Fonte: www.esa.int

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Roma Tre punta gli Occhi su Giove
Venerdí 8 giugno 2018 dalle 19:00 a mezzanotte presso il Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi Roma Tre si terrà Occhi su Giove, un evento dedicato al gigante
Giove, il gigante: introduzione
Il prossimo 4 luglio la sonda JUNO arriverà in orbita attorno a Giove. Durante l'attesa di questo avvenimento verranno pubblicati su questo blog una serie di approfondimenti riguardo il
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole
La prima immagine 3D di una nube molecolare
Utilizzando il Telescopio Spaziale Herschel dell'ESA, due ricercatori hanno osservato una nube molecolare situata a 570 anni luce di distanza dalla Terra nella costellazione
La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: