La prima foto del flyby di Juno: la settima perla di Giove

L’11 dicembre Juno ha effettuato un nuovo flyby del Gigante Gassoso e oggi il team della missione ne condivide i primi risultati.

Questa foto è stata scattata dallo strumento JunoCam, a bordo di Juno, la sonda della NASA che, dopo un po’ di indecisione iniziale, ha iniziato la sua attività scientifica attorno a Giove.

La foto ritrae la settima delle 8 cosiddette perle di Giove, un insieme di tempeste rotanti in senso antiorario nell’emisfero Sud del gigante gassoso. Queste tempeste variano nel tempo, compaiono, si dissipano, si scontrano e si fondono tanto che dal 1986 il numero di questi ovali bianchi è variato tra 6 e 9 ed attualmente è pari a 8.

La foto è stata scattata l’11 dicembre 2016 alle 9:27 PST durante il terzo flyby di Juno attorno a Giove. La distanza era di 24.600 km dal pianeta.

La JunoCam è una camera che lavora nel visibile e a colori per ritrarre le nubi di Giove e i dettagli dei poli. Si tratta di uno strumento pensato soprattutto per il pubblico che per scopi scientifici, ma può comunque aiutare a dare un contesto ai dati degli altri strumenti in modo da poterne localizzare visivamente i risultati.

Fonte: NASA, Juno Captures Jupiter “pearl”

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Sentinel-5P ed i nuovi dati sull'inquinamento atmosferico
Il satellite dell'ESA Sentinel-5P, lanciato il 13 ottobre scorso, ha fornito le prime mappature dell'inquinamento atmosferico. Il satellite è in realtà ancora
SpaceUp 2018: resoconto della non-conferenza pisana
Lo SpaceUp di quest'anno si è tenuto a Pisa. Sulle rive dell'Arno 2 giorni di conferenza, anzi di non-conferenza, sull'esplorazione spaziale e l'astronautica. Qui il
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole
Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: