Quando il cielo di Marte si illumina

Lo scorso ottobre la NASA ha ottenuto la prima mappatura del nightglow marziano tramite le sue sonde orbitanti.

This ultraviolet image near Mars’ South Pole was taken by MAVEN on July 10 2016 and shows the atmosphere and surface during southern spring. The ultraviolet colors of the planet have been rendered in false color, to show what we would see with ultraviolet-sensitive eyes. Darker regions show the planet's rocky surface and brighter regions are due to clouds, dust and haze. The white region centered on the pole is frozen carbon dioxide (dry ice) on the surface. Pockets of ice are left inside craters as the polar cap recedes in the spring, giving its edge a rough appearance. High concentrations of atmospheric ozone appear magenta in color, and the wavy edge of the enhanced ozone region highlights wind patterns around the pole.
Credits: NASA/MAVEN

Il Mars Atmoshpere and Volatile Evolution (MAVEN) ha scattato immagini del pianeta all’ultravioletto, rivelando il moto dei venti ad elevate altitudini. In queste immagini è ben visibile il fenomeno noto come Nightglow, per il quale il cielo risulta luminoso anche in assenza di una luce esterna. Su Marte questo è legato alle emissioni dell’ossido di azoto presente in atmosfera.

Credits: NASA/MAVEN

Queste emissioni sono prodotte quando la luce ultravioletta proveniente dal Sole rompe i legami presenti nelle molecole di azoto e di anidride carbonica nel lato diurno del Pianeta Rosso.
I venti ad alta quota trasportano gli atomi così ottenuti in giro per la tenue atmosfera del pianeta, passando anche al lato notturno di Marte. Qui i venti scendono ad altitudini minori, dove azoto e ossigeno si uniscono formando ossidi di azoto. L’energia legata alla combinazione di questi atomi è rilasciata nella banda ultravioletta.

Fonte: Space.com

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
OSIRIS-REx e Bennu: si comincia



Il 17 agosto la sonda della NASA OSIRIS-REx ha ottenuto le sue primissime immagini dell'obiettivo della missione: l'asteroide Bennu. Da una distanza di 2.2 milioni di chilometri,
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: ecco tutti gli eventi
Associazioni di astrofili, università, o iniziative di privati cittadini: l'eclissi di Luna di venerdì attira l'attenzione di tutti. La notte del 27 non sarà solo
1,2,3 stella: quando una supergigante scompare.
Avete capito bene, un stella scomparsa. No non è un thriller astronomico e neanche uno scherzo, si tratta di una vera e propria supergigante rossa grande 25 volte quanto
L'ombra nei crateri di Cerere


Ecco come l'illuminazione dell'emisfero nord di Cerere varia con la variazione dell'inclinazione dell'asse di rotazione, rispettivamente 2°, 12° e 20° nei tre fotogrammi della GIF, dove
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii
20 Luglio 1969: 48 anni dal primo allunaggio


Il 20 Luglio 1969, alle ore 21:19 italiane, il modulo lunare "Eagle" toccava la superficie lunare.
Poche ore più tardi, l'astronauta Neil Armstrong, comandante della missione,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: