5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza

Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato l’immaginario di intere generazioni di persone in tutto il mondo, tra cui molti scienziati, tanto che la sua influenza si fa sentire anche nel mondo scientifico.

Ecco un elenco di ciò che nella scienza prende nome dal mondo e dalla mitologia tolkeniana.

1. Mordor Macula (Caronte)

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/564x/c2/f3/41/c2f34193b490e6db0c695b63a253c2a4.jpg

Il polo nord di Caronte, principale luna di Plutone, prende il nome -per ora non ufficiale- di Mordor, la terra nera controllata da Sauron, l’oscuro signore della Terra di Mezzo. La somiglianza nella forma è evidente dalla mappa in figura, il fatto poi che la Mordor Macula sia più scura del resto del satellite ha fornito ciò che mancava per scegliere questo nome.

Caronte ha una superficie prevalentemente grigia a causa di ghiaccio d’acqua sporco. Il grigiore è  però di quando in quando interrotto da macchie rosse, che sembrano essere costituite da uno strato che ricopre la topografia sottostante. Queste macchie sono composte da toline, delle molecole che si formano per irraggiamento di composti organici come metano ed etano. Siccome Caronte non ha un atmosfera che possa contenere questi composti organici che vengono irraggiati, si ritiene che questi provengano dal vicino Plutone. Queste molecole organiche si vanno a depositare più facilmente ai poli di Caronte, formando la Mordor Macula al polo Nord ed una equivalente macchia scura al polo Sud.

2. Saturno

Uno scorcio sugli anelli di Saturno fotografato dalla sonda Cassini, in orbita attorno a Saturno. Credits: NASA/JPL

In questa lista non poteva di certo mancare lui, Il Signore degli Anelli per antonomasia. I grandi anelli di Saturno sono composti da milioni di frammenti di ghiaccio di dimensioni dal micrometro al metro, che orbitano sul piano equatoriale del gigante gassoso. Gli anelli si estendono fino a circa 120.000 km di altitudine sul livello delle nubi visibili del pianeta (livello in cui la pressione vale 1 bar). Le numerose interruzioni visibili tra gli anelli sono causate dal moto orbitale dei tantissimi satelliti naturali del pianeta, che spesso vi generano anche deformazioni e ondulazioni. I satelliti più influenti da questo punto di vista sono detti satelliti pastori.

3. Asteroidi
2991 Bilbo e 2675 Tolkien sono due asteroidi scoperti nel 1982 e che portano l’uno il nome del protagonista de Lo Hobbit e l’altro dell’autore stesso. 2991 Bilbo è un asteroide della fascia principale di Asteroidi, la fascia situata tra Marte e Giove che determina la distinzione tra Sistema Solare interno ed esterno. La sua orbita ha un semiasse maggiore di 2,34 UA (dove 1 UA è la distanza media della Terra dal Sole). 2675 Tolkien fa parte della famiglia di asteroidi Floriani, un gruppo di asteroidi rocciosi della fascia principale composti principalmente da silicati (e perciò detti di tipo S).

L’orbita blu e gialla indica dove 2991 Bilbo si trova sopra o sotto l’eclittica, il piano in cui orbita la Terra. Credits: minorplanetcenter.net

4. Monti
Shadowfax, Gandalf e Aragorn sono tre monti della British Columbia, in Canada, nominati in seguito ai personaggi de Il Signore degli Anelli (Shadowfax è noto in italiano come Ombromanto ed è il cavallo donato da re Théoden a Gandalf). Insieme formano il cosiddetto gruppo di Tolkien.

http://www.clubtread.com/forumPix/427000/427545.jpg
Il monte Shadowfax (Ombromanto). Credits: www.clubtread.com

5. Tassonomia biologica

La classificazione degli esseri viventi è senz’altro il campo scientifico che più di tutti ha risentito dell’influenza della mitologia tolkeniana. Tolkien è in assoluto l’autore più commemorato per via tassonomica. Circa 80 tra generi e specie hanno infatti ricevuto nomi che più o meno direttamente derivano dalla mitologia tolkeniana. Eccone qualche esempio:

Cordylus giganteus.jpg
Smaug giganteus è la specie tipo del genere Smaug, dei sauri diffusi nel sud dell’Africa. Tolkien era originario del Sud Africa e Smaug è il drago che custodisce il tesoro di Erebor ne Lo Hobbit. Credits: Wikipedia
Skull with associated mandible.
L’Homo Floresiensis è una specie estinta del genere Homo nota familiarmente come hobbit, i piccoli uomini della Terra di Mezzo, a causa delle sue piccole dimensioni. Credits: Wikipedia
http://mothphotographersgroup.msstate.edu/Files1/JAP/300/JAP1107.4-300.jpg
Elachista Finarfinella è una delle 37 falene di genere Elachista classificate con nomi provenienti dalla mitologia Tolkeniana dall’entomologo Lauri Kaila. Finarfin è l’elfo Noldor fratello di Fëanor, il creatore dei Silmaril ne Il Silmarillion.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

NGC 6231, un ammasso di neonate nello Scorpione
NGC 6231, situato a circa 5200 anni luce dalla Terra, è un soggetto incredibilmente interessante per lo studio degli ammassi stellari. Si trova infatti alla fine della fase
Medaglie Fields 2018, l'italiano Alessio Figalli tra i vincitori

La medaglia Fields, in onore del professor John Charles Fields, è un premio che viene assegnato ogni quattro anni in occasione del congresso internazionale
La Morte di Cassini
Ci siamo quasi, si avvicina uno dei momenti più tristi del 2017. La sonda Cassini ci ha regalato tantissime fotografie e dati su Saturno, ma ormai è arrivato il momento di mandarla in pensione e perciò
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
3 tipi di frane sul pianeta nano Cerere
Tramite i dati della sonda Dawn della NASA è stato possibile osservare numerose frane sul pianeta nano Cerere, causate probabilmente da una significativa quantità di ghiaccio d'acqua
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre
Raggi Cosmici, Fulmini e Datazioni al Carbonio
Un nuovo studio dell'Università di Kyoto ha scoperto che le tempeste possono produrre gli stessi isotopi del carbonio che vengono prodotti dai raggi cosmici ed usati per

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Al via la nuova stagione di Superquark
Da mercoledì 4 luglio 2018 in prima serata su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 
Un po’ tutti gli italiani
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Onde Gravitazionali: la prima volta di LIGO e VIRGO
Il 27 settembre 2017, la Collaborazione Virgo e la Collaborazione LIGO hanno annunciato la prima osservazione di onde gravitazionali ottenuta tramite il lavoro congiunto
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato

2 pensieri riguardo “5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza

  • gennaio 4, 2017 in 8:48 am
    Permalink

    Il Signore degli Anelli di Tolkien è il Sole visto dalle popolazioni nordiche nei suoi movimenti circolari stagionali. Gli anelli di Saturno invece sono la tela di Penelope.
    Penelope
    “…… Sono ormai tre anni, e fra poco verrà il quarto, da che essa va ingannando l’animo in seno agli Achei, … essa escogitò nella sua mente quest’inganno: Piantò un grande telaio e cominciò a tessere nella sua casa una tela sottile e assai larga …
    (Vedi libro II, versi 88-110)

    Sette anni per tessere la tela, sette anni per scioglierla (dopo quasi quattro anni dall’inizio della stagione i segni sono ormai ben visibili e non possono essere più ignorati/nascosti). ” http://www.chilometrando.org/tela_penelope.htm

    Risposta
    • gennaio 4, 2017 in 1:12 pm
      Permalink

      Molto bello, grazie! 🙂

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: