2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra

KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L’evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla Terra. Lo studio  è stato presentato durante il 229° meeting dell’American Astronomical Society.

http://www.virtualtelescope.eu/wordpress/wp-content/uploads/2017/01/KIC9832227_10jan2016_pw17.jpg

L’evento in questione è denominato Red Nova e consiste nella collisione tra due stelle che si trovano a stretto contatto in un sistema binario, tanto che il loro guscio più esterno di gas arriva a toccarsi. L.A.Molnar et al hanno iniziato a studiare il sistema nel 2013, ma la variabilità di KIC 9832227 era nota già dal 2004: inizialmente si riteneva una RR Lyrae, ma le osservazioni hanno successivamente confermato che si trattava di un sistema binario a eclisse, ossia la luminosità sembra variare a seconda che si vedano contemporaneamente le due stelle o se una si trova nascosta dietro l’altra.

Le due stelle orbitano nella costellazione del Cigno con un periodo di sole 11 ore, e per metà di quel tempo una delle due si trova eclissata dall’altra, con una riduzione di luminosità di circa 0.15 magnitudini. Questo periodo si riduce esponenzialmente, ed avendo il “precedente” di V1309 Sco, una red nova osservata nel 2008 che si è a posteriori ricostruito fosse originata da un sistema binario di stelle con periodo che si riduceva esponenzialmente, si è quindi predetto che l’evento dovrebbe avvenire nel 2022 con un margine di errore di 7 mesi. Le due stelle sono di attualmente di magnitudine 12, e quindi inosservabili ad occhio nudo, ma l’evento dovrebbe aumentarne la luminosità di 10.000 volte, portandolo ad essere visibile anche nei cieli cittadini.

 

Sarà un evento a cui difficilmente si potrà assistere due volte nella vita, quindi vale la pena aspettare e non lasciarselo sfuggire.

Fonte: virtualtelescope.eu

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

A tutto plasma! - Respirando l'alta atmosfera
Il 5 Marzo è stato acceso per la prima volta un propulsore elettrico air breathing, cioè un propulsore elettrico in cui entra una miscela di gas attraverso una presa d'aria
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Polaris Flare non è veramente un "flare", ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell'Orsa Minore, nella
Eureka! Quando l'ipotesi diventa teoria
Vi sarete accorti che molto spesso i termini "teoria" e "ipotesi" vengono spesso fraintesi dai "non addetti ai lavori". Vi è ormai una confusione di massa su questi due termini,
Caverne sotterranee sulla Luna: una possibilità per l'umanità?
Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters confirma l'esistenza di un canale lavico nell'Oceanus Procellarum, sulla Luna. Questa conferma apre
Tempesta solare in arrivo venerdì 8 settembre
In soli quattro giorni sono avvenuti ben tre brillamenti nella stessa regione attiva del Sole. Due di questi nella giornata di mercoledì, si temono disturbi alle telecomunicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: