Fratture di fango nel terreno marziano

Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA21263_modest.jpg
Una rete di piccoli poligoni sulla superficie rocciosa di Marte si potrebbero essere formati durante una fase di disseccamento del fango più di 3 miliardi di anni fa. Il luogo della scoperta è quello della regione di Murray, alla base dell’Aeolis Mons (Mount Sharp), all’interno del cratere di Gale e la foto è stata scattata il 20 dicembre 2016 durante il 1555 giorno marziano (sol) della missione Curiosity sul Pianeta Rosso. I colori della fotografia sono aggiustati per somigliare maggiormente a quelli che osserveremmo qui sulla Terra, in modo da facilitare il lavoro dei geologi nel riconoscimento delle formazioni rocciose. I poligoni hanno dimensioni di circa 1 o 2 cm e sono suddivisi tra di loro da creste risultanti probabilmente da un processo successivo al disseccamento: i sedimenti trasportati dal vento si sono accumulati all’interno delle fratture aperte. In una fase successiva, il fango disseccato e questi sedimenti sarebbero diventati roccia grazie alla pressione esercitata da strati depositati successivamente al di sopra di essi. Questi livelli sarebbero recentemente stati erosi dal vento in maniera differenziale: il fango è infatti meno resistente all’erosione rispetto ai sedimenti che si erano depositati nelle fratture, e questo fa sì che questi si trovino attualmente più in alto rispetto al fango, generando delle creste tra i poligoni. Le mud cracks ci dicono molto della storia della regione, in particolare riguardo le fasi umide e quelle di disseccamento del lago che probabilmente una volta era ospitato nel cratere di Gale.

 

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA21261_modest.jpg
Questa lastra di roccia, lunga circa 1,2 metri, è nota come “Vecchio Ubriacone” (Old Soaker) ed è caratterizzata da una rete di fratture che si potrebbero anch’esse essere originate per disseccamento di fango nel passato di Marte.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La
(4) Vesta: intervista sull'evoluzione geologica dell'asteroide di Dawn
Vesta è uno degli asteroidi più grandi della Fascia Principale di Asteroidi. La sonda Dawn della NASA lo ha visitato tra ill 2011 ed il 2012 ed i
1,2,3 stella: quando una supergigante scompare.
Avete capito bene, un stella scomparsa. No non è un thriller astronomico e neanche uno scherzo, si tratta di una vera e propria supergigante rossa grande 25 volte quanto
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: gallery fotografica
In questa galleria riportiamo tutte le foto pubblicate dagli utenti nella nostra Community su Facebook. Se non siete iscritti potete farlo qui.

Buona visione!

(Nella
La scienza dei fiocchi di neve (galleria macrofotografica)
Con l'arrivo dell'inverno arrivano anche le prime nevicate e con esse tanta geometria. Eh sì, perché se avete mai visto un fiocco di neve con una lente d'ingrandimento
Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli
Due giganti gassosi in formazione per ALMA
Due pianeti gioviani in formazione attorno a HD 169142, a 470 anni luce da noi, sono stati osservati da un team di ricerca guidato da Davide Fedele, dell'INAF di Firenze.

Il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: