Fratture di fango nel terreno marziano

Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA21263_modest.jpg
Una rete di piccoli poligoni sulla superficie rocciosa di Marte si potrebbero essere formati durante una fase di disseccamento del fango più di 3 miliardi di anni fa. Il luogo della scoperta è quello della regione di Murray, alla base dell’Aeolis Mons (Mount Sharp), all’interno del cratere di Gale e la foto è stata scattata il 20 dicembre 2016 durante il 1555 giorno marziano (sol) della missione Curiosity sul Pianeta Rosso. I colori della fotografia sono aggiustati per somigliare maggiormente a quelli che osserveremmo qui sulla Terra, in modo da facilitare il lavoro dei geologi nel riconoscimento delle formazioni rocciose. I poligoni hanno dimensioni di circa 1 o 2 cm e sono suddivisi tra di loro da creste risultanti probabilmente da un processo successivo al disseccamento: i sedimenti trasportati dal vento si sono accumulati all’interno delle fratture aperte. In una fase successiva, il fango disseccato e questi sedimenti sarebbero diventati roccia grazie alla pressione esercitata da strati depositati successivamente al di sopra di essi. Questi livelli sarebbero recentemente stati erosi dal vento in maniera differenziale: il fango è infatti meno resistente all’erosione rispetto ai sedimenti che si erano depositati nelle fratture, e questo fa sì che questi si trovino attualmente più in alto rispetto al fango, generando delle creste tra i poligoni. Le mud cracks ci dicono molto della storia della regione, in particolare riguardo le fasi umide e quelle di disseccamento del lago che probabilmente una volta era ospitato nel cratere di Gale.

 

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA21261_modest.jpg
Questa lastra di roccia, lunga circa 1,2 metri, è nota come “Vecchio Ubriacone” (Old Soaker) ed è caratterizzata da una rete di fratture che si potrebbero anch’esse essere originate per disseccamento di fango nel passato di Marte.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

DPF-Device - La Fusione ad Impulsi!
A settembre vi avevamo parlato di Proto Sphera, un approccio innovativo che riconcepisce i tokamak, le tradizionali camere di reazione, che si propone per raggiungere plasmi molto densi
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Un telescopio fatto in casa
Ospitiamo il contributo di Dante Bissiri, utente della nostra community, che ci racconta la sua esperienza nella costruzione di un telescopio fatto in casa.
Era il 1978 quando decisi di costruire
L'arrivo dell'inverno nel pianeta del Trono di Spade
"L'inverno sta arrivando" è una delle frasi più ripetute nella serie televisiva della HBO. L'ultima estate è durata 9 anni, ed i personaggi della serie temono un inverno
Oltre le nubi di Venere

Con una pressione circa 90 volte quella terrestre ed una temperatura oltre il doppio della nostra, è un inferno di anidride carbonica avvolto da un banco di nubi di acido solforico. In questo
Il videogioco alleato del cervello
Quante ore passate o avete passato sui videogiochi? Vi è sembrato tempo perso? E se vi dicessimo che invece tutte quelle ore spese di fronte allo schermo potrebbero essere state utili?



Sembra
Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Polaris Flare non è veramente un "flare", ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell'Orsa Minore, nella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: