Perla di Giove immortalata durante il flyby

http://photojournal.jpl.nasa.gov/jpegMod/PIA21377_modest.jpg

Questa foto è stata scattata dalla JunoCam l’11 dicembre 2016, alle 9:27 PST. In quel giorno la sonda della NASA Juno stava effettuando il suo terzo sorvolo (flyby) dell’atmosfera gioviana.

La foto è stata scattata ad una distanza di 24,400 km dal livello delle nubi di Giove corrispondente ad una pressione di 1 bar, ed è stata riprocessata dall’astrofilo Eric Jorgensen. I dati della JunoCam sono infatti disponibili sul sito della missione per un’iniziativa di citizen science, alla quale tutti i cittadini sono chiamati a partecipare. L’ovale bianco in alto a sinistra è una delle famose perle di giove: degli elementi di tempesta anticiclonica che circolano più o meno ciclicamente tra le bande del gigante gassoso.

Queste tempeste variano nel tempo, compaiono, si dissipano, si scontrano e si fondono tanto che dal 1986 il numero di questi ovali bianchi è variato tra 6 e 9 ed attualmente è pari a 8.

La JunoCam è una camera che lavora nel visibile e a colori per ritrarre le nubi di Giove e i dettagli dei poli. Si tratta di uno strumento pensato soprattutto per il pubblico che per scopi scientifici, ma può comunque aiutare a dare un contesto ai dati degli altri strumenti in modo da poterne localizzare visivamente i risultati.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Cos'è il meccanismo di Kozai

Le comete e molti oggetti transnettuniani hanno orbite veramente strane, decisamente diverse da quelle quasi circolari dei pianeti, pur essendosi formate a partire dalla dinamica della stessa
Backyard Worlds: Planet 9 - Tutti possiamo cercare il nono pianeta
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del
Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia
Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E. Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull'evoluzione dei vulcani marziani e sull'origine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: