I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che contiene molto ghiaccio d’acqua mescolato alla terra tende a fratturarsi in strutture poligonali contornate da brevi canali dritti. Nella regione polare sud di Marte questo tipo di terreno può essere coperto stagionalmente da una cappuccio polare composto di ghiaccio.

Quando in primavera questa calotta stagionale sublima (passa dallo stato solido al gassoso), del gas intrappolato al di sotto dello strato di ghiaccio si fa strada attraverso un’apertura disponibile. In corrispondenza dello scioglimento del ghiaccio sono visibili canali rettangolari che vengono sfruttati per la fuga dal gas. Ad esempio il diossido di carbonio rende parzialmente curvilinei questi canali altrimenti rettilinei.

http://photojournal.jpl.nasa.gov/figures/PIA11238_fig1.jpg

Segni di questo tipo sarebbero probabilmente rintracciabili anche a latitudini più basse, vista la variabilità dell’inclinazione dell’asse di rotazione marziano.

L’inclinazione dell’asse terrestre è di circa 23,5° e a causa della presenza della Luna questa inclinazione resta sostanzialmente costante nel tempo. Su Marte tuttavia una luna di tali proporzioni non esiste e perciò l’inclinazione dell’asse può facilmente variare nel tempo.
Attualmente infatti l’inclinazione di Marte è molto simile a quella della Terra (circa 25°), ma tramite simulazioni del Sistema Solare è stato ricavato che può subire variazioni che lo portano ad avere delle inclinazioni comprese tra 10° e 45°.
Quando l’inclinazione è di 45° i cappucci polari di ghiaccio, la cui estensione varia a causa dell’esposizione dei poli alla radiazione solare, possono diventare enormi, come si vede in questa illustrazione.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Fonte: NASA/JPL Photojournal

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Due giganti gassosi in formazione per ALMA
Due pianeti gioviani in formazione attorno a HD 169142, a 470 anni luce da noi, sono stati osservati da un team di ricerca guidato da Davide Fedele, dell'INAF di Firenze.

Il
Un telescopio fatto in casa
Ospitiamo il contributo di Dante Bissiri, utente della nostra community, che ci racconta la sua esperienza nella costruzione di un telescopio fatto in casa.
Era il 1978 quando decisi di costruire
Un guscio di plasma per i rientri atmosferici
Viaggiare nello spazio non è così semplice come si è portati a pensare. La fantascienza ci offre spesso degli scenari molto idilliaci, in cui viaggiare da un pianeta all'altro
Medaglie Fields 2018, l'italiano Alessio Figalli tra i vincitori

La medaglia Fields, in onore del professor John Charles Fields, è un premio che viene assegnato ogni quattro anni in occasione del congresso internazionale
Premio Nobel per la chimica 2016
Annunciato oggi il premio Nobel per la chimica, assegnato a Sauvage, Stoddart e Feringa, per i loro studi sulle macchine molecolari. 



Jean-Pierre Sauvage, J. Fraser Stoddart e
Bolide avvistato in Nord Italia il 30 maggio: Prime immagini e spiegazione
Il 30 maggio 2017, attorno alle 23:10, moltissime persone in un'area compresa approssimativamente tra Firenze e Milano hanno potuto ammirare uno
3 tipi di frane sul pianeta nano Cerere
Tramite i dati della sonda Dawn della NASA è stato possibile osservare numerose frane sul pianeta nano Cerere, causate probabilmente da una significativa quantità di ghiaccio d'acqua

2 pensieri riguardo “I segni dei ghiacci polari di Marte

  • novembre 11, 2017 in 10:07 am
    Permalink

    Molto interessanti sono queste pubblicazioni scientifiche e vi ringrazio.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: