Buchi neri supermassivi: mostri nascosti nell’oscurità

Le galassie che osserviamo ospitano al loro centro un oggetto compattissimo: parliamo di una massa il cui valore può arrivare fino a di 10 miliardi di Soli , racchiusa in un volume più piccolo di quello del sistema solare. Detto così, questo fatto potrebbe lasciare indifferenti, ma basta guardare qualche numero per rendersi conto di quanto questi oggetti siano estremi.

Riproduzione artistica di un buco nero.

La Via Lattea, la nostra galassia, ha un raggio di circa 50 mila anni luce (50 milioni di miliardi di chilometri), e al suo centro si nasconde un bestione, chiamato Sgr A*, la cui massa è pari a quella di un milione di Soli. Ora, prendete questa massa e stipatela tutta in raggio pari a un centesimo della distanza tra Terra e Sole (quest’ultima pari a 150 milioni di chilometri). Fa un altro effetto, vero?  In gergo astrofisico, questi mostri si chiamano SMBHs (Super Massive Black Holes, buchi neri supermassivi) e su come si siano formati la comunità scientifica non è ancora in grado di fornire una risposta certa.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dai dati alla musica: vento solare e stelle di neutroni
Quante volte vi è capitato di incappare in video come "i suoni dei pianeti", o "il suono degli anelli di Saturno"? Dei suoni intriganti, affascinanti e misteriosi.
Al via la nuova stagione di Superquark
Da mercoledì 4 luglio 2018 in prima serata su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 
Un po’ tutti gli italiani
Il volo del pipistrello, ovvero come funziona un sonar
L'ecolocalizzazione, o biosonar, è un metodo sviluppato da alcuni animali notturni, come pipistrelli e alcuni uccelli, per orientarsi nell'oscurità notturna. L'assenza
20 Luglio 1969: 48 anni dal primo allunaggio


Il 20 Luglio 1969, alle ore 21:19 italiane, il modulo lunare "Eagle" toccava la superficie lunare.
Poche ore più tardi, l'astronauta Neil Armstrong, comandante della missione,
La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La
Curiosity ha campionato una duna lineare marziana
Tra febbraio ed aprile, il rover della NASA Curiosity è stato impegnato nell'esaminare quattro siti nei pressi di una duna lineare nella regione di Bagnold Dunes da confrontare
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2018, alle 22:22, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: