Buchi neri supermassivi: mostri nascosti nell’oscurità

Le galassie che osserviamo ospitano al loro centro un oggetto compattissimo: parliamo di una massa il cui valore può arrivare fino a di 10 miliardi di Soli , racchiusa in un volume più piccolo di quello del sistema solare. Detto così, questo fatto potrebbe lasciare indifferenti, ma basta guardare qualche numero per rendersi conto di quanto questi oggetti siano estremi.

Riproduzione artistica di un buco nero.

La Via Lattea, la nostra galassia, ha un raggio di circa 50 mila anni luce (50 milioni di miliardi di chilometri), e al suo centro si nasconde un bestione, chiamato Sgr A*, la cui massa è pari a quella di un milione di Soli. Ora, prendete questa massa e stipatela tutta in raggio pari a un centesimo della distanza tra Terra e Sole (quest’ultima pari a 150 milioni di chilometri). Fa un altro effetto, vero?  In gergo astrofisico, questi mostri si chiamano SMBHs (Super Massive Black Holes, buchi neri supermassivi) e su come si siano formati la comunità scientifica non è ancora in grado di fornire una risposta certa.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'astuto Hans - il cavallo che sapeva contare
C'è stato un tempo in cui abbiamo creduto che la comunicazione fra uomo e animale potesse avvenire veramente. Di che tempo stiamo parlando?
Nella Berlino del 1904 viveva
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
Materia Oscura: la velocità delle galassie può farne a meno
I ricercatori della Case Western Reserve University dell'Ohio hanno trovato una nuova relazione che spiega l'accelerazione delle stelle nelle galassie a spirale
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: