SN 1987a, 30 anni dopo

Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato la sua luminosità di quasi un miliardo di volte rispetto alla precedente notte di osservazione. I telescopi di tutto il mondo furono puntati verso quella regione di cielo, e in breve tempo ci si rese conto che quell’oggetto così luminoso doveva corrispondere a una supernova di tipo core-collapse. Per i non esperti, si tratta della spettacolare, potentissima esplosione di una stella di grande massa giunta alla fine dei suoi giorni. Quando in queste stelle si esaurisce il combustibile che alimenta le reazioni nucleari al loro centro, viene a mancare l’energia necessaria a sostenere la struttura  contro la sua stessa gravità: avviene allora un collasso velocissimo, cui segue una esplosione, causata dall’onda d’urto che si genera dall’enorme quantità di energia rilasciata in questo tempo brevissimo. I modelli predicono che durante l’esplosione vengano espulsi una enorme quantità di neutrini, particelle leggerissime e molto poco interagenti con la materia. Effettivamente, in concomitanza dell’evento di supernova in esame si osservò un insolitamente elevato numero di neutrini, indicando che i modelli dovevano essere corretti e fornendo una gran quantità di informazioni sulla fisica di queste elusive particelle.

Una immagine del resto di supernova SN1987a.

Sfortunatamente, il telescopio spaziale Hubble non era ancora attivo e quindi si dovette attendere il 1990 per avere una prima immagine dettagliata dell’oggetto, mostrato in figura.
Gli anelli che si osservano sono composti di gas molto caldo e ionizzato; tuttavia, la morfologia non è ancora del tutto stata spiegata. Sembra però plausibile che la simmetria del sistema sia dovuta al fatto che la stella in fin di vita orbitasse intorno ad una compagna molto meno luminosa.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

SpaceUp: la Non-Conferenza sbarca a Pisa il 5 e 6 Maggio
La prima SpaceUp ha avuto luogo a San Diego nel 2010, in italia c'è stata un'edizione a Roma nel 2015 ed una a Milano nel 2016. Ma che cos'è SpaceUp, e che cos'è
Cos'è il meccanismo di Kozai

Le comete e molti oggetti transnettuniani hanno orbite veramente strane, decisamente diverse da quelle quasi circolari dei pianeti, pur essendosi formate a partire dalla dinamica della stessa
Prima nana bruna scoperta grazie a Backyard Worlds: Planet 9
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del Sistema
3 tipi di frane sul pianeta nano Cerere
Tramite i dati della sonda Dawn della NASA è stato possibile osservare numerose frane sul pianeta nano Cerere, causate probabilmente da una significativa quantità di ghiaccio d'acqua
Le onde gravitazionali di LIGO mettono alla prova la Relatività Generale
Le onde gravitazionali sono l'ennesima conferma della teoria della Relatività Generale di Einstein, eppure potrebbero nascondere anche un aspetto
Esplosioni: Deflagrazione o Detonazione?




In natura le esplosioni sono dei fenomeni assai comuni! Un accumulo di energia chimica, nucleare o semplicemente di pressione può dare origine ad un'esplosione come avviene
Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: