SN 1987a, 30 anni dopo

Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato la sua luminosità di quasi un miliardo di volte rispetto alla precedente notte di osservazione. I telescopi di tutto il mondo furono puntati verso quella regione di cielo, e in breve tempo ci si rese conto che quell’oggetto così luminoso doveva corrispondere a una supernova di tipo core-collapse. Per i non esperti, si tratta della spettacolare, potentissima esplosione di una stella di grande massa giunta alla fine dei suoi giorni. Quando in queste stelle si esaurisce il combustibile che alimenta le reazioni nucleari al loro centro, viene a mancare l’energia necessaria a sostenere la struttura  contro la sua stessa gravità: avviene allora un collasso velocissimo, cui segue una esplosione, causata dall’onda d’urto che si genera dall’enorme quantità di energia rilasciata in questo tempo brevissimo. I modelli predicono che durante l’esplosione vengano espulsi una enorme quantità di neutrini, particelle leggerissime e molto poco interagenti con la materia. Effettivamente, in concomitanza dell’evento di supernova in esame si osservò un insolitamente elevato numero di neutrini, indicando che i modelli dovevano essere corretti e fornendo una gran quantità di informazioni sulla fisica di queste elusive particelle.

Una immagine del resto di supernova SN1987a.

Sfortunatamente, il telescopio spaziale Hubble non era ancora attivo e quindi si dovette attendere il 1990 per avere una prima immagine dettagliata dell’oggetto, mostrato in figura.
Gli anelli che si osservano sono composti di gas molto caldo e ionizzato; tuttavia, la morfologia non è ancora del tutto stata spiegata. Sembra però plausibile che la simmetria del sistema sia dovuta al fatto che la stella in fin di vita orbitasse intorno ad una compagna molto meno luminosa.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

I ghiacciai pedemontani dell'isola di Ellesmere

L'immagine, ottenuta tramite il satellite Terra della NASA il 26 luglio 2009, ritrae il ghiacciaio di Turnabout, situato nell'isola canadese di Ellesmere. Si tratta di
Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli
ITER: Il primo magnete superconduttore completato e "made in Italy"
Oggi, 19 Maggio 2017 è avvenuta la presentazione del primo magnete superconduttore alla ASG Superconductors situata a La Spezia, dove è stato realizzato,
Antimateria: dal laboratorio col furgone
E' risaputo che l'antimateria è difficile da gestire, appena entra in contatto con la materia innesca la reazione nucleare più efficiente di tutte trasformando se stessa e la materia
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine
Kepler-1625b-I: la prima candidata Esoluna
La ricerca dei pianeti extrasolari è attualmente una delle maggiori sfide tecnologiche in campo astrofisico, in quanto richiedono enorme precisione della strumentazione e grande
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2017, alle 16:28, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: