SN 1987a, 30 anni dopo

Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato la sua luminosità di quasi un miliardo di volte rispetto alla precedente notte di osservazione. I telescopi di tutto il mondo furono puntati verso quella regione di cielo, e in breve tempo ci si rese conto che quell’oggetto così luminoso doveva corrispondere a una supernova di tipo core-collapse. Per i non esperti, si tratta della spettacolare, potentissima esplosione di una stella di grande massa giunta alla fine dei suoi giorni. Quando in queste stelle si esaurisce il combustibile che alimenta le reazioni nucleari al loro centro, viene a mancare l’energia necessaria a sostenere la struttura  contro la sua stessa gravità: avviene allora un collasso velocissimo, cui segue una esplosione, causata dall’onda d’urto che si genera dall’enorme quantità di energia rilasciata in questo tempo brevissimo. I modelli predicono che durante l’esplosione vengano espulsi una enorme quantità di neutrini, particelle leggerissime e molto poco interagenti con la materia. Effettivamente, in concomitanza dell’evento di supernova in esame si osservò un insolitamente elevato numero di neutrini, indicando che i modelli dovevano essere corretti e fornendo una gran quantità di informazioni sulla fisica di queste elusive particelle.

Una immagine del resto di supernova SN1987a.

Sfortunatamente, il telescopio spaziale Hubble non era ancora attivo e quindi si dovette attendere il 1990 per avere una prima immagine dettagliata dell’oggetto, mostrato in figura.
Gli anelli che si osservano sono composti di gas molto caldo e ionizzato; tuttavia, la morfologia non è ancora del tutto stata spiegata. Sembra però plausibile che la simmetria del sistema sia dovuta al fatto che la stella in fin di vita orbitasse intorno ad una compagna molto meno luminosa.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Perla di Giove immortalata durante il flyby

Questa foto è stata scattata dalla JunoCam l'11 dicembre 2016, alle 9:27 PST. In quel giorno la sonda della NASA Juno stava effettuando il suo terzo sorvolo (flyby) dell'atmosfera
Un telescopio fatto in casa
Ospitiamo il contributo di Dante Bissiri, utente della nostra community, che ci racconta la sua esperienza nella costruzione di un telescopio fatto in casa.
Era il 1978 quando decisi di costruire
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: gallery fotografica
In questa galleria riportiamo tutte le foto pubblicate dagli utenti nella nostra Community su Facebook. Se non siete iscritti potete farlo qui.

Buona visione!

(Nella
Speciale 8 Marzo: perché la scienza ha bisogno delle donne
Su iniziativa del partito socialista americano, nel 1909 venne proposta l'istituzione di una giornata della donna con l'intento di promuovere la parità dei diritti
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato
9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: