Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione

Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo statunitense Alan Stern è quella di definire cosa sia un pianeta e cosa non lo sia in base a proprietà intrinseche dell’oggetto e non a caratteristiche orbitali. Così però il Sistema Solare diventerebbe composto da oltre 100 pianeti, invece che dagli 8 attuali.

La definizione di Stern è di tipo geofisico ed è la seguente:

“Un pianeta è un corpo di massa substellare nel quale non siano mai avvenuti processi di fusione nucleare e che ha sufficiente autogravità da assumere una forma sferoidale adeguatamente descritto da un ellissoide triassiale, senza tenere in considerazione i suoi parametri orbitali.”

Che significa che non prendendo in considerazione l’orbita dell’oggetto ma solo la sua forma (a patto che non sia una stella), rientrerebbero in questa categoria anche i molti pianeti nani ed asteroidi sferoidali esistenti nel Sistema Solare. Ma non finisce qui, perché anche molti satelliti dei pianeti rientrerebbero nella definizione: la nostra Luna, i 4 satelliti medicei di Giove, alcuni satelliti di Urano, Nettuno e Saturno. Insomma, se questa proposta venisse accettata ci ritroveremmo improvvisamente con un Sistema Solare estremamente ricco di pianeti, che arriverebbero ad essere ben 110.

A prescindere che questa proposta venga accettata o meno, l’attuale definizione di pianeta dell’IAU resta comunque non soddisfacente. Un pianeta è attualmente definito tale se:

  1. Orbita attorno al Sole;
  2. Possiede dimensioni sufficienti da trovarsi in equilibrio idrostatico, ossia è approssimativamente sferoidale;
  3. Ha ripulito la sua orbita dai detriti.

Questa definizione letteralmente non prende in considerazione gli esopianeti in quanto non orbitano attorno al Sole, né i pianeti espulsi dai propri sistemi planetari, che vagano liberi. Oltre a ciò, il punto 3 non può mai essere completamente soddisfatto a causa dei continui moti di oggetti e detriti all’interno del Sistema Solare. I numerosi asteroidi che talvolta vagano vicino alla Terra ne sono un esempio, in quanto possono intersecare l’orbita terrestre.

Fonte: http://www.hou.usra.edu/meetings/lpsc2017/pdf/1448.pdf

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

In arrivo l'Asteroid Day 2017
Il 30 giugno prossimo si terrà la terza edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale per gli appassionati di asteroidi e per coloro che li temono.



In occasione dell’evento tutte
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii
William Herschel: l'uomo che contò le stelle
Sir Frederick William Herschel (Hannover, 15 Novembre 1738 - Slough, 25 Agosto 1822) è uno dei personaggi chiave dell'astronomia.

Influenzato dal padre musicista, William

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: