Un campo magnetico artificiale per far tornare l’acqua su Marte

Attualmente, l’atmosfera marziana è piuttosto sottile: poco densa e poco ricca di ossigeno, oltre ad essere continuamente bombardata da raggi cosmici e venti solari. Un nuovo studio della Planetary Science Division della NASA propone dei metodi che potrebbero riportare equilibrio nell’atmosfera e riportare acqua liquida sulla superficie.

Nel passato Marte è stato ricoperto da oceani ed acqua allo stato liquido che forse copriva anche il 30% dell’emisfero nord. Successivamente, più di 3 miliardi di anni fa, il pianeta perse la sua magnetosfera, ossia la protezione dai venti solari ottenuta grazie ad un campo magnetico planetario.La perdita di questo campo, con il conseguente arrivo di venti solari, avrebbe favorito i processi di fuga atmosferica, riducendo la quantità di acqua in atmosfera e quindi anche sulla superficie.
Se esistesse un modo per riavere questo campo magnetico, si otterrebbero un gran numero di vantaggi, non ultimo quello della protezione dai raggi cosmici di astronauti, sonde, e volendosi spingere ancora un po’ più in là, delle eventuali piante di cui avrebbero bisogno eventuali futuri coloni.

L’idea dello studio guidato da J. Green, direttore della Planetary Science Division della NASA, è quella di posizionare uno scudo magnetico nel punto L1 del sistema Marte-Sole, ossia il punto situato tra Marte e Sole in cui il campo gravitazionale generato dai due è equivalente. In questo modo si potrebbe proteggere Marte da molti venti solari, producendo un campo di 1 o 2 Tesla, stando alle simulazioni numeriche effettuate.
E quindi, l’acqua che c’entra? La riduzione dei venti solari sulla superficie genererebbe un nuovo equilibrio nell’atmosfera marziana. La temperatura media aumenterebbe di circa 4°C, facendo così sciogliere la CO2 che si trova ai poli, che evaporerebbe ed aumenterebbe l’effetto serra, aumentando così ulteriormente la temperatura e portando allo scioglimento delle calotte di acqua situate ai poli di Marte.
Sembra un’idea adatta più ad Hollywood che alla realtà, ma potrebbe non essere così, e J. Green et al. sono al lavoro per verificare quanto tempo richiederebbe questo procedimento e per condurre uno studio di fattibilità per lo scudo.

Fonte: http://www.hou.usra.edu/meetings/V2050/pdf/8250.pdf

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Vita su Marte? No, non lo sappiamo ancora
Su Marte, la vita, c'è o c'è stata in passato? La verità è che nonostante tutto, continuiamo a non saperlo. La NASA ieri ha annunciato la scoperta di antichi depositi organici
William Herschel: l'uomo che contò le stelle
Sir Frederick William Herschel (Hannover, 15 Novembre 1738 - Slough, 25 Agosto 1822) è uno dei personaggi chiave dell'astronomia.

Influenzato dal padre musicista, William
Hawaii: esploso il vulcano Kilauea
Le prime ore della mattina di oggi sono state piuttosto turbolente per i cittadini hawaiiani, che seppur evacuati per tempo, hanno visto esplodere il Kilauea, uno dei più noti vulcani
Ultima Thule: i primissimi risultati di New Horizons

New Horizons ha eseguito per la prima volta un flyby su un corpo della fascia di Kuiper, e dai dati ottenuti durante questa operazione possiamo e potremmo ottenere
Nuclei Galattici Attivi nelle Meduse
Il vento di gas generato dal moto della galassia può generare un Nucleo Galattico Attivo a partire dal buco nero centrale. Lo studio pubblicato su Nature ed eseguito da un team dell'INAF
C'è vita là fuori? Le basi dell'Astrobiologia
La ricerca della vita al di fuori della Terra continua ad essere uno dei temi più ricorrenti nella ricerca scientifica in ambito spaziale, in particolare nell'esplorazione
SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: