Tre sonde nell’aurora

https://www.nasa.gov/sites/default/files/thumbnails/image/lynch_2_launch_img_9602_chris_perry.jpg

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l’alta atmosfera e ionosfera terrestre.

I primi due missili sono stati lanciati quasi simultaneamente alle 12:41 e 12:42 a.m. EST, mentre il terzo è stato lanciato alle 2:50 a.m. del giorno dopo.

Già dai primi report della missione si è saputo che tutti e tre i missili hanno funzionato correttamente, inviando a terra i dati previsti. I primi due missili hanno viaggiato ad altitudini differenti, pari a 190 e 330 km, per avere misure aurorali su livelli differenti. Il terzo ha viaggiato a 330 km di altitudine ed era stato preceduto il 22 febbraio da uno strumento simile, in modo tale da avere una visione spazialmente ampia sull’estensione e struttura delle aurore.

Fonte: https://www.nasa.gov/feature/wallops/2017/three-rockets-launched-within-hours-explore-auroras-over-alaska

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini
Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma
In arrivo l'Asteroid Day 2017
Il 30 giugno prossimo si terrà la terza edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale per gli appassionati di asteroidi e per coloro che li temono.



In occasione dell’evento tutte
Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Storia universale della natura e teoria del cielo
Immanuel Kant aveva ventisette anni  quando lesse una recensione del libro "An original Theory of the universe" dell'inglese Richard Wright. Era il 1751 e il giovane Kant,
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: