Dawn trova ghiaccio su Cerere

Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell’INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell’INAF di Roma hanno analizzato una serie di strutture geologiche sulla superficie del pianeta utilizzando i dati della Framing Camera di Dawn, la missione NASA che ha fatto un giretto attorno a Vesta e Cerere, concentrando la propria attenzione su quelle legate al movimento di fluidi ricchi di polveri (come i nostri ghiacciai).

Una volta individuate le zone geologicamente interessanti, si è passati a studiare la quantità di ghiaccio presente tramite lo spettrometro VIR. Il risultato è stato che la densità di ghiaccio è risultata maggiore ai poli e minore all’equatore. In particolare la concentrazione di ghiaccio nel cratere Oxo è risultata particolarmente elevata: in generale si va da un 10% ad un 50% in volume a seconda della categoria geomorfologica a cui appartiene la superficie interessata. 

Su Cerere è stata osservata anche la sublimazione di tale ghiaccio,  ed uno dei prossimi obiettivi è proprio quello di capire come tale sublimazione possa avvenire.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
Le più belle foto dell'eclissi in USA
L'eclissi solare del 21 agosto è stata uno dei fenomeni astronomici più seguiti di sempre. Sono state scattate centinaia di migliaia di fotografie. Qui una piccola raccolta delle
Surge glaciali: le inondazioni dei giganti di ghiaccio
Migliaia di ghiacciai si trovano nei pressi di insediamenti umani, e negli ultimi decenni, dozzine di ondate (surge glaciali) hanno provocato morti e feriti. Una
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
L'Angolo dei Paradossi: Il dilemma del coccodrillo

Un coccodrillo aveva afferrato un bambino che stava giocando sulle rive del Nilo. La madre implorò il coccodrillo di restituirglielo. "Certo" disse il coccodrillo.
L'esperimento Proto-Sphera
Vi capita mai di pensare, quando guardate le stelle o mentre vi godete il calore del sole, che state ricevendo l'energia erogata da milioni di atomi che si sono fusi nel nucleo di una stella
Tiangong-1: chi rompe paga? Le politiche internazionali sui danni spaziali
Ce lo stiamo chiedendo in molti: se la Tiangong-1 dovesse cadere in un centro abitato, chi risarcirà i danni? Esistono degli accordi internazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: