Urano e Nettuno, viaggi verso i due giganti ghiacciati

Cassini verso Saturno, Juno verso Giove, New Horizons verso Plutone, Hayabusa1, Hayabusa2 e OSIRIS-REx verso asteroidi vicini, Rosetta verso la cometa 67P/ Churyumov-Gerasimenko, Dawn verso Cerere e Vesta… Insomma l’elenco è lungo, anche escludendo le decine di missioni verso Marte, ma Urano e Nettuno? Nessuno ci pensa mai?

Urano e Nettuno. Credits: NASA

L’unica sonda averli osservati da vicino è stata la Voyager 2, che li ha sorvolati ormai qualche decennio fa (nel 1986 e nel 1989). Adesso alla NASA e all’ESA si comincia a parlare seriamente di pianificare una missione verso i due giganti ghiacciati.

Se parteciperanno in misura rilevante più agenzie spaziali, l’idea è quella di lanciare due sonde gemelle verso entrambi i pianeti, che possano osservare da vicino i due giganti lanciando eventualmente delle sonde atmosferiche. Se invece dovesse essere una missione principalmente NASA, sarà probabilmente ripetuto il format di Galileo o Cassini-Huygens con priorità su Urano per la maggiore vicinanza. Il dubbio sulla partecipazione o meno dell’ESA è legato soprattutto alle tempistiche: la NASA vorrebbe lanciare per il 2030, ma in quegli anni l’ESA sarà occupata con le missioni L2 ed L3.
Una cosa è certa: la NASA è necessaria perché la lontanza dei due pianeti rende inutilizzabile l’energia solare durante le fasi orbitali ed è invece necessaria la tecnologia nucleare, prerogativa dell’agenzia statunitense.

Ancora le cose da decidere sono molte, ma finalmente si sta muovendo qualcosa ed i due pianeti più lontani nel Sistema Solare (a meno che non ci sia anche Planet Nine) potrebbero svelare molti dei misteri che ancora li avvolgono.

Motori come computer. Perché usare un gran numero di motori
Prima che il Falcon Heavy facesse il suo debutto nessun razzo con un così gran numero di motori è mai riuscito ad arrivare in orbita. Si può pensare che i vettori
Storia dell'Esplorazione di Marte
Marte, il Pianeta Rosso, da sempre ha affascinato gli uomini, che con il tempo hanno imparato ad amarlo e conoscerlo sempre più a fondo. Sebbene molte osservazioni del pianeta furono
Tuoni e fulmini
Vi siete mai chiesti che cosa sono i fulmini? Spesso molti fenomeni che ci circondano sono talmente comuni che ci dimentichiamo di chiederci cosa li scateni, eppure conoscerne l'origine ci permette di
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
Stephen Hawking: chi era
14 marzo 2018, muore Stephen Hawking. Astrofisico teorico, cosmologo, divulgatore e paladino per i diritti dei disabili, Hawking è stato probabilmente l'astrofisico più celebre dei nostri tempi.
L'esordio del Falcon Heavy! - la prima storica missione interplanetaria della SpaceX
Ieri, infine alle 21:45 dopo svariati rinvii a causa di forte vento in alta quota, il Falcon Heavy ha fatto il suo debutto dalla storica
Eureka! Quando l'ipotesi diventa teoria
Vi sarete accorti che molto spesso i termini "teoria" e "ipotesi" vengono spesso fraintesi dai "non addetti ai lavori". Vi è ormai una confusione di massa su questi due termini,

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Polaris Flare non è veramente un "flare", ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell'Orsa Minore, nella
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo
Meccanica Statistica questa sconosciuta
Oggi vi voglio parlare della Meccanica Statistica, ovvero della sorellina minore, non per importanza scientifica sia ben chiaro, della più nota triade composta da Meccanica Classica,
I 4 migliori obiettivi per il rover NASA del 2020
Nel 2020 la NASA lancerà un nuovo rover, e gli scienziati si sono pronunciati sui possibili luoghi di atterraggio di questa missione. Il cratere Jezero, il più accreditato
Trump ci riporterà sulla Luna?
Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, l'11 dicembre ha firmato una direttiva che richiede alla NASA di tornare sulla Luna. L'ordinanza presidenziale è stata effettuata senza indicazioni
La fine programmata di Rosetta
La sonda Rosetta, in orbita attorno alla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è prossima alla sua fine, con l'atterraggio sulla cometa programmato per venerdì 30 settembre alle 12:40 italiane.
La

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: