Nikola Tesla: 161 anni dalla nascita

Nikola Tesla

Oggi nel lontano 1856 nasceva Nikola Tesla nella cittadina serba di Smiljan, ricordato come l’inventore del ventesimo secolo.

Eclettico, Tesla ha vissuto una vita travagliata, ricordiamo la “guerra delle correnti” che Edison gli mosse per ostacolare la diffusione della sua corrente alternata. A causa dei suoi studi sulla trasmissione di energia senza fili (ed al suo ideale per cui l’energia dovesse essere libera per chiunque; da cui “free energy“, concetto che da molti è stato completamente distorto), fu abbandonato dai suoi principali finanziatori, che portò la sua società alla bancarotta, la conseguente confisca del suo laboratorio e della Wardenclyffe Tower (torre per lo studio della trasmissione di energia elettrica a distanza), poi demolita nel 1917.

Nell’immaginario collettivo la figura di Tesla portò alla nascita dello stereotipo dello “scienziato pazzo”, sia per i suoi interessi eclettici e per l’essere un visionario proiettato in un futuro, molto lontano dalla realtà dell’epoca, che lui stesso stava contribuendo a creare, ma soprattutto a causa della sua idea di realizzare un arma, il cosiddetto “raggio della morte” (Teleforce), per l’esercito statunitense, paese di sua adozione, considerando che potesse essere un “deterrente bellico” per prevenire qualsiasi tipo di guerra.

Si è interessato dello sviluppo della corrente elettrica alternata, del trasformatore elettrico, del motore elettrico sincrono ed asincrono, dell’alternatore, della trasmissione in radiofrequenza di segnali, costruendo il primo dispositivo radiocomandato. Si è interessato di fluidodinamica inventando la sua valvola di non ritorno (valvola senza parti mobili), e la sua turbina senza pale, considerata dallo stesso la sua migliore invenzione, che fu alla base della prima centrale (idro) elettrica a corrente alternata delle cascate del Niagara, e per aver sperimentato prima di tutti la trasmissione di energia a distanza. Risulta aver registrato oltre 600 brevetti.

Statua di Nikola Tesla alle Cascate del Niagara.
Fonte

Tra le ricerche di Tesla più di “confine”  ricordiamo la trasmissione di energia a distanza, attraverso i “medium naturali”, e quindi lo sviluppo di metodi per estrarre energia dall’elettromagnetismo naturale, (sfruttare il ciclo di “carica e scarica” del condensatore terrestre), riprendendo i lavori dello scienziato Benjamin Franklin sull’elettricità atmosferica.

Amico di molti scienziati dell’epoca, tra cui ricordiamo il fisico William Crookes, sviluppatore del tubo di Crookes che genera raggi x. Quando sviluppò il suo Radiant Energy Collector, egli non si riferiva nient’altro che alle radiazioni naturali (ed ai raggi cosmici). È proprio nell’ottica della ricerca in fisica di fine ottocento-inizio novecento che vanno interpretate le ricerche di Tesla.

Ancora oggi Tesla fa parlare tanto di sé,  anche in varie pellicole cinematografiche di fantascienza come “The Prestige” in cui venne interpretato da David Bowie, e citato in “Tomorrowland“. Inoltre i suoi studi più “di frontiera” sono ripresi con l’ottica di riuscire a realizzare la sua visione di energia libera, come in questo esperimento “DIY” di trasmissione di energia a distanza, usando basse potenze, attraverso i trasformatori risonanti di Tesla (le cosiddette “Bobine di Tesla”):

La comunità scientifica lo ha omaggiato dando il suo nome alla grandezza che misura l’intensità del campo d’induzione magnetica (B) del SI.

Chiudiamo questo breve “memoriale” su Tesla con una citazione del suo libro autobiograficoLe mie invenzioni“, >>che trovate qui<<:

“Nel frattempo mi ero profondamente interessato ai fenomeni elettrici grazie alla stimolante influenza del mio professore di fisica, un uomo ingegnoso che spesso ci dimostrava i principi mediante strumenti di sua invenzione. Tra questi ricordo un dispositivo a forma di lampadina, libera di ruotare su se stessa e rivestita con fogli di alluminio, che iniziava a ruotare velocemente appena veniva collegata a una macchina elettrostatica. È impossibile per me esprimere adeguatamente l’intensità delle sensazioni che provavo assistendo alle dimostrazioni di questi misteriosi fenomeni. Ogni effetto produceva migliaia di eco nella mia mente. Volevo saperne di più di questa meravigliosa forza; desideravo sperimentare e investigare, ma allo stesso tempo mi rassegnavo all’inevitabile con il cuore pieno di dolore.”

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
Cambiamento climatico ed attività solare: ci sono legami?
Si tratta di un tema caldo, che scalda gli animi perché spesso intrecciato con la politica, e che scalda anche l'atmosfera del pianeta su cui abitiamo. Spesso
La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione
9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
6 GIF che parlano della meteorologia di Marte


Le immagini di Marte spesso ci danno l'impressione che Marte sia un pianeta morto e statico, caratterizzato solamente da qualche sporadica tempesta di sabbia. In realtà

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Calendari: cosa sono e quali sono i più utilizzati
Il calendario gregoriano è quello più utilizzato al mondo, e nonostante ci confrontiamo con esso ogni giorno, non sempre sappiamo quale sia il suo funzionamento e quali
Scoperto il segreto del Blob Lyman-Alfa
Un team dell'ESO ha scoperto la vera natura dei Blob Lyman-Alfa grazie all'ausilio dei telescopi ALMA e VLT.
I blob Lyman-Alfa, per gli amici LAB, sono nubi di idrogeno di incredibili
Crani delle balene come antenne
Della comunicazione delle balene sappiamo molto, ma ancora esistono molti misteri. In particolare a lungo è rimasta l’incognita del loro sistema uditivo: come fanno a sentire? Una nuova
Breve storia del telescopio spaziale Hubble
È il 24 Aprile del 1990, tira un'aria fredda nel complesso di lancio 39, presso il John F. Kennedy Space Center. Le persone sono in visibilio e c'è una tale confusione in giro
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
Come scegliere il primo Telescopio - guida completa

Vorrei iniziare ad osservare il cielo, quale telescopio mi conviene acquistare?

È una domanda che ci viene posta di continuo e con questo articolo vorremmo provare
Nubi di metano su Titano


Durante il flyby del 7 maggio 2017, la sonda Cassini ha osservato queste chiare nubi di metano su Titano, luna di Saturno. Le macchie scure sono invece mari e laghi di idrocarburi presenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: